Biblioteca Salaborsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Biblioteca Salaborsa
Biblioteca Salaborsa.jpg
La piazza coperta di Salaborsa
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàBologna
IndirizzoPiazza Nettuno 3, 40124 Bologna
Caratteristiche
TipoPubblica, generalista
ISILIT-BO0563
Numero opere230.289
Apertura2001
Proprietàcomune di Bologna
GestioneBologna Biblioteche
Sito web
Coordinate: 44°29′40.65″N 11°20′33.21″E / 44.494624°N 11.342557°E44.494624; 11.342557

La Biblioteca Salaborsa è una biblioteca pubblica di Bologna. È stata inaugurata nel 2001 all'interno della Sala Borsa da cui prende il nome.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sala Borsa.
L'entrata della biblioteca

Tra il 1988 e il 1990, contestualmente al progetto urbanistico detto Parco urbano di Piazza Maggiore, viene proposto di trasformare la Sala Borsa da sede di uffici comunali a moderno polo culturale. La Biblioteca Centrale di Palazzo Montanari infatti soffriva della carenza di spazi e si intendeva così restituire al pubblico grandi porzioni di Palazzo d'Accursio.[1]

Negli anni '90, contemporaneamente all'avanzamento dei lavori, proseguono le indagini sulla realizzazione della nuova biblioteca, in particolar modo tra il 1995 e il 1997, quando il progetto viene visto come prioritario dall'amministrazione anche in vista della nomina di Bologna a capitale europea della cultura per il 2000.[2] Si giunge dunque alla definizione della Sala Borsa quale grande biblioteca pubblica generalista, contemporanea e multimediale: 12.000 mq di spazio, 100.000 volumi all'apertura con una capienza potenziale di 400.000, piazza coperta come fulcro centrale della biblioteca utilizzabile per conferenze, mostre ed altro; materiali audiovisivi e multimediali come cd e videocassette; 620 periodici italiani ed esteri e 45 quotidiani consultabili.[3]

Tra il 1997 e il 2000 si susseguono i lavori, nonostante il cambio di giunta del 1999 che vede il progetto come troppo dispendioso (la spesa annua di gestione prevista era di 7,695 miliardi di lire). Alcune gare d'appalto vengono fermate e si pensa di ampliare la superficie concessa ad attività private. Il 12 dicembre 2001 finalmente la biblioteca viene inaugurata, con un finanziamento totale di 51 miliardi di lire.[4]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

credenti di fronte alla Biblioteca, durante la celebrazione del Grande Giubileo, 2000

Salaborsa è una biblioteca pubblica multimediale di informazione generale che documenta in particolare la cultura contemporanea attraverso diverse tipologie di documenti: libri, audiolibri, giornali, fumetti, riviste, mappe, video, CD audio, DVD, CD-ROM e banche dati. Tra gli obiettivi della biblioteca sono previsti la diffusione dell'uso delle risorse elettroniche e l'accesso alle nuove tecnologie dell'informazione; la documentazione della società bolognese contemporanea e dell'area metropolitana; il porsi come centro di aggregazione attraverso i servizi e l'organizzazione di eventi culturali aperti a tutti.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 più di 1.200.000 persone hanno visitato la biblioteca, e sono stati effettuati circa 530.000 prestiti.[5]

Patrimonio[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca ha ereditato le collezioni e le funzioni delle biblioteche Centrale, Ragazzi e Ruffilli; raccoglie più di 255.000 volumi, di cui 55.000 per bambini e ragazzi, tutti collocati a scaffale aperto.[6] Inoltre possiede una vasta collezione multimediale che comprende circa 6.700 videocassette, 11.500 cd, 2000 tra cd-rom e dvd e altri 53.000 materiali audiovisivi.[7]

Il catalogo delle collezioni della biblioteca è consultabile sull'OPAC del Polo bolognese del Servizio bibliotecario nazionale (SBN/UBO).[8]

La biblioteca gestisce, per conto del sistema bibliotecario metropolitano di Bologna, EmiLib, la biblioteca digitale della regione Emilia-Romagna. Essa fa parte della rete MLOL (Media Library On-Line) e possiede 385.082 ebook oltre a rendere accessibili altre risorse digitali quali quotidiani, riviste, spartiti musicali, immagini e audiolibri.[5][9]

Salaborsa Ragazzi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brandinelli, pp.6-7.
  2. ^ Brandinelli, pp.9-10.
  3. ^ Brandinelli, pp.12-13.
  4. ^ Brandinelli, pp.14-17.
  5. ^ a b Statistiche, su bibliotecasalaborsa.it. URL consultato il 26 marzo 2022.
  6. ^ Libri, su bibliotecasalaborsa.it. URL consultato il 26 marzo 2022.
  7. ^ Biblioteca Salaborsa, su Anagrafe delle Biblioteche Italiane. URL consultato il 26 marzo 2022.
  8. ^ SBN UBO catalogo del polo bolognese, su sol.unibo.it. URL consultato il 26 marzo 2022.
  9. ^ EmiLib, su emilib.medialibrary.it. URL consultato il 26 marzo 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN139355594 · WorldCat Identities (ENlccn-n2005020243