Aeroporto Internazionale di Esfahan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto Internazionale di Esfahan
aeroporto
Isfahan International Airport 03.jpg
Codice IATAIFN
Codice ICAOOIFM
Nome commercialeAeroporto Internazionale di Esfahan Shahid Beheshti
(FA) فرودگاه بین المللی شهید بهشتی اصفهان
Descrizione
Tipocivile e militare
ProprietarioGoverno dell'Iran
GestoreIran Airports Company
StatoIran Iran
ProvinciaProvincia di Esfahan
CittàEsfahan
Altitudine1 542 m s.l.m.
Coordinate32°45′03″N 51°51′40″E / 32.750833°N 51.861111°E32.750833; 51.861111
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Iran
OIFM
OIFM
Sito webisfahan.airport.ir/
Piste
Orientamento (QFU)LunghezzaSuperficie
07R/25L4397 mAsfalto
07L/25R4397 mAsfalto
Statistiche (2017)
Passeggeri in transito2 784 616

L'aeroporto Internazionale di Esfahan (IATA: IFNICAO: OIFM) (in persiano فرودگاه اصفهان‎ – Farūdegāh-e Eşfahān) è un aeroporto internazionale che serve la città di Esfahan, in Iran.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto è stato intitolato in onore di Shahid Beheshti. A fini amministrativi e di censimento, è considerato un villaggio nel distretto rurale di Qahab-e Shomali, nel distretto centrale dello shahrestān di Esfahan, nella provincia di Esfahan, in Iran. L'aeroporto ha due terminal, uno per i voli nazionali e uno per quelli internazionali.

Adiacente all'aeroporto si trova la base aerea di Khatami, costruita negli anni settanta appositamente per dislocare i reparti dell'allora Niru-ye Havayi-ye Shahanshahiy-e Iran, l'aeronautica militare dell'Iran retto dallo scià Mohammad Reza Pahlavi, equipaggiati con gli statunitensi Grumman F-14 Tomcat.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 15 febbraio 1965, il Vickers Viscount marche EP-AHC della compagnia aerea Iranian Airlines fu danneggiato al di là dei vantaggi economici per le riparazioni quando il carrello d'atterraggio collassò a causa di un atterraggio duro.[1]
  • Il 18 novembre 2009, il Fokker F100 marche EP-CFO dell'Iran Air ha subito un malfunzionamento del carrello al decollo. L'aereo era su un volo per l'aeroporto Internazionale di Teheran-Mehrabad, quando il carrello non è rientrato. L'aereo è atterrato a Esfahan ma è rimasto sostanzialmente danneggiato dal collasso dell'elemento principale sinistro del carrello.[2]
  • Il 15 gennaio 2010, il Fokker F100 marche EP-IDA dell'Iran Air, che operava il volo 223, è rimasto sostanzialmente danneggiato quando la gamba di forza anteriore del carrello è collassata dopo l'atterraggio.[3]
  • Il 24 gennaio 2010, il Tupolev Tu-154M del volo Taban Air 6437, partito il giorno prima dall'aeroporto Internazionale di Abadan con destinazione l'aeroporto Internazionale di Mashhad, durante la notte ha dovuto effettuare uno scalo tecnico a Esfahan causa le condizioni meteorologiche presenti sullo scalo di arrivo. Dopo la ripresa del volo, nonostante le pessime condizioni meteo, a causa di un'emergenza medica ha dovuto atterrare nuovamente a Esfahan, impattando violentemente con la pista; tutti i 157 passeggeri e i 13 membri dell'equipaggio sopravvissero all'incidente, 42 di essi subirono lievi ferite.[4][5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Descrizione incidente, su aviation-safety.net. URL consultato il 12 luglio 2020.
  2. ^ Descrizione incidente, su aviation-safety.net. URL consultato il 12 luglio 2020.
  3. ^ Accident: Iran Air F100 at Isfahan, su avherald.com. URL consultato il 12 luglio 2020.
  4. ^ Accident: Kolavia T154 at Mashhad, su avherald.com. URL consultato il 12 luglio 2020.
  5. ^ Iranian plane catches fire on landing, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 12 luglio 2020.
  6. ^ Plane catches fire trying to land in Iran, su www.cnn.com. URL consultato il 12 luglio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]