Carlo Cocchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ristorante con piscina, Mostra d'Oltremare
Torre del Policlinico
Acquario tropicale, Mostra d'Oltremare. Fortemente manomesso.

Carlo Cocchia (Napoli, 23 novembre 1903Napoli, 7 marzo 1993) è stato un architetto e pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi nel 1935, dopo due anni diviene professore di Scenografia e Decorazione alla Facoltà di Architettura di Napoli, successivamente diverrà prigioniero di guerra e nel 1950 occupa la cattedra di Elementi di Composizione Architettonica, dal 1959 occupa la cattedra di Composizione Architettonica al Politecnico di Milano che manterrà fino al 1967, ritornato a Napoli occupa la cattedra di Composizione Architettonica. La sua attività di architetto lo ha portato a diventare accademico di San Luca e membro del Comitè de liaison des architectes du Marchè Commun, si è occupato anche di pubblicazioni su riviste specializzate e sui quotidiani.

Tra le sue opere più importanti che sono sparse sul territorio nazionale vi sono la Centrale elettrica del Volturno; vinse il concorso per la realizzazione della Stazione Centrale di Napoli aggiudicandosi il fabbricato viaggiatori insieme ai progetti di Pier Luigi Nervi che si era occupato delle strutture e di Massimo Battaglini che si occupò dello spazio interno; lo Stadio San Paolo alla cui realizzazione parteciparono Gerardo Mazziotti e altri progettisti e oggi amaramente deturpato; notevole è suo impegno nella creazione della Mostra d'Oltremare, Cocchia insieme a Giulio De Luca progettarono buona parte di padiglioni ed edifici pubblici di corrente razionalista come l'acquario tropicale e il ristorante con piscina; progettò il complesso termale di Saloro-Castellammare con le collaborazioni di Franco Iossa, Alfredo Sbriziolo e Mazziotti. Realizzò numerosi interventi di edilizia popolare e tra questi si ricordano il Rione La Loggetta a Fuorigrotta con Renato D'Ambrosio, Alfredo Sbriziolo, Gerardo Mazziotti e Elio Lo Cicero; il Rione Mazzini con Luigi Cosenza e Francesco Della Sala; le Case Popolari a Secondigliano insieme a Steno Paciello, Davide Pacanowski e Michele Capobianco; il Rione Stella Polare con Giulio De Luca e Della Sala e infine un rione popolare a Nardò. Mentre realizza nel dopoguerra Villa Lydia che rappresenta un buon risultato di razionalismo e una villa ad Amalfi, e infine ha progettato anche il Centro elettronico del Banco di Napoli e il Nuovo Policlinico, (Torre del II Policlinico) con Massimo Nunziata e altri.

Le sue opere realizzate fuori Napoli si possono citare altre al complesso termale e le case popolari di Nardò anche le filiali della Banca d'Italia a Roma, Grosseto e Sassari e il Centro elettronico della Banca d'Italia a Roma e il Palazzo dell'Arte a Cremona.

La sua attività di architetto si affiancava a quella di pittore futurista.

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Stenti, NAPOLI MODERNA - Città e Case popolari 1868-1980, Clean edizioni, Napoli
  • AA.VV, Enciclopedia dell'Architettura Vol.1 lemma Carlo Cocchia, Motta Editori (Il Sole 24 ore), Cinisello Balsamo (MI).
  • Sergio Stenti e Vito Cappiello, NapoliGuida - 14 itinerari di architettura moderna, Clean Edizioni, Napoli.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96465361 · ISNI (EN0000 0000 7818 8833 · LCCN (ENn87882249 · GND (DE12407894X · ULAN (EN500105253 · BAV ADV10017471