Giovan Battista Mazzolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovan Battista Mazzolo o Giovanni Battista Mazzola (Carrara, XV secolo1550) è stato uno scultore italiano.

Portale situato all'interno del Duomo di Catania.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartiene alla corrente toscano-carrarese già attiva presso la Corte Partenopea. I componenti in cerca di nuove committenze si spingono più a Sud stabilendosi in parte a Messina, a Palermo e relative province. La corrente introduce in Sicilia lo stile Rinascimentale con opere d'arte sacra e profana che spaziano dai monumenti celebrativi a quelli commemorativi. Dediti alla statuaria in qualità di "sculptores" o "magistri marmorarii", anche come costruttori e architetti "fabricatores", Il Mazzolo è annoverato nell'elenco del "Privilegium marmoraris et fabricatoribus" stilato in Palermo il 18 settembre 1487 e spesso citato nella monumentale opera di Gioacchino Di Marzo negli anni 1868 - 1880 circa la scultura e gli artisti operanti in Sicilia a cavallo del XIV, XV e XVI secolo.

Risulta attivo dal 1513,[1] come scultore a Messina dove, dopo la partenza dalla città di Antonello Gagini di cui forse fu allievo, risulta a capo di un'affermata bottega. Fu il primo di una lunga serie di scultori toscani che caratterizzerà la cultura artistica di Messina e della Sicilia. L'abbondante produzione della sua bottega rivaleggiava in quantità con quella dei Gagini e riguardava sia committenze della Sicilia Orientale che della Calabria. Fu particolarmente attivo nella realizzazione di elementi scultorei architettonici contribuendo all'affermazione del linguaggio rinascimentale nella Sicilia orientale. Lavorò anche al portale del duomo di Messina.

Le sculture a tutto tondo sono spesso opere ripetitive di bottega su modelli di Francesco Laurana o Domenico Gagini, di livello spesso modesto, prive della fluidità di forme dei modelli e caratterizzate da una certa asprezza e disarmonia delle proporzioni,[2] anche se sono state individuate influenze del Sansovino e alcuni spunti della cultura manierista.

Padre di Giandomenico Mazzolo.

Opere in Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo marmoreo de "L'Annunziata" a Novara di Sicilia.
Cappella della Pietà, Duomo di Messina.

Provincia di Catania[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Messina[modifica | modifica wikitesto]

Santa Caterina d'Alessandria, Museo regionale di Messina.

Provincia di Siracusa[modifica | modifica wikitesto]

Opere in Calabria[modifica | modifica wikitesto]

  • 1530, "Annunciazione", gruppo marmoreo, opera originariamente destinata alla chiesa del convento dell'Annunziata e oggi custodita nella chiesa di Santa Maria della Consolazione di Brognaturo.[6]
  • 1532, "Madonna con Bambino", statua marmorea, opera custodita nella chiesa della frazione di San Procopio di Sinopoli.[6]
  • 1533, "Madonna con Bambino e Santi" o "Madonna delle Grazie", trittico marmoreo, pala d'altare raffigurante la Vergine tra San Francesco d'Assisi e Sant'Antonio di Padova, opera custodita nella chiesa del Ritiro di Cetraro.
  • 1533, "San Basilio Magno", statua marmorea, in collaborazione col figlio Giandomenico, opera destinata alla chiesa della frazione di Sant'Agata (1535) e custodita nella chiesa di Gesù e Maria a Cataforio.[14]
  • 1542, "Santa Maria della Croce", statua marmorea con basso rilievo della Pietà al centro, San Giovanni Battista a destra, Sant'Agostino a sinistra, opera proveniente dalla chiesa di Santa Maria della Croce del convento dell'Ordine di Sant'Agostino di Francavilla Angitola[11] e attualmente custodita nella chiesa del Carmine di Filadelfia.
  • 1542, "Madonna con Bambino", statua marmorea, opera custodita nella chiesa dell'Assunta di Castellace.
  • XVI secolo, "Madonna con Bambino", statua marmorea, con bassorilievi sul piedistallo raffiguranti: l'Angelo Annunciante, la Madonna con Bambino, la Santa Casa di Loreto sorretta dagli Angeli e la Vergine Annunciata. Opera custodita nella chiesa dell'Assunta o di Santa Maria di Loreto a Melicuccà.
  • XVI secolo, "Madonna del Soccorso", statua marmorea, opera proveniente dalla chiesa di Santa Maria del Soccorso distrutta dal Terremoto della Calabria meridionale del 1783 e custodita nella chiesa San Biagio di Scido.
  • XVI secolo, "Madonna con Bambino", statua marmorea, attribuzione, opera custodita nella chiesa di Santa Maria della Colomba di San Martino di Taurianova.
  • XVI secolo, "Madonna della Croce", statua marmorea, opera custodita nella chiesa del Carmine di Filadelfia.
  • XVI secolo alcune opere sono presenti nella Chiesa parrocchiale Maria Santissima Assunta di Terranova Sappo Minulio 89010 in provincia di Reggio Calabria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandra Migliorato, Tra Messina e Napoli: la scultura del Cinquecento in Calabria da Giovan Battista Mazzolo a Pietro Bernini, pag.29, ISBN 88-87617-35-X
  2. ^ Alessandra Migliorato, op. cit.
  3. ^ a b Gioacchino di Marzo, pp. 758
  4. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 760
  5. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 764 e 765
  6. ^ a b c d e Gioacchino di Marzo, pp. 755
  7. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 748
  8. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 750
  9. ^ a b Gioacchino di Marzo, pp. 751
  10. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 752
  11. ^ a b c Gioacchino di Marzo, pp. 759
  12. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 760 e 761
  13. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 749
  14. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 755 e 756

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40276687 · GND (DE123071526 · CERL cnp00573266