Antonello Freri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonello Freri (Messina, 1478Messina, aprile 1536) è stato uno scultore italiano del rinascimento siciliano..

Monumento Balsamo, Museo regionale di Messina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Messina e provincia[modifica | modifica wikitesto]

Catania e provincia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1494 - 1495, Cappella di Sant'Agata, cattedrale di Sant'Agata.[4][5]
    • Portale, monumentale manufatto marmoreo, varco d'accesso alla «Cammaredda» o sacello di Sant'Agata.
    • Retablo, elevazione marmorea costituente l'Altare di Sant'Agata. Sui vari ordini sono disposti i bassorilievi con le scene di martirio subiti: l'Asportazione della mammella, il Supplizio dei carboni ardenti; i pannelli raffiguranti il rientro delle sacre spoglie da Costantinopoli; la teoria di Angeli che presentano i simboli della Passione di Cristo; il trittico centrale ripartito in nicchie, scomparto mediano la mandorla riproducente Gesù incorona Sant'Agata presentata dalla Vergine Maria fra putti festanti, ai lati gli apostoli San Pietro e San Paolo, sul cornicione le statuette a tutto tondo degli evangelisti e rispettiva allegoria: Luca, Giovanni, Marco, Matteo.
    • Sepolcro Acuña, manufatto marmoreo, monumento funebre e sepoltura di Fernando de Acuña y de Herrera, conte di Buendía, opera commissionata dalla moglie Donna Maria d'Avila. Iscrizioni autografe: "HOC OPUS ET SEPVLCRVM ILLVDHIVSTRIS DONNI - FERDINANDI DEACVNA PRO REGIS SICILIE MANDAVIT - FIERI EIVS CHARISSIMA VXOR DONA MARIA DE AVILA - ANNO DOM. M. CCCCLXXXXV", e OPVS ANTONI DEFRERI MESSENESIS.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 747
  2. ^ Giuseppe Fiumara, pp. 70
  3. ^ Touring Club Italiano, pp. 913 e 914
  4. ^ Touring Club Italiano, pp. 696
  5. ^ Francesco Ferrara, pp. 528

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]