Galleria d'arte contemporanea (Assisi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Galleria d'arte contemporanea
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàAssisi
IndirizzoVia Ancajani 3
Caratteristiche
TipoArte contemporanea
Fondatoridon Giovanni Rossi
Apertura1951, riaperta nel 2005
Sito web

Coordinate: 43°04′15.7″N 12°36′39.6″E / 43.071028°N 12.611°E43.071028; 12.611

La Galleria d'arte contemporanea fa parte della Rete museale ecclesiastica umbra[1], ed è curata dell'Osservatorio della Pro Civitate Christiana[2] di Assisi.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le raccolte della Galleria d'arte contemporanea traggono origine dalle iniziative promosse dal fondatore, don Giovanni Rossi, negli anni quaranta, intese a documentare le diverse raffigurazioni iconografiche del Cristo nell'arte contemporanea.

La Pro Civitate Christiana ha organizzato fin dalla sua fondazione l'acquisizione di alcune opere esposte dagli artisti nelle mostre Personali di arte cristiana, poi negli anni cinquanta e sessanta ha promosso concorsi e commissioni rivolte ai più grandi artisti contemporanei sul tema iconografico di Gesù Divino Lavoratore, dando vita ad opere di notevole valore[4].
Un'altra importante iniziativa è stata condotta in collaborazione con le Accademie d'arte, per avvicinare i giovani artisti al tema di Cristo. L'assegnazione di premi nelle grandi rassegne nazionali e nelle principali mostre d'arte sacra ha inoltre portato altri contributi alla raccolta.
Molte opere d'arte afro-asiatica di grande interesse sono state acquisite in occasione dell'Anno Santo del 1950. In seguito sono state acquistate la raccolta di stampe antiche a soggetto cristologico e le 58 incisioni del Miserere di Georges Rouault[5].

Sezioni della Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Il museo espone in quattro sale dipinti, sculture, stampe e documenti vari[6].

La galleria custodisce una collezione di oltre 1500 stampe antiche (dei maggiori incisori dei secoli XVI - XIX), organizzata per soggetto (momenti della vita di Cristo): tramite inventari cartaceo ed elettronico, può essere studiata per autore, incisore, o secondo criteri di storia dell'arte e della stampa. Di notevole interesse anche le stampe e i disegni contemporanei di artisti dei quali generalmente la Galleria possiede anche opere di pittura o scultura (quali Carpi, Crocetti, De Chirico, Biagini), e le xilografie di Pietro Parigi.

Uno spazio è dedicato al settore iconografico, che raccoglie moltissime fotografie di opere d'arte sia antica che contemporanea, sempre inerenti al soggetto cristologico.
Infine un'insolita sezione esamina l'espressione infantile, documentando il lavoro condotto con le scuole di base del territorio sui nuovi e antichi strumenti e linguaggi della comunicazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rete museale ecclesiastica umbra
  2. ^ Sito ufficiale della Pro Civitate Christiana
  3. ^ L'Osservatorio della Pro Civitate Christiana nel suo insieme (Biblioteca, Galleria, Fonoteca, Iconografico) intende studiare e documentare la presenza di Cristo nella storia, nella cultura e nell'arte.
  4. ^ Le opere custodite nel museo
  5. ^ Storia del museo
  6. ^ Le sale del museo

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musei Portale Musei: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musei