Museo nazionale del Ducato di Spoleto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Spoleto.

Museo nazionale del Ducato di Spoleto
Rocca Albornoziana.JPG
Museo nazionale del Ducato. Rocca albornoziana.
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàSpoleto
IndirizzoPiazza Campello, 1
Caratteristiche
TipoArte
FondatoriMIBACT
Apertura2007
Visitatori36 309[1] (2015)
Sito web

Coordinate: 42°44′02″N 12°44′20″E / 42.733889°N 12.738889°E42.733889; 12.738889

Il Museo nazionale del Ducato di Spoleto, inaugurato il 3 agosto 2007 (il progetto originale risale al 1982), è situato all'interno della Rocca Albornoziana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il museo occupa una superficie complessiva di 1.241 metri quadrati (dei quali 864 utilizzati per l'esposizione di 190 opere), ed è suddiviso in 15 sale che sono disposte su due livelli.

Le opere esposte appartengono ad un arco temporale che va da IV al XV secolo, e testimoniano i secoli di passaggio dall'età romana alla tarda antichità.

La raccolta è composta da sarcofagi ed iscrizioni funerarie provenienti dalle aree cimiteriali situate nei dintorni di Spoleto. Si possono ammirare anche notevoli mosaici pavimentali e decorazioni scultoree risalenti al VI secolo e frammenti scultorei appartenuti ad aule di culto di epoca longobarda e carolingia-ottoniana. Vi è anche esposta una ricca sezione pittorica che documenta il periodo romanico, nonché tratti dello stile rinascimentale del XV secolo.

Camera Picta

Nel maggio del 2015 viene inserito dal MIBACT tra i “Gioielli Italiani”: diciassette tra musei e aree archeologiche scelti nell'ambito dell'iniziativa che prevede l'ingresso gratuito riservato ai possessori del biglietto per Expo 2015[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Visitatori e introiti dei musei
  2. ^ Il MIBACT regala 17 "Gioielli italiani" con EXPO, su beniculturali.it, 12 maggio 2015. URL consultato il 12 maggio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]