Galassia Nana Ursa Major I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nana dell'Orsa Maggiore
Galassia sferoidale
Scoperta
ScopritoreBeth Willman et al.
Data2005
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
CostellazioneOrsa Maggiore
Ascensione retta10h 34m 52,8s
Declinazione+51° 55′ 12″
Distanza330000 a.l.
(100000 pc)
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia sferoidale
ClassedSph[1]
Altre designazioni
UMa dSph
Mappa di localizzazione
Galassia Nana Ursa Major I
Ursa Major IAU.svg
Categoria di galassie sferoidali

Coordinate: Carta celeste 10h 34m 52.8s, +51° 55′ 12″

La galassia nana dell'Orsa Maggiore (UMa dSph) è una galassia nana sferoidale satellite della Via Lattea. È stata scoperta da Beth Willman et al. nel 2005.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Essendo una piccola galassia nana misura solo poche migliaia di anni luce di diametro. Ad oggi è la seconda galassia meno luminosa conosciuta (se si escludono le galassie oscure). La sua magnitudine assoluta è solo -6,75, ciò significa che è meno luminosa perfino di alcune stelle. La sua luminosità è comparabile a quella della stella Rigel.
La galassia nana dell'Orsa Maggiore è simile alla galassia Nana del Sestante, entrambe sono vecchie e povere di metalli.

La galassia si trova a circa 330.000 anni luce dalla Terra, che è circa il doppio della distanza della Grande Nube di Magellano, la più grande e luminosa galassia satellite della Via Lattea.

Un'altra nana dell'Orsa Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

In passato esisteva un altro oggetto chiamato Nana dell'Orsa Maggiore, era stato scoperto da Edwin Hubble nel 1949. A causa della sua forma particolare per qualche tempo si è pensato fosse una galassia nana sferoidale o una galassia nana ellittica. Tuttavia più tardi si è scoperto che si tratta in realtà di un ammasso globulare della nostra galassia molto distante (360.000 anni luce). Quell'ammasso oggi si chiama Palomar 4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NASA/IPAC Extragalactic Database, in Results for Ursa Major dSph. URL consultato il 27 novembre 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari