Galassia Nana del Sestante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galassia Nana del Sestante
Galassia nana ellittica
Satell.gif
La posizione della Galassia Nana del Sestante (Sextans Dwarf) rispetto alla Via Lattea e ad altre galassie satelliti
Scoperta
ScopritoreMichael J. Irwin, M.T. Bridgeland,
P.S. Bunclark e R.G. McMahon
Data1990
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneSestante
Ascensione retta10h 13m 02.9s[1]
Declinazione-01° 36′ 53″[1]
Distanza290 mila ± 30 mila[2][3] a.l.
(80 mila ± 10 mila pc)
Magnitudine apparente (V)12[1]
Dimensione apparente (V)30,0 × 12,0 minuti d'arco[1]
Velocità radiale224 ± 2 km/s[1] km/s
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia nana ellittica
ClassedSph[1]
Altre designazioni
Sextans I,[1] LEDA 88608[1]
Mappa di localizzazione
Galassia Nana del Sestante
Sextans IAU.svg
Categoria di galassie nane ellittiche

Coordinate: Carta celeste 10h 13m 02.9s, -01° 36′ 53″

La Galassia Nana del Sestante è una galassia nana sferoidale.

È stata scoperta nel 1990 da Michael J. Irwin, M.T. Bridgeland, P.S. Bunclark and R.G. McMahon come l'ottava galassia satellite della Via Lattea [1] e prende il nome dalla costellazione del Sestante, nella quale si trova. È anche una galassia ellittica, e mostra un redshift di 224 km/s.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h NASA/IPAC Extragalactic Database, su Results for Sextans Dwarf. URL consultato il 29 novembre 2006.
  2. ^ I. D. Karachentsev, V. E. Karachentseva, W. K. Hutchmeier, D. I. Makarov, A Catalog of Neighboring Galaxies, in Astronomical Journal, vol. 127, 2004, pp. 2031-2068.
  3. ^ Karachentsev, I. D.; Kashibadze, O. G., Masses of the local group and of the M81 group estimated from distortions in the local velocity field, in Astrophysics, vol. 49, nº 1, 2006, pp. 3-18.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari