Fuori e dentro il borgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fuori e dentro il borgo
AutoreLuciano Ligabue
1ª ed. originale1997
Genereracconti
Sottogenerebiografico
Lingua originaleitaliano

Fuori e dentro il borgo è il primo libro scritto da Luciano Ligabue. Uscito il 13 maggio 1997, raccoglie una quarantina di brevi racconti che ripercorrono la vita della provincia reggiana e quella dello scrittore.

Il libro riscuote un grande successo, ed è ben accolto sia dal pubblico sia dalla critica, tanto da aggiudicarsi i premi "Elsa Morante" e "Città di Fiesole".

Da alcuni racconti di questo libro verrà tratto il primo film di Ligabue "Radiofreccia".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi bizzarri (come il Bonanza, appassionato di cinema, che alla fine di ogni film ne ripropone al pubblico occasionale le scene madri, l'incredibile scommettitore capace di trangugiare qualsiasi cosa...) si avvicendano sulla scena.

Lo scrittore alterna racconti bizzarri, quasi comici, ad altri più riflessivi, introspettivi ed autobiografici, che parlano di difficoltà e momenti particolari come, ad esempio, la morte dell'inquilino del piano di sopra, ovvero lo scrittore Pier Vittorio Tondelli; o "Certe notti" cantata con l'altro famoso Luciano della musica italiana, Pavarotti.

Ciò che lega tutti i personaggi (protagonisti o comprimari) è la presenza del medesimo fondale scenico: il borgo di Correggio, luogo dove l'autore è nato e cresciuto, e dove va a rifugiarsi quando deve, a suo dire, "staccare la spina".

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Il tipo di scrittura è semplice e genuino, surreale e realista come quello di un "cantastorie".

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]