Francesco Maria Spinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Maria Spinelli (Morano Calabro, 30 gennaio 1686Napoli, 4 aprile 1752) è stato un filosofo italiano.

Fu figlio di Antonio Spinelli, principe di Scalea, marchese di Misuraca e barone di Morano, dal quale ereditò i titoli, e di Anna Beatrice Carafa, dei principi di Belvedere. Fu allievo del filosofo cartesiano Gregorio Caloprese (1654-1715)[1].

Divulgò la filosofia cartesiana, difese alcuni colleghi, anche loro seguaci di Cartesio, accusati di ateismo[1], ed ebbe un'accesa polemica con Paolo Mattia Doria sull'origine dello spinozismo[1], in merito alla quale scrisse una prima opera critica, stampata solo in seguito nel 1733.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Riflessioni sulle principali materie della prima filosofia fatte all'occasione di esaminare la prima parte di un libro intitolato: Discorsi Critici Filosofici intorno alla Filosofia degli Antichi e de' Moderni &c. di Paolo Matti Doria [...], Stamperia di Felice Mosca, Napoli, 1733.
  • De origine mali dissertatio, 1750.
  • De bono dissertatio, 1751.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Fonte: AA. VV., Dizionario di filosofia, riferimenti in Collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfonso Mirto, "Nota sul pensiero di Francesco Maria Spinelli", in Calabria letteraria, 31, 1983, nn. 7-9, pp. 74-76.
  • Fabrizio Lomonaco (a cura di), Francesco Maria Spinelli, Vita, e studj scritta da lui medesimo in una Lettera, Il Melangolo, Genova 2007.
  • Alfonso Mirto, Spinelli Francesco Maria in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2018, ad vocem.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32735395 · ISNI (EN0000 0001 1874 6853 · SBN IT\ICCU\NAPV\079343 · LCCN (ENnb2008023849 · GND (DE115819371 · BNF (FRcb16275753h (data) · BAV (EN495/313821 · CERL cnp00383064 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2008023849