Di Capua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Di Capua (disambigua).
Corona real abierta.svg
Di Capua
Coa fam ITA di capua.jpg
Negligit ima[1]
D'oro alla banda di nero, caricata da una cotissa d'argento.
StatoItalia Italia
Casata di derivazioneArchiepiscopis[2]
TitoliCroix pattée.svg Principi
Croix pattée.svg Duchi
Croix pattée.svg Marchesi
Croix pattée.svg Conti
Croix pattée.svg Baroni
FondatoreAndrea di Capua
Ultimo sovranoBartolomeo di Capua[2]
Data di fondazioneXI secolo
Data di estinzione1790[2]
EtniaItaliana

La famiglia Di Capua, De Capua o Da Capua (in origine Archiepiscopis[2][3]), è una famiglia nobile italiana, nota sin dall'XI secolo con Adimaro di Capua, creato cardinale da papa Alessandro II[4]. Ha lasciato tracce importanti durante il Regno di Napoli, grazie alla sua cultura umanistica ed al prestigio dei suoi uomini d'arme e di chiesa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportato l'albero genealogico della famiglia Di Capua dal capostipite Andrea, vivente nel XIII secolo, fino al 1600 circa, secondo una ricostruzione dello storico Scipione Ammirato[5]:

 Andrea[A 1]
 
    
 Bartolomeo[A 2]
 Jacopo[A 3]
Riccardo
Benvenuta
  
    
 Andrea[A 4]
 Giovanni[A 11]
Martuccia[A 9]
"Mariella"[A 10]
  
    
 Giovanni "il Giovane"[A 5]
Bartolomeo
 Roberto[A 12]
Tommaso
  
    
 Ludovico[A 6]
Guglielmo[A 7]
Bianca
 Bartolomeo[A 13]
  
      
 Angelella[A 8]
Luigi[A 14]
 Lucrezia[A 15]
 Giulio Cesare[A 16]
 Fabrizio[A 17]
Jacopello (illegittimo)
   
          
 Andrea[A 18]
 Gurello (illegittimo)
Luigi[A 42]
Matteo[A 43]
Francesco
Giovanni Maria
Laura
Francesca[A 44]
Lucrezia
Bernardo (illegittimo)
  
        
 Luigi[A 19]
Maria[A 20]
 Bernardino
Lucrezia[A 45]
Bartolomeo[A 46]
Giulio Cesare[A 47]
Griselda[A 48]
Pierfrancesco (illegittimo)
  
          
 Andrea[A 21]
Francesco[A 22]
 Jacopo
 Fabrizio[A 23]
Giulio
Costanza[A 24]
 Giovanni Francesco[A 49]
Antonio
Federico
Camilla[A 50]
   
                 
Luigi[A 25]
Altobella[A 26]
Maria
Caterina
Violante
Vittoria[A 27]
Oliviero (illegittimo)
Andrea[A 28]
 Bartolomeo[A 29]
Giovanni
 ?[A 30]
 Annibale
?[A 31]
Altobella[A 58]
 Giulio Cesare[A 51]
Giovanni Francesco[A 52]
Ippolita[A 53]
    
          
 Ferrante[A 55]
Cornelia[A 32]
Ippolita[A 33]
Giovanni Francesco[A 34]
Giustiniana[A 35]
Luigi Martino[A 36]
Giulia[A 37]
Valerio[A 38]
Vincenzo[A 59]
 Matteo[A 54]
   
      
 Isabella[A 56]
Maria[A 57]
 Bartolomeo[A 40]
Giovanni[A 41]
Fabrizio
Achille[A 39]
 
  
 Cesare
Lucrezia

Membri principali[modifica | modifica wikitesto]

Feudi[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Di Capua ha posseduto, in periodi di tempo diversi, un totale di 10 principati, 9 ducati, 8 marchesati, 16 contee e 119 baronie[9].

Dimore[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è riportato un elenco non completo delle dimore abitate dalla famiglia Di Capua:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni

  1. ^ Considerato il fondatore della famiglia, fu cavaliere e consigliere reale, visse a Capua e, per i servigi fatti verso l'Imperatore Federico II di Svevia, ricevette da questi alcuni feudi. Si sposò con Giovanna ? (il cognome è ignoto).
  2. ^ Figlio primogenito di Andrea, alla sua morte ne ereditò i titoli ed i feudi. Venne creato dal Re Carlo II d'Angiò pronotario e logoteta del Regno di Napoli. Si sposò prima con Mattia di Franco e poi con Margherita dell'Oria.
  3. ^ Ricevette dal padre il titolo di pronotario del Regno di Napoli. Si sposò con Robertella Gesualdo.
  4. ^ Di lui si hanno scarse notizie. Si sposò con Bianca ?.
  5. ^ Fu cavaliere e ciambellano del duca di Calabria Carlo d'Angiò. Si sposò con Giovanna Stendardo.
  6. ^ Fu cardinale.
  7. ^ Fu ciambellano e si sposò con ? Brussono.
  8. ^ Fu contessa di Satriano e si sposò con Niccolò ?.
  9. ^ Si sposò prima con Pietro di Sus e poi con Filippo Tancredi.
  10. ^ Si sposò prima con Enrico di Capresio e poi con Filippo Filangeri.
  11. ^ Si sposò con Jacopa di Caiano.
  12. ^ Elevato il suo feudo di Altavilla al rango di contea, ne divenne il 1º conte.
  13. ^ Fu 2º conte d'Altavilla. L'identità della sua prima moglie è sconosciuta, mentre la sua seconda moglie fu Andrea Acciaiuoli, a cui Giovanni Boccaccio ha dedicato la sua opera letteraria De mulieribus claris.
  14. ^ Fu 3º conte d'Altavilla.
  15. ^ Si sposò con Guglielmo della Leonessa.
  16. ^ Fu maresciallo. Pianificò con la Regina del Regno di Napoli Giovanna II d'Angiò-Durazzo una congiura ai danni del marito Giacomo II di Borbone-La Marche; tale complotto fu scoperto da quest'ultimo, che lo fece decapitare.
  17. ^ Fu ciambellano e si sposò con Covella Gesualdo.
  18. ^ Fu 4º conte d'Altavilla e governatore di Terra d'Otranto. Si sposò con Costanza Chiaramonte, Regina del Regno di Napoli ripudiata dal Re Ladislao d'Angiò-Durazzo.
  19. ^ Fu 5º conte d'Altavilla. Si sposò con Altobella Pandone.
  20. ^ Si sposò prima con Francesco Cantelmo e poi con Baldassarre della Ratta.
  21. ^ Fu 6º conte d'Altavilla. Non si sposò e non ebbe una discendenza diretta.
  22. ^ Fu 7º conte d'Altavilla. Si sposò con Elisabetta Conti.
  23. ^ Si sposò con Lucrezia Caldora.
  24. ^ Si sposò con Sansone Gesualdo.
  25. ^ Fu 8º conte d'Altavilla. A seguito di varie vicissitudini rinuncia ai titoli in favore del fratello Bartolomeo.
  26. ^ Si sposò con Giovanni Francesco Di Sangro.
  27. ^ Si sposò con Geronimo Carafa.
  28. ^ Fu 1º duca di Termoli. Si sposò con Maria d'Ayerbo d'Aragona.
  29. ^ Fu 9º conte d'Altavilla e viceré degli Abruzzi. Si sposò prima con Roberta Boccapianola, poi con Aurelia Orsini ed infine con Lucrezia Zurlo.
  30. ^ Figlio ignoto di Francesco di Capua ed Elisabetta Conti.
  31. ^ Figlio ignoto di Francesco di Capua ed Elisabetta Conti.
  32. ^ Si sposò con Giovanni Antonio Orsini.
  33. ^ Si sposò con Antonio Carafa.
  34. ^ Si sposò con Isabella Spinelli.
  35. ^ Si sposò con Diego Cavaniglia.
  36. ^ Fu 10º conte d'Altavilla. Si sposò con Giovanna Orsini.
  37. ^ Si sposò con Giovanni Battista d'Azzia.
  38. ^ Si sposò con Lucrezia di Lagnì.
  39. ^ Si sposò con Vittoria Bozzuto.
  40. ^ Morì fanciullo.
  41. ^ Fu 11º conte d'Altavilla. Si sposò con Costanza Carafa.
  42. ^ Morì senza essersi sposato ed aver avuto figli.
  43. ^ Fu duca di Atri e Teramo, 1º conte di Palena e conte di San Flaviano. Si sposò prima con Caterina ? e poi con Raimondella del Balzo.
  44. ^ Si sposò con Onorato Gaetani.
  45. ^ Si sposò con Camillo Pandone.
  46. ^ Fu 2º conte di Palena. Si sposò con Brisa Carafa, da cui non ebbe figli.
  47. ^ Fu 3º conte di Palena. Si sposò con Ippolita di Gennaro.
  48. ^ Si sposò con Bosio I Sforza.
  49. ^ Fu 4º conte di Palena. Si sposò prima con Isabella Pignatelli e poi con Dorotea Spinelli.
  50. ^ Si sposò con Ferrante Castriota.
  51. ^ Fu 1º principe di Conca e 5º conte di Palena. Si sposò con Lucrezia Filomarino.
  52. ^ Morì senza essersi sposato ed aver avuto figli.
  53. ^ Si sposò con Carlo Spinelli.
  54. ^ Fu 6º conte di Palena.
  55. ^ Fu principe di Molfetta e 2º duca di Termoli. Si sposò con Antonicca del Balzo.
  56. ^ Si sposò con Ferrante I Gonzaga.
  57. ^ Si sposò con Vincenzo Di Capua, figlio di Annibale.
  58. ^ Si sposò con Giovanni di Guevara.
  59. ^ Fu duca di Termoli. Si sposò con Maria Di Capua, figlia di Ferrante Di Capua ed Antonicca del Balzo.

Fonti

  1. ^ Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, volume 6, Arnaldo Forni Editore, Bologna, 1875, p. 73.
  2. ^ a b c d Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, volume 1, Arnaldo Forni Editore, Bologna, 1875, p. 167.
  3. ^ Biagio Aldimari, Historia genealogica della famiglia Carafa, volume 3, Napoli, 1691, p. 440.
  4. ^ a b Raccolta d'opuscoli scientifici e filologici, volume 26, Venezia, 1742, p. 456.
  5. ^ Scipione Ammirato, Delle famiglie nobili napoletane, volume 1, Firenze, 1580, da p. 53 a p. 72.
  6. ^ Condottieri di ventura - Matteo da Capua
  7. ^ Felicita De Negri, Matteo Di Capua, Dizionario Biografico degli Italiani, volume 39, 1991.
  8. ^ Condottieri di ventura - Andrea da Capua
  9. ^ Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, volume 1, Arnaldo Forni Editore, Bologna, 1875, p. 167-168.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Berardo Candida Gonzaga, Memorie delle famiglie nobili delle province meridionali d'Italia, volumi 1 e 6, Arnaldo Forni Editore, Bologna, 1875.
  • Biagio Aldimari, Historia genealogica della famiglia Carafa, volume 3, Napoli, 1691.
  • Biagio Aldimari, Memorie historiche di diverse famiglie nobili, così napoletane, come forastiere, Napoli, 1691.
  • Carlo Maria de Raho, Peplus Neapolitanus, volume 1, Napoli, 1710.
  • Francesco Granata, Storia civile della fedelissima città di Capua (3 volumi), Arnaldo Forni Editore, Bologna, 1752.
  • Giuseppe Campanile, Notizie di nobiltà, Napoli, 1672.
  • Giuseppe Recco, Notizie di famiglie nobili, ed illustri della città, e Regno di Napoli, Napoli, 1717.
  • Marc Antonio Terminio, Apologia di tre Seggi, illvstri di Napoli, Venezia, 1581.
  • Mario Ziccardi, Gambatesa e i di Capua: i pastori e i signori, in, Ferrara D. (a cura di), Il Castello di Capua e Gambatesa. Mito, Storia e Paesaggio, Campobasso, 2011.
  • Scipione Ammirato, Delle famiglie nobili napoletane, volume 1, Firenze, 1580.
  • Scipione Mazzella, Descrittione del Regno di Napoli, Napoli, 1601.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia di famiglia