Fimbria (anatomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Fimbria (anatomia)
Illu ovary.jpg
Il numero 11 indica la fimbria
Anatomia del Gray(EN) Pagina 1257
Identificatori
TAA09.1.02.004
FMA18308

Nell'anatomia femminile la fimbria è l'ultima parte delle tube di Falloppio, fa parte dell'infundibolo. È una frangia di tessuto intorno all'ostio della tuba di Falloppio, nella direzione dell'ovaio.

Un ovaio non è direttamente collegata alla sua tuba di Falloppio adiacente. Quando l'ovulazione sta per verificarsi, gli ormoni sessuali attivano le fimbrie, facendole gonfiare di sangue e colpiscono l'ovaia con un movimento gentile e ampio. Un ovocita viene rilasciato dall'ovaia nella cavità peritoneale e le ciglia delle fimbrie spingono l'ovulo nella tuba di Falloppio.

Le fimbrie sono 10-15 linguette della lunghezza di 1 cm circa che fluttuano libere nella cavità peritoneale. Solo una di queste, la fimbria ovarica, è fissa, legata all'estremità tubarica dell'ovaio per mezzo del legamento tubo-ovarico. Le fimbrie, muovendosi sulla superficie dell'ovaio, sono in grado di raccogliere la cellula uovo espulsa a seguito dello scoppio follicolare.

Di tutte le fimbrie, una fimbria è abbastanza lunga da raggiungere l'ovaia. Si chiama fimbria ovarica. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daftary, Shirish; Chakravarti, Sudip (2011). Manual of Obstetrics, 3rd Edition. Elsevier. pp. 1-16..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Frank H. Netter, Atlante di anatomia umana, terza edizione, Elsevier Masson, 2007, ISBN 978-88-214-2976-7.