Fas al-Bali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 34°03′40″N 4°58′40″W / 34.061111°N 4.977778°W34.061111; -4.977778

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Medina di Fez
(EN) Medina of Fez
Fes, Old Medina.jpg
Tipo Culturali
Criterio ii, v
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1981
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Fes el Bali (arabo: فاس البالي‎) è la più antica parte murata di Fes, in Marocco. Fes el Bali fu originariamente fondata come capitale della dinastia degli Idrisidi tra il 789 e l'808.[1] Oltre ad essere famose per ospitare la più antica università del mondo[2], si crede che Fes el Bali, con una popolazione totale di 156 000 persone, sia la più grande area urbana del mondo in cui sia vietato il transito delle automobili.[3]

Fes el Bali è diventata un patrimonio dell'umanità dell'UNESCO nel 1981, col nome di Medina di Fez. Il sito UNESCO comprende il tessuto urbano di Fes el Bali, le sue mura, e la zona circostante.[4]

Fes el Bali è, assieme a Fes Jdid ed alla francese Ville nouvelle, uno dei tre principali distretti di Fes.

Riad, cortile centrale, tipiche case della città vecchia
Funduq al Nejjarine, XVII secolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Storia antica[modifica | modifica sorgente]

Dinastia degli Idrisidi (789-927)[modifica | modifica sorgente]

Come capitale dell'impero appena acquisito, Idris ibn Abdallah scelse di costruire una nuova città sulla riva destra del fiume Fes nel 789. Inizialmente buona parte della popolazione era composta da rifugiati che fuggivano da una rivolta scoppiata a Cordova (attuale Spagna) [5] Nel 809 suo figlio, Idris II, decise di fondare una propria capitale sulla riva opposta del fiume Fes. Anche questa volta molti rifugiati decisero di insediarsi nella nuova città, stavolta provenienti dalla rivolta di Qayrawan (situata nell'odierna Tunisia).[5]

Anche se erano separate solo dal piccolo fiume, le due città si evolsero separatamente, diventando due città indipendenti fino all'unificazione avvenuta nell'XI secolo per opera degli Almoravidi.

Un ottimo esempio di come i rifugiati contribuirono alla crescita della città di Fes è l'Università al-Qarawiyyin, costruita da un rifugiato tunisino nell'859, e considerata la più antica università del mondo.[1]

Le concerie di pelle a Fes

Miknasa e Maghrawa (927-1069)[modifica | modifica sorgente]

Durante il regno Maghrawa, Fes el Bali fu fiorente, e rimase al capitale del regno nell'odierno Marocco.

Almoravidi e Almohadi (1069–1244)[modifica | modifica sorgente]

Durante il regno degli Almoravidi Fes perse lo status di capitale quando gli Almoravids fondarono Marrakech, nuova loro capitale.

Gli Almoravidi distrussero gran parte di Fes el Bali, ma ricrearono l'odierna Fes el Bali quando unificarono le città gemelle tramite la costruzione di ponti sul fiume Fes.

Durante il regno degli Almohadi, Fes fu una fiorente città di commercio con una popolazione di 120 000 abitanti, anche se non fu capitale, grazie ai numerosi immigrati andalusi.[6]

Dinastia dei Merinidi (1244–1472)[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver sconfitto gli Almohadi in Marocco, i Merinidi spostarono la capitale da Marrakech a Fes.[6] Questo segnò l'inizio del più grande periodo della storia di Fes el Bali.[6] Quando i Merinidi spostarono la capitale a Fes nel 1276, iniziarono la costruzione di una nuova città all'esterno delle antiche mura. Inizialmente la chiamarono la Città Bianca,[6] ma dopo qualche tempo prese il nome di Fes Jdid, o Nuova Fes. È sempre in questo periodo che Fes el Bali, o Vecchia Fes, prese il suo nome. Prima della fondazione di Fes Jdid si chiamava semplicemente Fes.

Molti dei principali monumenti di Fes el Bali furono eretti dai Merinidi. Nel XIV secolo fu aggiunto un mellah (quartiere ebraico) al tessuto urbano.

Sultani Merinidi di Fes [7][modifica | modifica sorgente]
  • 1358 - 1358: Abū Ziyān al-Saʿīd Muḥammad b. Fāris
  • 1358 - 1359: Abū Yaḥyā Abū Bakr b. Fāris
  • 1359 - 1361: Abū Salīm Ibrāhīm
  • 1361 - 1361: Abū ʿUmar Tash[u]fīn
  • 1372 - 1373: Muḥammad al-Saʿīd
  • 1374 - 1384: Abū al-ʿAbbās (a Fès).
  • 1384 - 1386: Mūsā b. Fāris (Assicurò una specie d'interim durante il regno di Abū al-ʿAbbās)
  • 1386 - 1387: al-Wāthiq (Assicurò la seconda parte dell'interim durante il regno di Abū al-ʿAbbās)
  • 1384 - 1387: Abū Zayd ʿAbd al-Raḥmān (Durante il regno di Abū al-ʿAbbās à Fès regnò su Marrakesh)
  • 1387 - 1393: Abū al-ʿAbbās (seconda parte del regno)

Dinastia dei Wattasidi (1472 - 1550)[modifica | modifica sorgente]

La dinastia dei Wattasidi, definita a volte Regno di Fez, era, come quella dei Merinidi, di discendenza berbera Zanata, e le due famiglie avevano un legame di parentela. Avendo potenti nemici sia a sud (dinastia Saadita) che a nord (Spagna e Portogallo), colpisce il fatto che questo piccolo sultanato sia riuscito a restare al potere per così tanto tempo. Alla fine perse il controllo di Fes a favore della dinastia Saadita nel 1554.

Sultani Wattasidi di Fes[7][modifica | modifica sorgente]
  • Abu Abd Allah al-Sheikh Muhammad ibn Yahya 1472-1504
  • Abu Abd Allah al-Burtuqali Muhammad ibn Muhammad 1504-1526
  • Abu al-Hasan Abu Hasan Ali ibn Muhammad 1526-1526
  • Abu al-Abbas Ahmad ibn Muhammad 1526-1545
  • Nasir ad-Din al-Qasri Muhammad ibn Ahmad 1545-1547
  • Abu al-Abbas Ahmad ibn Muhammad 1547-1549
  • Abu al-Hasan Abu Hasun Ali ibn Muhammad 1554-1554

Dinastia Saadita (1554 - 1659)[modifica | modifica sorgente]

Di nuovo Fes si trovò governata da un impero che preferì riportare la capitale a Marrakech. I Saaditi giungevano da sud, riuscendo a sconfiggere i Wattasidi. Durante il loro regno riuscirono a tenere sia l'impero Ottomano che il Portogallo fuori da Fes el Bali. Tra il 1603 ed il 1627 i Saaditi nominarono a Fes un governante locale, anche se aveva in realtà pochi poteri.

Dinastia alaouita (1669 - 1912)[modifica | modifica sorgente]

In questo periodo Fes fu capitale della dinastia alouita, venne ulteriormente ingrandita ed abbellita con moschee, bagni pubblici e palazzi reali.

Protettorato francese (1912 - 1956)[modifica | modifica sorgente]

I francesi decisero di spostare la capitale da Fes a Rabat, dove è rimasta fino ad oggi. In ogni caso Fes rimase una città molto importante. I francesi costruirono anche la Ville Nouvelle di Fes nel 1916.

Indipendenza (1956 - oggi)[modifica | modifica sorgente]

Fes è diventato un importante centro turistico ed economico marocchino.

Fes el Bali ne è la principale attrazione turistica, e negli anni scorsi ha visto un aumento esponenziale del numero di turisti.

L'attrazione principale è la stessa Medina, dove le persone vivono come hanno fatto per secoli, i mercati locali e le opere architettoniche.

Paragonata ad altre città, come Marrakech, il turismo a Fes el Bali è ancora molto modesto.

Minacce[modifica | modifica sorgente]

Secondo l'UNESCO vi sono due principali pericoli per il patrimonio dell'umanità:

  • Un costante incremento della popolazione in un'area già densamente sovrappopolata, e l'incontrollato sviluppo urbano che ne risulta.[1]
  • Il deterioramento degli edifici.[1]

A causa della vulnerabilità del sito, lo Stato ha adottato uno speciale piano di protezione per ogni edificio e monumento contenuti al suo interno.[1] L'obiettivo è quello di evitare il crollo delle case, aumentare il turismo sostenibile e salvaguardare il tutto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Scheda UNESCO
  2. ^ Top 10 Oldest Universities in the World: Ancient Colleges | College Stats.org
  3. ^ 7 car-free cities: Medina of Fes-al-Bali, Morocco | MNN - Mother Nature Network
  4. ^ http://whc.unesco.org/en/list/170/multiple=1&unique_number=188
  5. ^ a b History of Fes
  6. ^ a b c d Fes, Morocco, Time Line of Morocco History, Morocco Weather Information; Latitude 34 North - Cities
  7. ^ a b Kingdoms of North Africa - Morocco