Eugenio Coccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eugenio Coccia

Eugenio Coccia (San Benedetto del Tronto, 15 novembre 1956) è un fisico italiano, attivo nel campo della fisica astroparticellare. Membro dell'Academia Europæa e fellow dell'European Physical Society, fondatore e, dal 2016, rettore del Gran Sasso Science Institute[1], è uno degli autori della scoperta delle onde gravitazionali e della prima osservazione dei buchi neri.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in fisica alla Sapienza di Roma nel 1980, nel gruppo di Edoardo Amaldi e Guido Pizzella.[2] Tra il 1981 e il 1985 è fellow al CERN di Ginevra, quindi è dapprima ricercatore (1985-1987), poi professore associato (1988-1999) e professore ordinario all'Università Tor Vergata di Roma.[2] Ha diretto gli esperimenti di ricerca delle onde gravitazionali Explorer al CERN e Nautilus ai laboratori nazionali di Frascati e partecipa dal 2006 all'esperimento europeo con l'Interferometro VIRGO. La Collaborazione LIGO/Virgo nel 2016 ha fornito la prima osservazione diretta di onde gravitazionali.[2][3]

È stato inoltre presidente della Società italiana di relatività generale e fisica della gravitazione (2000-2004), capo del comitato scientifico di fisica astroparticellare dell'Istituto nazionale di fisica nucleare (2002-2003) e direttore dei laboratori nazionali del Gran Sasso (2003-2009).[2] Dopo il terremoto dell'Aquila del 2009 si impegna a realizzare nel capoluogo abruzzese una scuola di alta formazione legata alle attività dell'INFN; alla fondazione dell'ateneo, che prende il nome di Gran Sasso Science Institute, viene nominato direttore della stessa.[4] Successivamente, alla statalizzazione dell'ateneo avvenuta nel 2016, ne viene nominato rettore.[1]

Nel 2011 è nominato Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, su proposta della presidenza del Consiglio dei Ministri.[5]Vanta pubblicazioni su Astrophysical Journal, Nature, Physical Review e numerose altre riviste scientifiche internazionali.[6] Per il suo contributo alle ricerche delle onde gravitazionali ha vinto, nel 2012, il premio e la medaglia Giuseppe Occhialini.[7]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 dicembre 2011[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Istituto nazionale di astrofisica, Eugenio Coccia eletto Rettore Del GSSI, su inaf.it. URL consultato l'11 agosto 2016.
  2. ^ a b c d Gran Sasso Science Institute, COCCIA EUGENIO, su gssi.infn.it. URL consultato il 26 giugno 2016.
  3. ^ Raniero Pizzi, Il Gssi nella scoperta del secolo, in Il Centro, 12 febbraio 2016. URL consultato il 26 giugno 2016.
  4. ^ Oscar Buonamano, La rinascita dell'Aquila passa dalla ricerca di alto livello, in l'Espresso, 23 giugno 2016. URL consultato il 26 giugno 2016.
  5. ^ a b Quirinale, Onorificenza prof. Eugenio Coccia, su quirinale.it. URL consultato il 26 giugno 2016.
  6. ^ Publications, su people.roma2.infn.it. URL consultato il 26 giugno 2016.
  7. ^ Istituto nazionale di fisica nucleare, A EUGENIO COCCIA IL PREMIO OCCHIALINI, su home.infn.it. URL consultato il 26 giugno 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44415298 · LCCN (ENn96000161 · ORCID (EN0000-0002-6669-5787 · WorldCat Identities (ENn96-000161