Edward Grierson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Edward Grierson (Bedford, 9 marzo 1914Northumberland, 24 maggio 1975) è stato uno scrittore britannico di romanzi gialli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bedford il 9 marzo 1914 e morto nel Northumberland il 24 maggio 1975, è famoso per il suo contributo al genere giallo con il romanzo d'esordio Reputation for a Song, un esempio perfetto di "Inverted detective story" dove il nome del colpevole è noto fin dall'inizio della narrazione e la suspense è ottenuta dalla serie di possibili conseguenze alle quali andrà incontro[1].

Vincitore nel 1956 del Crossed Red Herring Award con Il secondo uomo[2], alcune sue opere hanno fornito il soggetto per film e serie televisive.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sauerberg, p. 86.
  2. ^ (ES) Albo d'oro, su lecturalia.com. URL consultato il 6 agosto 2018.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Reputation for a Song (1952)
  • The Hastening Wind (1953)
  • Far Morning (1955)
  • Il secondo uomo (The Second Man, 1956), Milano, Mondadori, 1994 traduzione di Marilena Caselli (Il Giallo Mondadori N. 2380)
  • Dark Torrent of Glencoe (1960)
  • The Massingham Affair (1962)
  • A Crime of One's Own (1967)

Romanzi firmati Brian Crowther[modifica | modifica wikitesto]

  • Shall Perish with a Sword (1949)

Romanzi firmati John P. Stevenson[modifica | modifica wikitesto]

  • The Captain General (1956)

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Storm Bird: The Strange Life of Georgina Weldon (1959)
  • The Fatal Inheritance: Philip II and the Spanish Netherlands (1969)
  • The Death of the Imperial Dream (1972)
  • Confessions of a Country Magistrate (1972)
  • King of Two Worlds: Philip II of Spain (1974)
  • The Companion Guide to Northumbria (1976)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • His Mother's Son con Raymond Lulham (1953)
  • The Ninth Legion (1956)
  • The Second Man (1956)
  • Mr. Curtis's Chamber (1959)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30002943 · ISNI (EN0000 0001 0962 6155 · LCCN (ENn50031626 · NDL (ENJA00441709 · WorldCat Identities (ENlccn-n50031626