Duemila leghe sotto l'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Duemila leghe sotto l'America
Altri titoli Il tesoro misterioso
Salgari Duemila leghe sotto l'America 1888 Copertina Quinto Cenni.jpg
Duemila leghe sotto l'America, 1888. Copertina di Quinto Cenni.
Autore Emilio Salgari
1ª ed. originale 1888
Genere romanzo
Sottogenere avventura, fantascienza
Lingua originale italiano
Ambientazione Continente americano
Protagonisti John Webher
Coprotagonisti Morgan, Burthon, O'Connor
Antagonisti Carnot
Altri personaggi Smoky

Duemila leghe sotto l'America (noto anche col titolo Il tesoro misterioso[1]) è un romanzo avventuroso-fantascientifico di Emilio Salgari del 1888.

È la storia di una caccia al tesoro in un mondo perduto sotterraneo sotto il continente americano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Edizione del 1907 del romanzo, rititolato Il tesoro misterioso. Illustrazione di Luca Fornari.

Il vecchio capo indiano Smoky, viene derubato e gravemente ferito da alcuni malviventi. Sentendosi vicino a morire, convoca l'amico John Webher a cui rivela l'esistenza di una cassetta contenente misteriosi ed importanti documenti. Una simile gli è stata sottratta dai suoi feritori, tra i quali ha riconosciuto il famigerato Carnot. Webher, decifrando i documenti, scopre l'esistenza di una via sotterranea che collega il Kentucky al Perù e sorprendentemente, sempre dai documenti, rileva la presenza del mitico e favoloso "Tesoro degli Inchi". Suffragato dai fedeli Morgan, Burthon e O'Connor decide di organizzare una spedizione. L'affascinante mistero di un mondo sotterraneo che si snoda per duemila leghe nel sottosuolo americano andrà a creare ai protagonisti una serie di ostacoli ed imprevisti in una dimensione completamente atipica da quella in cui erano abituati ad agire.Il miraggio di possedere il favoloso tesoro, consentirà loro di superare tutti i rischi e le difficoltà che il vile Carnot precedendoli, ha predisposto. Nel rispetto della leggenda, che lo vuole portatore di sventure, i profanatori saranno tragicamente puniti.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [http://www.emiliosalgari.it/cicli_indice.html Emilio Salgari: tutti i romanzi
  2. ^ Vittorio Sarti "Nuova Bibliografia Salgariana", Sergio Pignatone Editore, Torino 1994, scheda n° 2 pag. 36.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]