Drusilla Tanzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Drusilla Tanzi con Eugenio Montale

Drusilla Tanzi (Milano, 5 aprile 1885Milano, 20 ottobre 1963) è stata una scrittrice italiana, moglie di Eugenio Montale che a lei avrebbe dedicato due sezioni, Xenia I e Xenia II, della raccolta poetica Satura (1970).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote di Eugenio Tanzi e sorella di Lidia Tanzi[1] (che sarà madre di Natalia Ginzburg; la Ginzburg ne proporrà la figura dagli occhiali spessi nel suo Lessico famigliare) e di Silvio Tanzi (morto suicida all'età di 30 anni e ricordato in una poesia di Satura, Xenia I, 13, da Montale), sposò nel 1910 il critico d'arte Matteo Marangoni, da cui ebbe un figlio, Andrea. Appassionata studiosa e amica di Italo Svevo[2], come scrittrice si muoveva nel gruppo Solaria di Firenze, dove conobbe Eugenio Montale, che nel 1927 ospitò a casa sua in via Benedetto Varchi e con cui andò a vivere nel 1939 in via Duca di Genova.[3] Secondo una lettera inviata ad Irma Brandeis, Montale impedisce due volte il suicidio di Drusilla, che teme la partenza di Eugenio da Irma (del cui rapporto parallelo era stata da lui informata) per gli Stati Uniti; tale partenza del poeta, paventata fino al 1938, in realtà non avverrà mai.[4] La Tanzi sposerà invece Montale il 23 luglio 1962 (qualche anno dopo la morte di Marangoni), e morirà l'anno dopo al Policlinico di Milano, in seguito a complicazioni derivanti da una caduta e dalla conseguente rottura del femore.[5]

Della personalità della Tanzi parla anche Gillo Dorfles, relativamente allo strettissimo legame con il poeta.[6]

Nella poesia montaliana[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale.

Soprannominata "Mosca" dagli amici per via dello spessore dei suoi occhiali[7] (ma diviene il senhal di Eugenio, come Irma Brandeis prende il nome di Clizia e Maria Luisa Spaziani quello di Volpe), fu oggetto di numerose liriche del poeta soprattutto nell'opera a lei dedicata dopo la sua morte, Xenia (anche se era già presente ne La bufera e altro), in particolare i noti versi "Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale...", in cui assume il ruolo di "guida" interiore del poeta, guida che in vita lo sosteneva guardando e svelando con profondità "penetrante" la realtà.[8]

Montale spera di trovare anche un modo di comunicare con la moglie morta, se lei, riavvicinandosi a lui dall'aldilà, riuscirà a dargli cenni della sua fuggevole presenza-segno negli oggetti del reale:[9]

« Mi abituerò a sentirti o a decifrarti
nel ticchettio della telescrivente,
nel volubile fumo dei miei sigari
di Brissago. »
(da Xenia I, 8)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Di Drusilla, della sua famiglia, e del suo carteggio con Lidia, si parla diffusamente in Maja Pflug, Natalia Ginzburg..., La Tartaruga, 1997.
  2. ^ Marisa Strada, Introduzione in I. Svevo, Senilità, Giunti, 1995; Drusilla invitò anche Svevo e la moglie Livia nel circolo intellettuale di casa sua (intitolato scherzosamente, per l'occasione, "Svevo's Club") , e fece loro conoscere Montale e Vittorini (Giovanni Palmieri Introduzione in I.S. La coscienza di Zeno, Giunti 1994). Anche lo psichiatra zio Eugenio era intimo amico di Svevo.
  3. ^ Alberto Cavaglion, Italo Svevo Pearson Italia S.p.a., 2000; librexmontale.com. Della Tanzi come scrittrice di Solaria insieme a Elio Vittorini, Carlo Emilio Gadda, Arturo Loria, oltre che nel libro di Cavagnon, vd. anche storiaxxisecolo.it
  4. ^ Eugenio Montale, Lettere a Clizia, A.Mondadori, Milano 2006, p.271
  5. ^ Già nel 1944 Drusilla era stata ricoverata perché aveva manifestato disturbi relativi a una grave forma di spondilite. Montale ne fa riferimento diretto nella Ballata scritta in una clinica (in La bufera e altro): "... perché la gola e il petto / t'avevano chiuso di colpo / in un manichino di gesso" (Eugenio Montale, Tutte le poesie, A.Mondadori 1984, p.217)
  6. ^ Gillo Dorfles, La vita spericolata di Eusebio... nel Corriere della Sera, 29 luglio 2004.
  7. ^ Il nomignolo sembra essere stata un'invenzione "pungente" di Gerti Frankl (vedi Giuseppe Marcenaro, Eugenio Montale, B. Mondadori, 1999), una delle significative figure femminili de Le occasioni.
  8. ^ Valeria Capelli Ottocento & Novecento: un percorso di letteratura, Jaca Book, 1998
  9. ^ Christine Ott, Montale e la parola riflessa..., FrancoAngeli, 2006, p. 156; su Montale "poeta-musicista" in questi versi, vd. Ulrich Fusen, Akustische Dimensionen und musikalische Parallelen in der Lyrik der "Poeti-Musicisti" Eugenio Montale und Giorgio Caproni, Librairie Droz, 1995, p.234

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]