Giunti Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giunti editore)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Giunti" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Giunti (disambigua).
Giunti Editore
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1956 a Firenze
Fondata da Renato Giunti
Sede principale Villa La Loggia in via Bolognese 165, 50139 Firenze
Piazza Virgilio 4, 20123 Milano
Gruppo Gruppo Giunti
Persone chiave
  • Sergio Giunti, Presidente
  • Bruno Mari, Vice Presidente
  • Martino Montanarini, Amministratore delegato
Settore Editoria
Fatturato Oltre 200 milioni di (2014)
Dipendenti 1.100
Sito web
Sede della Giunti a Firenze.

La Giunti Editore è una casa editrice italiana fondata a Firenze nel 1956. La società ha sede nella Villa La Loggia, in via Bolognese, e uffici affiliati a Milano. Alla Giunti S.p.A. fa capo un gruppo comprendente vari marchi e che nel suo insieme si colloca al secondo posto[1] tra i gruppi editoriali italiani per fatturato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni trenta del XX secolo Renato Giunti inizia a collabrare con la casa editrice fiorentina R. Bemporad & figlio, in rappresentanza di uno dei soci. Successivamente diventa direttore generale.

Nel secondo dopoguerra Renato Giunti rileva l'azienda, alla quale dà il nome di «Bemporad Marzocco». Nel 1956 diventa proprietario e amministratore delegato[2].

Nel 1960 acquisisce la casa editrice fiorentina Barbèra, che aveva iniziato la sua attività nel 1855[2]. Nel 1965 tutte le case editrici acquisite vengono riunite nel Consorzio editoriale Giunti. Nel 1975 Sergio Giunti, figlio di Renato, succede al padre alla guida del Consorzio.

Fino alla metà degli anni ottanta la Giunti editava poche riviste, tra le quali: «La Vita Scolastica» (nata nel 1947) e «Psicologia contemporanea», apparsa nel 1974. Nel 1986 Sergio Giunti avvia un importante progetto editoriale nel settore periodici lanciando sul mercato sei nuote testate culturali mensili: «Art e Dossier», «Storia e Dossier», «Medicina e Dossier», «Musica e Dossier», «Scienza e dossier», a cui si aggiunge successivamente «Archeologia Viva», tutte con la formula innovativa della rivista con al centro un dossier monografico[2].

Nel 1990 nasce il Gruppo Editoriale Giunti, nel quale confluiscono le case editrici e i vari marchi editoriali acquisiti. Nel nuovo decennio il gruppo fa il suo ingresso nel settore multimediale: viene creata «Giunti Multimedia». Nel 2002 tutte le attività multimediali di Giunti Multimedia e Giunti Ricerca vengono fuse in «Giunti Labs»[2].

Nel 2003 Giunti Gruppo Editoriale S.p.A. cambia ragione sociale in Giunti Editore S.p.A.[2]

Nel 2014 la casa editrice raggiunge un accordo con Disney Italia. Giunti diventa l’editore dei prodotti editoriali, cartacei e digitali, con il marchio Disney Libri e dei prodotti editoriali cartacei a marchio Marvel e Lucasfilm[2].

Attualmente il gruppo editoriale è costituito di un insieme di circa 20 aziende che operano in tutti i campi del settore librario, incluso il mercato degli eBook.

Cronologia delle denominazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marzocco, dal 17 ottobre 1938 al 1959;
  • Bemporad-Marzocco, dal 25 giugno 1959 al 1974;
  • Giunti-Marzocco S.p.A., dal 20 dicembre 1974 al 1990;
  • Gruppo Editoriale Giunti S.p.A., dal 1990 al 2003;
  • Giunti Editore S.p.A., dal 2003 ad oggi.

Fonte: Bemporad e Bemporad-Marzocco, siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 30 maggio 2017.

Le librerie Giunti[modifica | modifica wikitesto]

Al gruppo Giunti fa capo anche la catena di punti vendita a insegna "Giunti al Punto", che con 190 esercizi[3] (nel 2015) costituisce la prima catena italiana di librerie per numero di punti vendita[4]. Si tratta in genere di punti vendita di medie dimensioni.

Principali società del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

  • Giunti Editore SpA;
  • Giunti al Punto SpA;
  • Giunti industrie Grafiche SpA;
  • Giunti Distribuzione SpA;
  • Giunti Scuola Srl;
  • Giunti O.S. Organizzazioni Speciali Srl;
  • Dami Editore Srl;
  • De Vecchi Editore (dal 2009);
  • Disney Italia libri (dal 2014)[5];
  • Bompiani (dal 2016)[6].

Società in partecipazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Evro-Giunti 50% (dal 2006)
  • Touring Club Editore 50% (dal 2006)
  • Top Partners Srl (dal 2006)
  • Fatatrac Srl 50% (dal 2007)
  • Motta Junior Srl 60% (dal 2008)
  • Edizioni del Borgo Srl 50% (dal 2008)
  • Editoriale Scienza Srl 60% (dal 2008)
  • Slow Food Editore Srl 20% (dal 2009)
  • Gaia Edizioni 51% (dal 2015) [7]

Fatturato[modifica | modifica wikitesto]

  • Giunti Editore con oltre 200 milioni di Euro (2013) è il secondo gruppo editoriale italiano per fatturato[1]
  • Quota di mercato del 2009 è del 5,8% (generale)[8]
  • Quota di mercato settore ragazzi 17,5%

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN123520573 · BNF: (FRcb14274133q (data)
Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria