Driver (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Driver
videogioco
Driver-logo.jpg
PiattaformaMicrosoft Windows, PlayStation, Mac OS, Game Boy Color, iOS
Data di pubblicazionePlayStation:
Giappone 9 marzo 2000
Flags of Canada and the United States.svg 30 giugno 1999
Zona PAL 2 luglio 1999

Game Boy Color:
Flags of Canada and the United States.svg aprile 2000
Zona PAL 2001
Microsoft Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 10 settembre 2000
Zona PAL 13 ottobre 2000
Macintosh:
Flags of Canada and the United States.svg dicembre 2000
PlayStation Network:
Zona PAL 14 agosto 2008

iPhone:
Mondo/non specificato 8 dicembre 2009
GenereSimulatore di guida, azione
TemaMondo reale
SviluppoReflections Interactive
PubblicazioneGT Interactive
SerieDriver
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad, mouse, joystick, tastiera
SupportoCD-ROM, cartuccia, download
Distribuzione digitalePlayStation Network
Fascia di etàESRB: T
PEGI: 12+
Seguito daDriver 2: Back on the Streets

Driver (conosciuto negli Stati Uniti come Driver: You Are the Wheelman) è un videogioco di guida creato da Reflections Interactive, uscito nel 1999 per Microsoft Windows e PlayStation e primo capitolo della serie Driver. Il soggetto del gioco è vagamente ispirato al film Driver l'imprendibile.

Dal 14 agosto 2008 è possibile scaricare Driver per PlayStation 3 e PlayStation Portable tramite PlayStation Network.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una scena del gioco

Tanner, un poliziotto, viene chiamato a infiltrarsi in un'organizzazione criminale e dovrà riuscire a incastrare tutti i componenti di questa, raccogliendo sempre più informazioni grazie al completamento di tutte le missioni assegnate, che lo porteranno a folli corse esclusivamente automobilistiche fra le strade di Miami, New York, Los Angeles e San Francisco.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore viene messo alla guida di svariate automobili da guidare attraverso 4 città degli Stati Uniti d'America (Miami, San Francisco, Los Angeles e New York) eseguendo missioni di varia tipologia. Il tutto è impostato con una curva di difficoltà crescente, in quanto le missioni verranno rese sempre più difficoltose dalla presenza della polizia, dal tempo sempre più ridotto e dalle condizioni meteorologiche sempre più avverse. Delle varie missioni è possibile eseguire il salvataggio del replay per poi modificarlo con vari effetti ed inquadrature.

Oltre alla modalità storia sono presenti vari sottogiochi in cui stabilire punteggi record e una modalità che permette di girare liberamente all'interno delle 4 città senza avere obbiettivi.[1]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Grande attenzione è stata riservata alla digitalizzazione delle quattro aree di gioco, come il doppiaggio, che però non è esente da qualche sbavatura dovuta alla conversione in lingua italiana di alcune battute gergali americane. Anche la resa delle varie autovetture è stata curata molto, con modelli di guida differenti e carrozzerie che si deformano in tempo reale in base agli urti ricevuti contro l'area di gioco o le autovetture del traffico ordinario.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Driver - Recensione (PSOne), su Gamesurf, 20 febbraio 2000. URL consultato il 20 dicembre 2015.
  2. ^ Lorenzo Godio, Driver (PAL) - Recensione PSX, su AVOC - Videogames On-Line. URL consultato il 20 dicembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]