Daniele Faggiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daniele Faggiano (Copertino, 10 gennaio 1978[1]) è un dirigente sportivo italiano, direttore sportivo del Parma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un breve esperienza come portiere, già a 25 anni inizia la carriera di dirigente sportivo nei dilettanti, nel Manduria e poi a Brindisi. La prima società professionistica è in C2, il Noicattaro.

Bari[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'esperienza a Noicattaro è chiamato da Giorgio Perinetti al Bari, e diviene capo degli osservatori in Serie B.[2]

Siena[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 segue Perinetti al Siena in B, poi promosso. Perinetti, responsabile dell'area tecnica, lo promuove nell'ottobre 2011, direttore sportivo.[3] A fine campionato, come Perinetti, lascia Siena e viene squalificato per quattro mesi per omessa denuncia nella vicenda del calcio scommesse, fino a dicembre 2012.[4]

Trapani[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2012 intanto viene chiamato dal Trapani Calcio, allora in Lega Pro, come direttore sportivo.[5] La società conquista quell'anno la promozione in B, dove disputa tre stagioni, e in quella 2015-16 conclude al terzo posto, perdendo la finale play-off contro il Pescara, per l'accesso diretto alla Serie A 2016-2017.

A fine della stagione e dopo i play-off, Faggiano viene contattato dal Bari[6] e dall'Ascoli,[7] ma lui rifiuta; successivamente, l'11 giugno 2016, il presidente del Trapani Vittorio Morace, gli rinnova il contratto.[8]

Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 luglio 2016 ufficializza le dimissioni dalla società granata per sostituire Rino Foschi come direttore sportivo del Palermo in Serie A.[9]

Il 1º dicembre 2016, all'indomani dell'esonero dell'allenatore Roberto De Zerbi, presenta le dimissioni da direttore sportivo della società rosanero, per incomprensioni col presidente Maurizio Zamparini, riguardanti la scelta del nuovo allenatore e le decisioni sul mercato.[10]

Parma[modifica | modifica wikitesto]

Cinque giorni dopo il separamento dal Palermo viene ingaggiato, con il medesimo incarico, dal Parma, squadra militante in Lega Pro,[11] poi promossa in Serie B al termine della stagione, dopo aver vinto i play-off.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Procura di Cremona
  2. ^ (IT) Lega Pro, nuovo D.S. per il Trapani | Radio TimeRadio Time, su www.radiotime.it. URL consultato il 22 giugno 2017.
  3. ^ SIENA CONTRO IL CESENA CON UN NUOVO DIRETTORE SPORTIVO: DANIELE FAGGIANO, su www.oksiena.it. URL consultato il 22 giugno 2017.
  4. ^ (IT) Redazione Online, Calcioscommesse, la Disciplinare: patteggiamento per Conte non è congruo, in Corriere della Sera. URL consultato il 22 giugno 2017.
  5. ^ ESCLUSIVA TMW - Trapani, Daniele Faggiano è il nuovo ds: due anni di contratto - TUTTOmercatoWEB.com. URL consultato il 22 giugno 2017.
  6. ^ Bari calcio, Faggiano in pole position come direttore sportivo: con lui Sannino allenatore, in Repubblica.it, 27 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2017.
  7. ^ Ascoli, parla il ds Faggiano: “Ringrazio Cardinaletti ma voglio restare a Trapani”, in Picenotime. URL consultato il 22 giugno 2017.
  8. ^ (IT) Ufficio Stampa, Il Trapani Calcio 2016/17. Rinnovo per il direttore sportivo Daniele Faggiano, su www.trapanicalcio.it. URL consultato il 22 giugno 2017.
  9. ^ Faggiano è del Palermo Ufficiale l'arrivo del ds, su Quotidiano Sicilia - Cronaca Sicilia - Notizie, sport, attualità e politica siciliana: Live Sicilia. URL consultato il 22 giugno 2017.
  10. ^ Nuovo colpo di scena al Palermo Dopo De Zerbi via anche Faggiano, su palermo.gds.it. URL consultato il 1 dicembre 2016.
  11. ^ UFFICIALE: Parma, Faggiano è il nuovo direttore sportivo tuttolegapro.com