Curtis Granderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curtis Granderson
Curtis Granderson on July 16, 2016 (cropped).jpg
Curtis Granderson con i Mets nel 2016
Nome Curtis Granderson Jr.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 91 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Esterno destro
Squadra L.A. Dodgers
Carriera
Squadre di club
2004-2009 Detroit Tigers
2010-2013 New York Yankees
2014-2017 New York Mets
2017- L.A. Dodgers
Nazionale
2009 Stati Uniti Stati Uniti
Statistiche
Batte sinistro
Lancia destro
Media battuta ,254
Valide 1 641
Punti battuti a casa 853
Fuoricampo 312
Punti 1 097
Basi totali 3 066
Basi rubate 149
Palmarès
All-Star 3
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 19 agosto 2017

Curtis Granderson Jr. (Blue Island, 16 marzo 1981) è un giocatore di baseball statunitense che gioca come esterno destro per i Los Angeles Dodgers della Major League Baseball (MLB). È soprannominato The Grandy Man.

Minor League[modifica | modifica wikitesto]

Granderson venne scelto dai Detroit Tigers al terzo giro del draft 2002, come ottantesima scelta assoluta. Debuttò in Minor League con gli Oneonta Tigers, team satellite iscritto alla New York-Penn League (livello A–). Finì la stagione con .344 di media battuta, .417 di percentuale di arrivo in base, 3 fuoricampo, 34 RBI, 9 basi rubate e 45 punti in 52 partite.

Nel 2003, Granderson venne promosso al livello A+, nei Lakeland Tigers della Florida State League. Finì con .286 alla battuta, .365 in base, 11 fuoricampo, 51 RBI, 10 basi rubate e 71 punti in 127 partite (476 AB).

Nel 2004 salì al livello doppio A, negli Erie Seawolves della Eastern League, migliorando tutte le statistiche offensive: .303 alla battuta, .407 di arrivo in base, 21 fuoricampo, 93 RBI, 14 basi rubate e 89 punti in 123 partite, numeri che gli valsero la prima promozione nei Detroit Tigers e un posto tra gli All-Star della Eastern League.[1]

Nel 2005, Granderson giocò prevalentemente in triplo A con i Toledo Mud Hens della International League, chiudendo con .290 alla battuta, .359 in base, 15 fuoricampo, 65 RBI, 22 basi rubate e 79 punti in 111 partite. Negli anni seguenti passò a giocare stabilmente in Major League.

Major League[modifica | modifica wikitesto]

Granderson con i Tigers nel 2007

Detroit Tigers (2004-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Granderson debuttò nella MLB il 13 settembre 2004 a Detroit contro i Minnesota Twins e terminò sua prima stagione con .240 di media battuta, .321 di arrivo in base e 2 punti segnati in 9 partite. Nel 2005 disputò 47 partite con i Tigers, venendo premiato come come miglior rookie della squadra dopo avere fatto registrare .272 alla battuta, .314 in base, 8 fuoricampo, 20 RBI, una base rubata e 18 punti.

Nel 2006, Granderson salì a 159 presenze e finì con .260 alla battuta, .335 in base, 19 fuoricampo, 68 RBI, 90 punti, 8 basi rubate e 90 punti. Quell'anno centrò per la prima volta i play-off con i Tigers, che arrivarono fino alle World Series, venendo sconfitti in 5 partite dai St. Louis Cardinals. Nel 2007 finì la stagione con .302 alla battuta, .361 in base, 23 fuoricampo, 74 RBI, 26 basi rubate e 122 punti (terzo dell’American League) in 152 partite.

Il 4 febbraio 2008, Granderson firmò un contratto di cinque anni più uno opzionale, per un totale di 30,25 milioni di dollari. Finì con .280 alla battuta, .365 di arrivo in base, 22 fuoricampo, 66 RBI, 12 basi rubate e 112 punti (secondo dell’American League) in 141 partite. L'anno successivo fu convocato per il primo All-Star Game e terminò con .249 alla battuta, .327 in base, 30 fuoricampo, 71 RBI, 20 basi rubate e 91 punti in 160 partite.

New York Yankees (2010-2013)[modifica | modifica wikitesto]

L’8 dicembre 2009, Granderson passò ai New York Yankees come parte di uno scambio a tre squadre: i Tigers cedettero Granderson agli Yankees e il lanciatore destro Edwin Jackson agli Arizona Diamondbacks, gli Yankees mandarono il mancino Phil Coke e l’esterno centro Austin Jackson ai Tigers, e il lanciatore destro Ian Kennedy ai Diamondbacks; questi ultimi cedettero il lanciatore destro Max Scherzer e il mancino Daniel Schlereth ai Tigers.[2] Nel primo anno a New York, interrotto da un infortunio nel mese di maggio, chiuse la stagione regolare con .247 alla battuta, .324 di arrivo in base, 24 fuoricampo, 67 RBI, 12 basi rubate e 76 punti in 136 partite. Raggiunse subito i play-off con gli Yankees, che vennero sconfitti alle American League Championship Series dai Texas Rangers.

Granderson nel 2011 con gli Yankees

Nel 2011, Granderson conquistò per la seconda volta la partecipazione all’All-Star Game, facendo registrare una delle sue miglior stagioni in attacco, tanto da aggiudicarsi il Silver Slugger Award. Fece registrare il maggior numero di punti segnati dell’intera MLB (136), oltre a guidare l’American League per punti battuti casa (119, terzo della MLB dietro Matt Kemp e Prince Fielder). Fu inoltre secondo per numero di fuoricampo (41), preceduto solo da José Bautista. La sua media battuta fu di .262, con .364 di arrivo e 25 basi rubate in 156 partite. Il 2011 si concluse però negativamente con la sconfitta alle American League Division Series, per mano dei suoi ex compagni di squadra dei Detroit Tigers.

La stagione 2012 proseguì sulla falsariga della precedente per Granderson, con la terza convocazione all’All-Star Game e il record personale di fuoricampo: 43 (secondo dietro a Miguel Cabrera). Anche a causa della sua propensione a subire strikeout (195, secondo peggiore dietro ad Adam Dunn), si fermò a .232 di media battuta e .319 di percentuale di arrivo in base, con 106 RBI, 10 basi rubate e 102 punti in 160 partite. Ancora una volta ai play-off venne eliminato dai Tigers, che superarono i favoriti Yankees con un 4-0 alle American League Championship Series. Il 29 ottobre gli Yankees esercitarono la loro opzione sul contratto di Granderson, assicurandogli un contratto da 15 milioni di dollari.

La stagione 2013 si rivelò particolarmente travagliata, a causa di una doppia frattura all’avambraccio destro e alla mano sinistra. Chiuse con .229 alla battuta, .317 di arrivo in base, 7 fuoricampo, 15 RBI, 8 basi rubate e 31 punti in 61 partite (214 AB).

New York Mets (2014-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Granderson in battuta con i Mets nel 2014

Il 31 ottobre 2013, Granderson divenne free agent. Il 9 dicembre firmò un contratto quadriennale con i New York Mets, per un totale di 60 milioni di dollari.[3] Nel 2014 chiuse con .227 in battuta, .326 di arrivo in base, 20 fuoricampo, 73 RBI, 8 basi rubate e 66 punti in 155 partite.

Nel 2015, Granderson tornò protagonista insieme ai Mets, che conquistarono i play-off per la prima volta dal 2006, facendo registrare il loro record di vittorie consecutive (11) e diventando la settimana franchigia dal 1900 a conquistare 10 vittorie interne di fila. Granderson concluse la stagione regolare con .259 alla battuta, .364 in base, 26 fuoricampo, 70 RBI, 11 basi rubate e 98 punti in 157 partite. Nei play-off i Mets, dopo aver conquistato il pennant in National League ai danni dei Chicago Cubs, vennero sconfitti alle World Series 2015 dai Kansas City Royals; durante le World Series Granderson si mise comunque in mostra con 3 fuoricampo.

Nel 2016 Granderson, dopo un inizio di stagione negativo, fu tra i protagonisti della rimonta dei Mets nella corsa ai play-off. Chiuse la stagione regolare con .237 alla battuta, .335 di arrivo in base, 30 fuoricampo, 59 RBI, 4 basi rubate e 88 punti in 150 partite. Nella post-season la corsa si fermò dopo una sola partita, a causa della sconfitta al Citi Field contro i San Francisco Giants nello spareggio per la conquista della wild-card. Al termine della stagione, Granderson venne premiato con il Roberto Clemente Award per il suo impegno nel sociale.

Il 14 giugno 2017, Granderson batté il suo 300º fuoricampo in carriera nella vittoria di New York sui Chicago Cubs.[4] Quell'anno però, le ambizioni dei Mets svanirono presto e a fine luglio la franchigia decise di mettere in vendita i suoi giocatori in scadenza di contratto, tra cui lo stesso Granderson, che il 18 agosto fu ceduto ai Los Angeles Dodgers in cambio di un giocatore da definire, poi identificato nel giovane lanciatore di rilievo Jacob Rhame.[5] Dopo tre anni, Granderson si congedò dai Mets con un totale di 95 fuoricampo e 247 RBI.[6]

Los Angeles Dodgers (2017-)[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 agosto Granderson disputò la sua prima gara con i Dodgers nello stadio che lo vide debuttare nella MLB, il Comerica Park di Detroit, e contribuì alla vittoria per 3-0 sui Tigers, segnando il primo punto della partita.[7] Il giorno seguente, contro Justin Verlander, segnò il suo primo fuoricampo con i Dodgers, sconfitti per 6-1 dai Tigers.[8] L’indomani, a conferma del suo ottimo stato di forma, guidò la rimonta in casa dei Pittsburgh Pirates con il suo primo grande slam per i Dodgers: l’ottavo in carriera, a soli quattro giorni dall’ultimo grande slam messo a segno con i Mets.[9]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale di baseball degli Stati Uniti d’America, Granderson ha disputato il World Baseball Classic 2009.[10]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2009, 2011, 2012
2011
  • Leader della Major League per punti segnati: 1
2011
  • Leader dell'American League per punti battuti a casa: 1
2011
  • Roberto Clemente Award: 1
2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) O's rookie pitcher to start offseason early, in St. Petersburg Times, 13 settembre 2004. URL consultato il 19 agosto 2017.
  2. ^ (EN) Tyler Kepner, Yankees Get Granderson in 3-Team Trade, in The New York Times, 8 dicembre 2009. URL consultato il 19 agosto 2017.
  3. ^ (EN) Bob Nightengale, Crosstown traffic: Curtis Granderson joining Mets, in USA Today, 6 dicembre 2013.
  4. ^ (EN) Chris Ryan, Granderson hits 300th career home run, NJ.com, 14 giugno 2017. URL consultato il 19 agosto 2017.
  5. ^ (EN) Dodgers News: Jacob Rhame Prospect Sent to Mets in Granderson Trade | Dodgers Nation, in Dodgers Nation, 20 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2017.
  6. ^ (EN) Seth Berkman, Mets Trade Curtis Granderson to the Dodgers, in The New York Times, 19 agosto 2017. URL consultato il 19 agosto 2017.
  7. ^ (EN) Andy McCullough, New outfielder Curtis Granderson finds a role in Dodgers' 3-0 victory over Tigers, in Los Angeles Times, 19 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2017.
  8. ^ (EN) Verlander spins gem as Tigers cool off Dodgers, su Major League Baseball. URL consultato il 21 agosto 2017.
  9. ^ (EN) Dodgers' Curtis Granderson hits grand slam, su Major League Baseball. URL consultato il 22 agosto 2017.
  10. ^ (EN) World Baseball Classic: 2009 Rosters, web.worldbaseballclassic.com. (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2012).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN86241858