Cronologia della metropolitana di Londra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Metropolitana di Londra.

Metropolitana di Londra
Underground.svg
Quadro generale

Storia
Cronologia
Infrastrutture
Stazioni aperte
Stazioni non aperte e progettate
Treni
Nella cultura popolare
Mappa

La metropolitana di Londra inizialmente non era unita in quanto vi erano più entità distinte che operavano su linee differenti (in particolare le più operative furono la Metropolitan Railway, MR, e la Metropolitan District Railway, MDR). Solo dopo tutte le linee si uniranno in un'unica metropolitana, la London Underground, operata da un ente chiamata Transport for London, spesso abbreviato in TfL.

Questa cronologia illustra date significanti nella storia della metropolitana e i nomi utilizzati per le stazioni sono quelli odierni (bisogna ricordare che molte stazioni hanno cambiato il loro nome durante il corso della storia).

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

Questa cronologia fa largo uso delle sigle: per esempio, la Metropolitan Railway verrà denominata MR e la Metropolitan District Railway verrà chiamata MDR. Per facilitare la lettura della voce, sono riportati i significati delle sigle.

  • A&BR = Aylesbury and Buckingham Railway
  • C&SLR = City and South London Railway
  • CLR = Central London Railway
  • EH&LR = Edgware, Highgate and London Railway
  • ELR = East London Railway[nota 1]
  • GLC = Greater London Council
  • GN&CR = Great Northern and City Railway
  • GNR = Great Northern Railway
  • LPTB = London Passenger Transport Board
  • LRT = London Regional Transport
  • LTB = London Transport Board
  • LTE = London Transport Executive
  • MDR = Metropolitan District Railway
  • MR = Metropolitan Railway
  • TfL = Transport for London
  • UERL = Underground Electric Railways Company of London

1820-1839[modifica | modifica wikitesto]

1825

Il Thames Tunnel, adibito come tunnel pedonale.
Marc Brunel inizia a costruire il Thames Tunnel sotto al Tamigi fra Wapping e Rotherithe. I lavori procedono lentamente e verrà fermato numerose volte prima del suo completamento[1].

1840-1849[modifica | modifica wikitesto]

1843

Il Thames Tunnel apre come un tunnel pedonale[2].

1845

Charles Pearson, solicitor della città di Londra, promuove l'idea di una metropolitana che collega i vari luoghi della City[3].

1850-1859[modifica | modifica wikitesto]

1854

La Metropolitan Railway (MR) è incorporata nella metropolitana e assicura dei prolungamenti che arrivano fino a Paddington[4].

1856

L'Eastern Counties Railway (ECR) apre una linea da Leyton a Loughton[5].
Costruzione dei tunnel della Metropolitan Railway vicino King's Cross.

1860-1869[modifica | modifica wikitesto]

1860

Ora viene incorporata l'Aylesbury and Buckingham Railway.[6]

1862

L'Edgware, Highgate and London Railway (EH&LR) è incorporata e ottiene fondi per costruire un collegamento fra Finsbury Park ed Edgware[7].

1863

La MR apre la prima ferrovia metropolitana nel mondo[8].

1864

  • La MR apre la Hammersmith & City Railway, il primo tratto è incorporato fra Hammersmith e Kensington Olympia.
  • La Metropolitan District Railway (MDR) è incorporata[9][10].

1865

  • La MR si estende fino a Moorgate.
  • L'East London Railway (ELR) acquista il Thames Tunnel per convertirlo in una ferrovia[2].
  • L'ECR si estende fino a Ongar[5].

1867

L'EH&LR apre il tratto fra Finsbury Park ed Edgware[11].

1868

1869

  • La MDR si estende fino a West Brompton[8].
  • L'ELR apre un tratto fra New Cross Gate e Wapping. Si utilizza per la prima volta il Thames Tunnel per scopi ferroviari[2].
  • Il London and South Western Railway (L&SWR) si estende fino a Richmond[13].
La Tower Subway nel 1870.

1870-1879[modifica | modifica wikitesto]

1870

  • Apre la Tower Subway, poi adibita (come accadde per un periodo al Thames Tunnel) come tunnel pedonale. Questo tunnel illustrò nuove tecniche per la costruzione di tunnel che sarebbero in seguito usate per la costruzione di gran parte delle linee della metropolitana di Londra[14].
  • La MDR si estende fino a Blackfriars[8].

1871

1872

  • La Brill Tramway si estende fino a Brill[12].
  • Estensione della MDR da Earl's Court a Kensington Olympia[8].
  • La Great Northern Railway (GNR) si estende fino ad High Barnet[15].

1873

La GNR crea il tratto fra Highgate e Alexandra Palace[16].

1874

  • La MDR si estende fino a Hammersmith[8].
  • I finanzieri della City of London istituiscono la Metropolitan Inner Circle Completion Railway per completare l'Inner Circle collegando il capolinea della DRM a Mansion House con il capolinea pianificato della MR ad Aldgate[17].

1875

La MR si estende fino a Liverpool Street[8].

1876

1877

  • La MDR si estende da Hammersmith per connettersi con il L&SWR a Ravenscourt Park. La MDR e la MR cominciano dei servizi per collegarsi con la L&SWR a Richmond[8].

1879

  • La MR si estende fino a Willesden Green[8].
  • La MR completa la Metropolitan Inner Circle Completion Railway[17].
  • La MDR si estende da Turnham Green a Ealing Broadway[8].

1880-1889[modifica | modifica wikitesto]

1880

  • La MR si estende fino ad Harrow-on-the-Hill[8].
  • La MDR si estende fino a Putney Bridge[8].

1882

La MR si estende fino alla stazione (oggi non più esistente) di Tower of London[8].

1883

La MDR si estende da Acton Town ad Hounslow Town[8].

1884

1885

La MR si estende fino a Pinner[8].

1887

La MR si estende fino a Rickmansworth[8].

1889

  • La MR si estende fino a Chesham.
  • La MDR si connette con la L&SWR ad East Putney e inizia a raccogliere fondi per raggiungere Wimbledon[8].

1890-1899[modifica | modifica wikitesto]

Un treno elettrico della City and South London Railway.

1890

  • La City and South London Railway cambia nome in City of London and Southwark Subway[19] e opera fra Stockwell e King William Street, il primo tratto di una metropolitana ad avere treni elettrici[8].
  • La CLR inizia a operare nel tratto fra Bank e Shepherd's Bush[20].

1891

La MR prende possesso della A&BR[8].

1892

  • La MR si estende da Chalfont & Latimer ad Aylesbury[8].
  • La Great Northern & City Railway (GN&CR) ottiene fondi per costruire un tunnel che collega Moorgate a Finsbury Park[21].

1893

  • La Charing Cross, Euston and Hampstead Railway (CCE&HR) ottiene fondi per costruire un tunnel che collega Charing Cross (a quei tempi Strand) ad Hampstead[22].
  • La Baker Street and Waterloo Railway (BS&WR) ottiene fondi per costruire un tunnel che collega Waterloo e Baker Street[23].

1897

  • La Brompton and Piccadilly Circus Railway ottiene fondi per costruire un tunnel che collega Piccadilly Circus e South Kensington[24].
  • La MDR ottiene fondi per costruire un tratto di metropolitana fra Gloucester Road e Mansion House[24].
  • Alcuni Anarchisti fanno esplodere una bomba in un treno della MR a Barbican, causando 1 morto e 60 feriti[25].

1898

  • La City and Brixton Railway inizia a raccogliere fondi per la costruzione di un tunnel della metropolitana che collega King William Street a Brixton[26].
  • Apre la Waterloo and City Railway fra Waterloo e Bank[8].

1899

  • La Great Northern and Strand Railway inizia a raccogliere fondi per una ferrovia che collega Wood Green a Charing Cross[27].
  • La MR comincia ad operare sulla Brill Tramway[8].
I due famosi finanzieri citati in questa cronologia, Whitaker Wright (morto per suicidio) e Charles Yerkes.

1900-1909[modifica | modifica wikitesto]

1900

  • La C&SLR chiude la stazione di King William Street e si estende a nord fino a Moorgate e a sud fino a Clapham Common[8].
  • La CLR si estende fino a Shepherd's Bush[8].
  • Charles Yerkes prende possesso della CCE&HR[28].
  • La London & Globe Finance Corporation e il BS&WR falliscono a causa della causa fatta da Whitaker Wright[29].

1901

  • La C&SLR si estende fino ad Angel[8].
  • Yerkes si impossessa di parte della MDR, della Brompton and Piccadilly Circus Railway e della Great Northern and Strand Railway e unisce i loro percorsi per formare la Great Northern, Piccadilly and Brompton Railway (GNP&BR)[30].

1902

  • Yerkes si impossessa della BS&WR[30].
  • Yerkes fonda la Underground Electric Railways Company of London (UERL) come la compagnia che gestisce i tratti della metropolitana sotto il suo controllo[30].
  • La MDR si estende fino a Bromley-by-Bow[8].
  • Viene fondata l'Edgware & Hampstead Railway per costruire una ferrovia da Golders Green ad Edgware[31].

1903

  • La C&SLR si impossessa della City and Brixton Railway[32].
  • La MDR si estende da Ealing Common a South Harrow[8].
  • Viene fondata la Watford and Edgware Railway per costruire una ferrovia da Edgware a Watford[33].
  • La CCE&HR si impossessa della Edgware & Hampstead Railway[34].

1904

  • La GN&CR si estende da Finsbury Park a Moorgate.
  • La MR apre una diramazione che parte da Harrow-on-the-Hill e arriva a Uxbridge[8].
  • Whitaker Wright si suicida ingoiando del cianuro dopo essere stato accusato di frode[29].

1905

  • L'UERL apre la Lots Road Power Station per fornire elettricità alle imminenti linee della metropolitana della MDR e dell'UERL[35].
  • La MR e la MDR sostituiscono i treni a vapore con treni elettrici nella maggior parte delle linee[36].
  • La MDR non opera più fra East Ham e Upminster[8].
  • La MDR apre una diramazione fra Acton Town a South Acton[8].
  • La MDR non opera più fra St. Mary's (Whitechapel Road) e New Cross[8].
  • Charles Yerkes muore e viene sostituito da Edgar Speyer[37].
I primi roundel utilizzati per la metropolitana di Londra, fotografati al London Transport Museum.

1906

1907

  • Albert Stanley, il futuro presidente del consiglio di amministrazione, inizia a lavorare per l'UERL[40].
  • La C&SLR si estende fino ad Euston[8].
  • La CCE&HR apre fra Golders Green, Archway e Charing Cross[8]. Viene conosciuta come l'Hampstead Tube.
  • La Piccadilly Tube inizia ad operare da Holborn ad Aldwych[8].
  • La Bakerloo tube si estende fino ad Edgware Road[8].

1908

  • La CLR si estende fino a Wood Lane[8].
  • La MDR inizia a rioperare fra East Ham e Barking[8].
  • Le compagnie della metropolitana iniziano ad usare il termine "Underground" per ragioni di marketing[41].
  • Viene creato il primo segnale delle stazioni della metropolitana di Londra, in inglese conosciuto come roundel[42].

1910-1919[modifica | modifica wikitesto]

1910

  • La District Line si estende da South Harrow per connettersi con la MR a Rayners Lane[8].
  • La District Line inizia ad operare a Southend-on-Sea[8].
  • Si forma la London Electric Railway (LER) dall'unione da molte differenti compagnie: la Bakerloo Tube, Hampstead Tube e la Piccadilly Tube[43][44][nota 2].

1911

Entrano in scena le scale mobili: i primi sono ad Earl's Court[45].

1912

La CLR si estende fino a Liverpool Street[8].

1913

  • L'UERL acquista la C&SLR e la CLR[46].
  • La MR prende controllo dell'ERL e della GN&CR[46].
  • Dopo l'elettrificazione dell'ERL, la MR inizia a rioperare fra St. Mary's e New Cross[8][36].
  • La Bakerloo Tube si estende fino a Paddington[8].

1914

L'Hampstead Tube si estende fino a Embankment[8].

1915

  • La Bakerloo Tube si estende fino a Willesden Junction.[8]
  • La MR inizia a pubblicare la rivista Metro-Land, che promuove l'utilizzo della sua linea. Il nome della rivista diviene un sinonimo dei sobborghi settentrionali di Londra che stanno per essere serviti dalla metropolitana[47].
  • Sir Edgar Speyer si dimette dal ruolo di presidente del consiglio di amministrazione dell'Underground Geoup. Viene sostituito da Lord George Hamilton[47].

1916

Edward Johnston realizza il carattere utilizzato nella metropolitana, "Johnston"[48][nota 3].

1917

  • Edward Johnston crea un nuovo roundel che permettesse l'utilizzo del suo font[42].
  • La Bakerloo Tube si estende fino a Watford Junction[8].

1919

  • Sir Albert Stanley sostituisce Lord George Hamilton come presidente del consiglio di amministrazione dell'Underground Group[40].
Il 55 Broadway.

1920-1929[modifica | modifica wikitesto]

1920

La CLR si estende da Wood Lane a Ealing Broadway[8].

1922

L'Underground Group acquista la Watford and Edgware Railway[nota 4] per estendere l'Hampstead Tube fino a Watford[49].

1923

L'Hampstead Tube si estende fino a Hendon Central[8].

1924

  • L'Hampstead Tube si estende fino ad Edgware[8].
  • La C&SLR si connette con l'Hampstead Tube tramite Camden Town[8].

1925

La MR si estende da Moor Park a Watford[8].

1926

L'Hampstead Tube connette Embankment a Kennington e la C&SLR si estende fino a Morden[8].

1929

Apre un edificio chiamato 55 Broadway. Viene utilizzato come la sede dell'Underground Group[50].

1930-1939[modifica | modifica wikitesto]

1930

  • La MR si estende fino a Stanmore[8].
  • La Piccadilly Line si estende da Finsbury Park ad Arnos Grove e da Hammersmith a South Harrow[8].
  • Ritornano i servizi della District Line fra Barking ed Upminster.
  • Termina la pubblicazione di Metro-Land.

1933

  • La Piccadilly Line si estende da Arnos Grove a Cockfosters.
  • La Piccadilly Line si estende da Acton Town ad Hounslow West e da South Harrow ad Uxbridge. Sono ritirati i servizi della District Line fra Acton Town ed Uxbridge.

1933

Viene pubblicata la cartina della metropolitana di Harry Beck in un opuscolo. È un immediato successo.

1935

  • Chiude la Brill Tramway[8].
  • La LPTB annuncia il New Works Programme, un piano di cinque anni il cui scopo è quello di modernizzare ed estendere la rete metropolitana.

1936

Chiude il tratto di Metropolitan Line fra Aylesbury e Verney Junction.

1937

1938

Una collisione tra due treni fra le stazioni di Embankment e Temple ha un esito di sei morti e quarantacinque feriti.

1939

  • La Bakerloo line si estende da Baker Street a Finchley Road e prende possesso dei servizi della Metropolitan Line fino a Stanmore[8].
  • La Northern Line si estende da Archway a East Finchley[8].
  • La LPTB sospende parte del New Works Programme a causa dell'avvento della seconda guerra mondiale[53].
  • Finiscono i servizi della District Line di Southend-on-Sea[8].
I londinesi durante i bombardamenti nazisti utilizzarono le stazioni della metropolitana come rifugi antiaereo. In questa foto, la stazione di West End.

1940-1949[modifica | modifica wikitesto]

1940

  • La Northern Line si estende fino ad High Barnet[8].
  • Vengono ritirati i servizi della Metropolitan Line tra le stazioni di Latimer Road e Kensington Olympia dopo un bombardamento ad Uxbridge Road[8][54].
  • I londinesi utilizzano le stazioni della metropolitana di Londra come rifugi antiaereo nella Battaglia d'Inghilterra[55]. Vengono uccisi dalle bombe naziste alcune persone che si rifugiavano a Charing Cross (7 morti), Bounds Green (19 morti), Balham (68 morti), Tottenham Court Road (1 morto) e Camden Town (1 morto)[54].

1941

  • La Northern line si estende fino a Mill Hill East[8].
  • Un deposito ad Aldenham viene convertito per la costruzione di bombardieri Halifax[56].
  • La Plessey Inc. utilizza dei tunnel della Central Line mai aperti fra Wanstead e Gants Hill come una fabbrica sotterranea[57].
  • Una bomba nazista esplode nella sala biglietteria della stazione di Bank, con l'esito di 56 morti[58].
Oggi vicino alla stazione di Bethnal Green è presente un memoriale, in ricordo alle 143 persone che nel 1943 persero la vita.

1943

Il Panico in una folla che entra nel rifugio antiaereo di Bethnal Green provoca la morte di 173 persone calpestate[58].

1946

La Central line si estende da Liverpool Street a Stratford[8].

1947

  • La Central line si estende da Stratford a Woodford e Newbury Park e da North Acton a Greenford[8].
  • Si ritira Lord Ashfield dalla LPTB[59].

1948

  • Il London Transport Executive sostituisce il LPTB[60].
  • La Central line si estende da Roding Valley a Loughton e prende possesso della diramazione di West Ruislip[8].

1949

1950-1959[modifica | modifica wikitesto]

1950

L'estensione fino a Bushey Heath, mai realizzata.
Il LTE abbandona il New Works Programme, che doveva costruire delle nuove diramazioni verso Bushey Heath[61].

1953

  • Il LTE abbandona l'offerta pubblica di acquisto fra Mill Hill East ed Edgware a causa della mancanza di fondi e dell'inaspettata diminuzione del numero di passeggeri[62].
  • Una collisione fra due treni nella Central Line fra Stratford e Leyton uccide 12 passeggeri[63].

1955

Il deposito di Aldenham apre come un deposito per la riparazione dei bus[64].

1956

Il Parlamento approva la costruzione della Victoria Line[65].

1957

I treni elettrici sostituiscono le carrozze a vapore fra Epping ed Ongar[66].

1960-1969[modifica | modifica wikitesto]

1960

  • Viene pubblicata l'ultima cartina di Harry Beck[67]
  • I treni elettrici sostituiscono le carrozze a vapore fra Chalfont & Latimer e Chesham[68].

1961

Vengono ritirati i servizi della Metropolitan Line fra Aylesbury ed Amersham[8].

1963

La London Transport Board (LTB) sostituisce LTE[69].

1964

  • Vengono ritirati i servizi della District Line fra Acton Town e Hounslow West[8].
  • Vengono ritirati i servizi della Northern City Line fra Drayton Park e Finsbury Park per poter riutilizzare i tunnel per la Victoria Line[70].
  • Vengono installati i primi tornelli a Stamford Brook, Chiswick Park e Ravenscourt Park[69][nota 5].
  • Vengono utilizzati i primi treni automatici del mondo fra Hainault e Woodford per testare i sistemi operativi della Victoria Line[69].

1968

Apre la Victoria Line. Per il momento opera fra Walthamstow Central e Warren Street[8].

1969

La Victoria Line si estende alla stazione di Victoria[8].

1970-1979[modifica | modifica wikitesto]

1970

Il Greater London Council (GLC) prende possesso della gestione della metropolitana dalla LTB.

1971

1975

  • C'è una collisione a Moorgate. provoca 43 morti.
  • La Piccadilly Line si estende da Hounslow West a Hatton Cross[8].

1976

  • La Northern line (Highbury Branch) passa sotto la gestione della British Rail.
  • Durante una campagna contro la metropolitana, un criminale dell'Irish Republican Army (IRA) detona una bomba su un treno e uccide il guidatore un passeggero.

1977

La Piccadilly line si estende da Hatton Cross agli Heathrow Terminals 1, 2, 3[8].

1979

Apre la Jubilee Line. Per il momento opera fra Baker Street e Charing Cross e prende possesso dei servizi della Bakerloo Line per Stanmore[8].
Il London Transport Museum visto dall'esterno.

1980-1989[modifica | modifica wikitesto]

1980

Apre a Covent Garden il London Transport Museum.

1981

Il GLC introduce la Fares Fair policy per ridurre il prezzo dei biglietti.

1982

  • La Fares Fair policy fallisce a causa di una sfida legale dal Bromley London Borough Council[nota 6].
  • Vengono ritirati i servizi della Bakerloo Line fra Stonebridge Park e Watford Junction[8].

1983

Il LTE introduce la Travelcard e divide la rete metropolitana in cinque fare zones.

1984

  • Ritornano i servizi della Bakerloo Line fra Stonebridge Park e Harrow & Wealdstone[8].

Un incendio a Oxford Circus brucia le piattaforma della Victoria Line e danneggia quelle della Bakerloo Line.

  • Il London Regional Transport (LRT) sostituisce LTE.

1986

La Piccadilly Line apre l'Heathrow loop e la stazione di Heathrow Terminal 4[8].

1987

1990-1999[modifica | modifica wikitesto]

1990

Per la prima volta appare sulle cartine l'Hammersmith & City Line.

1991

Viene creata la Travelcard Zone 6.

1994

1995

Chiude l'East London Line per permettere la riparazione del Thames Tunnel[8].

1998

Riapre l'East London Line[8].

1999

La Jubilee Line si estende da Green Park a Stratford. Chiude il tratto fra Green Park e Charing Cross[8].

2000-2009[modifica | modifica wikitesto]

2002

Chiude la Lots Road Power Station[71].

2003

  • La TfL prende il controllo del London Underground Limited dal Department for Transport.
  • Viene creata e diffusa l'Oyster Card[71].
  • Un convoglio della Central Line deraglia vicino alla stazione di Chancery Lane[72].
L'intera città era in subbuglio durante gli attentati. Qui, davanti la stazione di Russell Square.

2005

Durante gli attentati a Londra, esplodono tre bombe su dei convogli della metropolitana e una bomba esplode su un bus a Tavistock Square; i feriti sono più di 700 e i morti 52.

2006

Chiude l'East London Line da Shoreditch a Whitechapel[73].

2007

L'East London Line chiude completamente e viene integrata nella London Overground[74].

2008

La Piccadilly line si estende fino alla stazione di Heathrow Terminal 5.

2009

2011-?[modifica | modifica wikitesto]

2011

Note e fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oggi l'East London Line.
  2. ^ Ciononostante le linee continuavano ad essere identificate con i nomi di prima. Per esempio, il frammento della LER che corrispondeva alla Piccadilly Tube continuava a venir chiamato in quel modo.
  3. ^ Oggi il carattere viene utilizzato in tutte le cartine e i segnali dei servizi della Transport for London.
  4. ^ Bisogna notare che la ferrovia non era ancora completata.
  5. ^ I tornelli erano ancora in fase sperimentale.
  6. ^ Interessante notare che il Bromley London Borough Council non aveva alcun possedimento nella London Underground.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Day & Reed 2008, p. 34.
  2. ^ a b c d Day & Reed 2008, p. 37.
  3. ^ Wolmar 2004, p. 8.
  4. ^ The London Gazette (PDF), nº 21581, 11 agosto 1854, pp. 2465-2466. URL consultato il 13 luglio 2009.
  5. ^ a b Powell, W R (a cura di), Economic influences on growth: Local transport, in A History of the County of Essex, vol. 5, 1966, pp. 21–29. URL consultato il 9 agosto 2009.
  6. ^ The London Gazette (PDF), nº 22411, 7 agosto 1860, pp. 2934-2935. URL consultato il 15 luglio 2009.
  7. ^ The London Gazette (PDF), nº 22632, 6 June 1862, p. 2902. URL consultato il 13 luglio 2009.
  8. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf bg bh bi bj bk bl bm bn bo bp bq br bs bt bu bv bw bx by bz ca cb cc cd ce cf cg ch ci cj ck cl cm cn co cp Douglas Rose, The London Underground, A Diagrammatic History, 1999.
  9. ^ Day & Reed 2008, p. 20.
  10. ^ The London Gazette (PDF), nº 22881, 2 agosto 1863, pp. 3828-3830. URL consultato il 17 luglio 2009.
  11. ^ Beard 2002, p. 6.
  12. ^ a b c Day & Reed 2008, p. 32.
  13. ^ T F T Baker e C R (eds) Elrington, Chiswick: Communications, in A History of the County of Middlesex, vol. 7, 1982, pp. 51–54. URL consultato il 9 agosto 2009.
  14. ^ Wolmar 2004, pp. 131–132.
  15. ^ T F T Baker e C R (eds) Elrington, Friern Barnet: Introduction, in A History of the County of Middlesex, vol. 6, 1980, pp. 6–15. URL consultato il 9 agosto 2009.
  16. ^ T F T Baker e C R (eds) Elrington, Hornsey, including Highgate: Communications, in A History of the County of Middlesex, vol. 6, 1980, pp. 103–107. URL consultato il 9 agosto 2009.
  17. ^ a b Day & Reed 2008, p. 27.
  18. ^ The London Gazette (PDF), nº 25382, 29 luglio 1884, p. 3426. URL consultato il 19 luglio 2009.
  19. ^ The London Gazette (PDF), nº 26074, 29 luglio 1890, p. 4170. URL consultato il 19 luglio 2009.
  20. ^ The London Gazette (PDF), nº 26190, 7 agosto 1891, p. 4245. URL consultato il 19 luglio 2009.
  21. ^ The London Gazette (PDF), nº 26303, 1º luglio 1892, pp. 3810-3811. URL consultato il 17 luglio 2009.
  22. ^ The London Gazette (PDF), nº 26435, 25 agosto 1893, p. 4825. URL consultato il 19 luglio 2009.
  23. ^ The London Gazette (PDF), nº 26387, 31 March 1893, p. 1987. URL consultato il 19 luglio 2009.
  24. ^ a b The London Gazette (PDF), nº 26881, 10 agosto 1897, pp. 4481-4483. URL consultato il 19 luglio 2009.
  25. ^ The Explosion on the Metropolitan Railway, in The Times, nº 35189, 28 aprile 1897, p. 12. URL consultato l'11 agosto 2009.
  26. ^ The London Gazette (PDF), nº 26984, 5 luglio 1898, p. 4064. URL consultato il 19 luglio 2009.
  27. ^ The London Gazette (PDF), nº 27105, 4 September 1899, pp. 4833-4834. URL consultato il 19 luglio 2009.
  28. ^ Badsey-Ellis 2005, p. 94.
  29. ^ a b Badsey-Ellis 2005, p. 114.
  30. ^ a b c Badsey-Ellis 2005, p. 118.
  31. ^ The London Gazette (PDF), nº 27497, 21 November 1902, p. 7533. URL consultato il 19 luglio 2009.
  32. ^ Badsey-Ellis 2005, p. 213.
  33. ^ Beard 2002, p. 11.
  34. ^ Beard 2002, p. 10.
  35. ^ Day & Reed 2008, p. 64.
  36. ^ a b c Wolmar 2004, pp. 121–126.
  37. ^ Barker 2004 (1).
  38. ^ R. J. Irving, Gibb, Sir George Stegmann (1850-1925), su Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2008, DOI:10.1093/ref:odnb/45711. URL consultato il 30 aprile 2011.
  39. ^ Elliot 2004.
  40. ^ a b Barker 2004 (2).
  41. ^ Badsey-Ellis 2005, pp. 282–283.
  42. ^ a b History of the roundel, London Transport Museum, 2008. URL consultato il 22 luglio 2009.
  43. ^ Day & Reed 2008, p. 79.
  44. ^ The London Gazette (PDF), nº 28311, 23 November 1909, pp. 8816-8818. URL consultato il 22 luglio 2009.
  45. ^ Wolmar 2004, p. 182.
  46. ^ a b Wolmar 2004, p. 205.
  47. ^ a b Day & Reed 2008, p. 84.
  48. ^ Font Designer – Edward Johnston, su The Source of the Originals, Linotype, 4 maggio 2009. URL consultato il 22 luglio 2009.
  49. ^ Beard 2002, p. 14.
  50. ^ Wolmar 2004, p. 269.
  51. ^ a b Day & Reed 2008, p. 124.
  52. ^ London Tubes' New Names - Northern And Central Lines, in The Times, nº 47772, 25 agosto 1937, p. 12. URL consultato il 24 luglio 2009.
  53. ^ Day & Reed 2008, p. 136.
  54. ^ a b Day & Reed 2008, p. 138.
  55. ^ Wolmar 2004, pp. 285–286.
  56. ^ Beard 2002, pp. 102–117.
  57. ^ Emmerson & Beard 2004, pp. 108–121.
  58. ^ a b Wolmar 2004, p. 288–289
  59. ^ L.P.T.B. Chairmanship, in The Times, nº 50908, 3 novembre 1947, p. 4. URL consultato l'11 agosto 2009.
  60. ^ Day & Reed 2008, p. 150.
  61. ^ Day & Reed 2008, p. 154.
  62. ^ Beard 2002, p. 127.
  63. ^ McMullen 1953, p. 1.
  64. ^ The Aldenham Works soon after opening - photograph, Exploring 20th Century London. URL consultato il 26 luglio 2009.
  65. ^ Day & Reed 2008, p. 155.
  66. ^ Day & Reed 2008, p. 151.
  67. ^ 1960, su A History of the London Tube Maps. URL consultato l'8 agosto 2009.
  68. ^ Day & Reed 2008, p. 157.
  69. ^ a b c Day & Reed 2008, p. 163.
  70. ^ Day & Reed 2008, p. 164.
  71. ^ a b Day & Reed 2008, p. 218.
  72. ^ HM Railway Inspectorate 2006, p. 1.
  73. ^ Closure of Shoreditch Station (PDF), Transport for London. URL consultato il 19 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2012).
  74. ^ a b The East London line extension (PDF), Transport for London, p. 4. URL consultato il 1º giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]