Cristin Milioti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cristin Milioti nel 2014

Cristin Milioti (Cherry Hill, 16 agosto 1985) è un'attrice e cantante statunitense, conosciuta principalmente per la sua partecipazione al musical Once a Broadway e per aver recitato nella serie televisiva How I Met Your Mother come Tracy McConnell.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cristin Milioti nasce a Cherry Hill, nel New Jersey, il 16 agosto del 1985 da una famiglia di origini italiane. Dopo essersi diplomata nel 2003 presso la Cherry Hill High School East, prende lezioni di recitazione alla New York University che tuttavia abbandona dopo pochi anni.[1]

Inizia la sua carriera ottenendo piccole parti in spot televisivi nazionali, tra cui in particolare uno per la Ford Edge.[2] In seguito appare in serie televisive come 30 Rock e film come Greetings from the Shore. Nel 2010 partecipa all'opera teatrale That Face, e riceve una nomination al Lucille Lortel Award come Migliore attrice protagonista in Stunning.[3] Nel 2012 è la protagonista di Once, per il quale guadagna una candidatura al Tony Award alla miglior attrice protagonista in un musical.[4]

Nel 2013 fa la sua apparizione nell'ultimo episodio dell'ottava stagione della serie televisiva How I Met Your Mother, nella quale interpreta Tracy McConnell, personaggio corrispondente alla madre, diffusamente citata durante l'intera sitcom; entra nel cast regolare nella nona stagione.[5] Sempre nello stesso anno, partecipa al film The Wolf of Wall Street.[6] Nel 2014 è Zelda, co-protagonista della serie televisiva A to Z, terminata dopo una sola stagione.[7]

Nel 2015 entra a far parte del cast della seconda stagione della serie antologica Fargo, nel ruolo di Betsy Solverson. Nello stesso anno recita e canta nel ruolo di Elly nel musical Lazarus al New York Theatre Workshop di Manhattan. Il musical, con le canzoni di David Bowie e da lui stesso autorizzato e supervisionato, ha avuto la sua anteprima a novembre, aprendo poi al pubblico da dicembre fino a gennaio del 2016. Milioti non farà parte del cast per la produzione londinese prevista per fine 2016, e verrà sostituita da Amy Lennox.[8]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • The Lieutenant of Inishmore (2006, Understudy Lyceum Theatre) – Mairead
  • The Devil's Disciple (2007, Irish Repertory Theatre)
  • Crooked (2008) – Laney
  • Some Americans Abroad (2008) – Katie Taylor
  • The Heart is a Lonely Hunter (2009, New York Theatre Workshop) — Mick Kelly
  • Stunning (2009, Lincoln Center Theater) – Lily
  • That Face (2010, Manhattan Theatre Club) – Mia
  • Once (2011-2013) — The Girl
  • Lazarus (dic 2015 - gen. 2016) — Elly

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Cristin Milioti è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Mother On "How I Met Your Mother" Explains Everything You Need To Know About Her, su BuzzFeed. URL consultato il 3 novembre 2015.
  2. ^ splendAd - Ford Edge - Same City Better View, su www.splendad.com, https://plus.google.com/114548627766370548050/. URL consultato il 3 novembre 2015.
  3. ^ (EN) Lortel Award nominations announced, su Variety. URL consultato il 3 novembre 2015.
  4. ^ Tony Awards Nominations: Actress (Musical), su www.goldderby.com, https://plus.google.com/+goldderby/. URL consultato il 3 novembre 2015.
  5. ^ 'How I Met Your Mother' finally reveals mom’s identity, nypost.com, 15 maggio 2013. URL consultato il 2 agosto 2014.
  6. ^ Tony Award Nominee Cristin Milioti Weds DiCaprio In Scorsese's Wolf Of Wall Street, su www.cinemablend.com, 18 giugno 2012. URL consultato il 3 novembre 2015.
  7. ^ (EN) Cristin Milioti Tapped As Co-Lead For NBC Comedy Pilot 'A To Z', su Deadline. URL consultato il 3 novembre 2015.
  8. ^ (EN) Full cast announced for David Bowie's Lazarus, in WhatsOnStage.com. URL consultato il 26 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN162592989 · ISNI (EN0000 0001 1176 2068 · LCCN (ENno2011006918 · WorldCat Identities (ENno2011-006918