Cristiano VI di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cristiano VI
Christian 6.jpg
Cristiano VI di Danimarca in un ritratto di Johann Salomon Wahl
Re di Danimarca e di Norvegia
Stemma
Stemma
In carica 12 ottobre 1730 –
6 agosto 1746
Incoronazione 6 giugno 1731, Castello di Frederiksborg
Predecessore Federico IV
Successore Federico V
Altri titoli Duca di Schleswig-Holstein
Conte di Oldenburg
Nascita Copenaghen, 30 novembre 1699
Morte Hørsholm, 6 agosto 1746 (46 anni)
Luogo di sepoltura Cattedrale di Roskilde
Casa reale Oldenburg
Padre Federico IV
Madre Luisa di Meclemburgo-Güstrow
Consorte Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach
Figli Federico
Luisa
Religione Luteranesimo

Cristiano VI di Danimarca (Copenaghen, 30 novembre 1699Hørsholm, 6 agosto 1746) fu re di Danimarca e Norvegia dal 1730 fino alla sua morte.

È considerato uno dei re più anonimi della Danimarca-Norvegia, ma era un abile politico, noto soprattutto per il suo regime autoritario. Fu il primo re della dinastia Oldenburg ad astenersi dall'entrare in qualsiasi guerra. Durante il suo regno furono introdotti sia la conferma obbligatoria (1736) che un sistema scolastico pubblico a livello nazionale (1739).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cristiano nacque al Castello di Frederiksborg, come secondogenito ma primo figlio sopravvissuto di Federico IV di Danimarca, e della sua prima moglie, Luisa di Meclemburgo-Güstrow. Suo nonno, il re Cristiano V, era morto appena tre mesi prima della sua nascita, ed era quindi principe ereditario dalla nascita. Dal 1706 Cristiano imparò a capire il danese ma usò il tedesco per parlare e scrivere tutti i giorni. Ha ricevuto un'istruzione migliore e ha acquisito più conoscenze di suo padre e suo nonno.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Come principe ereditario gli fu permesso da suo padre di trovarsi una moglie da solo. Durante un viaggio attraverso l'Europa accompagnato dal cancelliere Ulrik Adolf Holstein, il principe ereditario conobbe Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach, una delle dame della regina Cristiana Eberardina nel castello di Pretzsch[1]. Sofia Maddalena era la figlia di Cristiano Enrico di Brandeburgo-Kulmbach. Proveniva da un ramo povero della dinastia degli Hohenzollern: metà della terra fu ipotecata e suo padre morì giovane. Aveva 13 fratelli ed era considerata una candidata non adeguata per il principe danese, ma il re diede il suo permesso. Si sposarono il 7 agosto 1721 a Pretzsch[2][3]. La coppia ebbe tre figli:

Incoronazione di Cristiano VI, 1731.

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Federico IV il 12 ottobre 1730, la coppia divenne re e regina di Danimarca-Norvegia. Furono incoronati il 6 giugno 1731 nella Cappella del Castello di Frederiksborg[4]. Il re era timido e introverso per natura e stava lontano dal pubblico. L'indignazione di Cristiano per la bigamia e la promiscuità generale del padre - motivo del grande dolore della sua defunta madre - lo portò a una delle sue prime azioni di governo: invertire la volontà del padre e privare la vedova, la regina Anna Sofia Reventlow, di gran parte della ricchezza che aveva ereditato prima di esiliarla nella tenuta di Clausholm, la sua casa d'infanzia[5].

Per i primi dieci anni del suo governo si consultò spesso con suo cugino, il conte Christian Ernst di Stolberg-Wernigerode. Il conte ha preso parte a quasi tutto, dal licenziamento dei cuochi nella cucina della regina alla determinazione della politica estera. Incoraggiò il re il più a lungo possibile a mantenere l'alleanza inglese, che portò al matrimonio tra Luisa, figlia di Giorgio II di Gran Bretagna, con il figlio maggiore del re, Federico.

In politica interna, si deve a Cristiano l'introduzione della legge chiamata dell'ascrizione del 1733, la stavnsbånd, che obbligava i contadini a risiedere nella loro regione nativa e che rendeva gli stessi contadini soggetti sia alla nobiltà locale sia all'esercito. Anche se l'idea che stava dietro la legge era probabilmente quella di assicurare un costante numero di contadini-soldati, è stata poi ritenuto l'ultimo caso di soggiogamento della classe contadina danese. La reputazione di Cristiano fu quindi ulteriormente danneggiata da questa legge, abolita poi nel 1788[6].

Cristiano è conosciuto soprattutto per essere stato un sovrano religioso: era profondamente devoto al pietismo. Questa pressione religiosa, insieme alla sua mancanza di personalità, fecero di lui uno dei sovrani assoluti più impopolari di Danimarca. Gli storici recenti hanno cercato di mutare questo ritratto, sottolineando come non fosse così intollerante come trasmessoci dalle cronache d'epoca e che il suo temperamento fosse piuttosto quello di un burocrate scrupoloso. Lo sguardo negativo nei confronti del re è però durata negli anni.

Un altro risultato duraturo degli sforzi del re fu l'introduzione della conferma obbligatoria nel 1736. Ciò richiedeva un certo livello di alfabetizzazione, promuovendo così la necessità di un sistema scolastico comune, creato con decreto nel 1739[7][8].

Ci furono numerose attività di costruzioni durante il regno di Cristiano VI, che fu probabilmente il più grande costruttore danese del XVIII secolo. Anche la regina fece considerevoli sforzi. Tra le loro opere ci sono il Castello di Christiansborg, costruito tra il 1732 e il 1742, andato bruciato nel 1794 e poi ricostruito, il Palazzo Hirschholm, nella Zelanda del Nord, nell'odierna cittadina di Hørsholm (costruito tra il 1737 e il 1739 e demolito nel 1812), e l'Eremitage (costruito tra il 1734 e il 1736). Questi costosi edifici furono eretti con lo scopo di rappresentanza.

In politica estera, era pacifico: mantenne la Danimarca neutrale. Fu un'epoca di progresso per i commerci, e furono fondate nuove compagnie e banche.

Cristiano VI era un puritano di semplici abitudini e un uomo con la tendenza a sfuggire alla società. Fu debole e malato fin dalla giovinezza, e numerose malattie lo portarono a una morte prematura.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Tomba di Cristiano VI nella Cattedrale di Roskilde

Cristiano VI fin dalla giovinezza fu malaticcio e cronico. Il 6 agosto 1746 il re morì nel Palazzo di Hirschholm. Fu sepolto nella Cattedrale di Roskilde. Il memoriale neoclassico progettato e realizzato dallo scultore Johannes Wiedewelt fu commissionato dalla vedova del re[9].

Il monumento in marmo fu completato nel 1768, ma non fu installato nella cattedrale di Roskilde fino al 1777. Il monumento consiste in un sarcofago e due figure femminili, "Sorgen" (la Tristezza) e "Berømmelsen" (la Fama). Quello di Cristiano VI fu il primo sarcofago neoclassico in Danimarca ed è considerato il punto di partenza del Neoclassicismo in Danimarca[10][11][12].

La città di Kristiansund, in Norvegia, porta il suo nome.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico III di Danimarca Cristiano IV di Danimarca  
 
Anna Caterina del Brandeburgo  
Cristiano V di Danimarca  
Sofia Amelia di Brunswick e Lüneburg Giorgio di Brunswick-Lüneburg  
 
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt  
Federico IV di Danimarca  
Guglielmo VI d'Assia-Kassel Guglielmo V d'Assia-Kassel  
 
Amalia Elisabetta di Hanau-Münzenberg  
Carlotta Amalia d'Assia-Kassel  
Edvige Sofia di Brandeburgo Giorgio Guglielmo di Brandeburgo  
 
Elisabetta Carlotta di Wittelsbach-Simmern  
Cristiano VI di Danimarca  
Giovanni Alberto II di Meclemburgo-Güstrow Giovanni VII di Meclemburgo-Schwerin  
 
Sofia di Holstein-Gottorp  
Gustavo Adolfo di Meclemburgo-Güstrow  
Eleonora Maria di Anhalt-Bernburg Cristiano I di Anhalt-Bernburg  
 
Anna di Bentheim-Tecklenburg  
Luisa di Meclemburgo-Güstrow  
Federico III di Holstein-Gottorp Giovanni Adolfo di Holstein-Gottorp  
 
Augusta di Danimarca  
Maddalena Sibilla di Holstein-Gottorp  
Maria Elisabetta di Sassonia Giovanni Giorgio I di Sassonia  
 
Maddalena Sibilla di Hohenzollern  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante
— 1699
Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Christian 6. Konge af Danmark - Norge fra 1730-46, su danskekonger.dk. URL consultato il 1º dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2009).
  2. ^ Tyge Krogh Rationalismens syndebuk. Christian 6. og pietismen i dansk historieskrivning Museum Tusculanum Press, 1997 ISBN 9788772894515
  3. ^ Sophie Magdalene (1700–1770), su Dansk Kvindebiografisk Leksiko. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  4. ^ (DA) Anders Monrad Møller, Christian VI.s & Sophie Magdalenes salving, in Enevældens kroninger. Syv salvinger - ceremoniellet, teksterne og musikken [The coronations of the absolute monarchy. Seven anointings - the ceremonial, the lyrics and the music], Copenhagen, Forlaget Falcon, 2012, pp. 78–103, ISBN 978-87-88802-29-0.
  5. ^ The estate of Clausholm, su clausholm.dk. URL consultato il 15 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2016).
  6. ^ Denmark: Adscription of 1733 (Stavnsbåndet), su familysearch.org. URL consultato il 15 agosto 2016.
  7. ^ Hans Adolf Brorson, 1694-1764, su Dansk biografisk Lexikon. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  8. ^ Forordning om Skolerne på Landet i Danmark, 23. januar 1739, su danmarkshistorien.dk. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  9. ^ [1]| Dansk Biografisk Leksikon; accessed 4 February 2017.Template:In lang
  10. ^ Koch, L. Kong Christian den Siettes Historie (Copenhagen: 1886).
  11. ^ Edvard Holm. Danmark-Norges historie under Kristian VI (1730–1746).
  12. ^ (DA) Christian VI profile, su gravsted.dk. URL consultato il 15 agosto 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Schleswig-Holstein-Glückstadt, Conte di Oldenburg Successore
Federico IV 1730 - 1746 Federico V
Predecessore Duca coreggente di Holstein Successore
Federico IV di Danimarca
con Carlo Federico di Holstein-Gottorp
1730 - 1746
con Carlo Federico di Holstein-Gottorp (1730-1739)
con Carlo Pietro Ulrico di Holstein-Gottorp (1739-1746)
Federico V di Danimarca
con Carlo Pietro Ulrico di Holstein-Gottorp
Controllo di autoritàVIAF (EN261098170 · ISNI (EN0000 0003 8161 1390 · BAV 495/164671 · CERL cnp00873282 · LCCN (ENn83040462 · GND (DE11897436X · BNF (FRcb116837599 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n83040462