Convogli artici della seconda guerra mondiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vista dal incrociatore HMS Sheffield (C24) mentre scorta un convoglio, navigando lungo le acque del mar Glaciale Artico

I convogli artici della seconda guerra mondiale furono dei convogli navali, scortati da unità da guerra Alleate, che permisero un consistente flusso di rifornimenti, provenienti dagli Stati Uniti, dal Canada e dalla Gran Bretagna, utilizzando anche i porti dell'Islanda, secondo il piano previsto dal programma Lend-Lease, o legge affitti e prestiti, che il Presidente Franklin Delano Roosevelt aveva disposto con i paesi Alleati l'11 marzo 1941. Essi percorsero la rotta marittima artica verso i porti sovietici di Murmansk e di Archangel'sk, sul mare di Barents e sul mar Bianco.

Nomenclatura[modifica | modifica wikitesto]

I convogli si raggruppavano nei porti islandesi ed ogni convoglio era contraddistinto da una sigla di due o più lettere e un numero, che indicavano il porto di partenza, quello di arrivo, e il numero progressivo del convoglio su quella rotta. Nello specifico i convogli dall'Islanda a Murmansk erano contraddistinti dalla sigla PQ ed un numero, mentre quelli che seguivano la rotta inversa dalla sigla QP e relativo numero.

Storia dei convogli[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Il terzo Reich, vol. Guerra sul Mare, 1993, H&W ISBN non esistente
  • Léonce Peillard, La Battaglia dell'Atlantico, 1992, Mondadori ISBN 88-04-35906-4
  • Enzo Biagi, La seconda guerra mondiale, vol. III, 1995, Fabbri Editori ISBN non esistente
  • Salmaggi e Pallavisini, La seconda guerra mondiale, 1989, Mondadori ISBN 88-04-39248-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]