Conte Attilio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il conte Attilio
I promessi sposi-361.jpg
il Conte Attilio e il Conte zio in un'illustrazione di Francesco Gonin
UniversoI promessi sposi
AutoreAlessandro Manzoni
1ª app. inFermo e Lucia
Ultima app. inI promessi sposi
Specieumano
SessoMaschio
Etniaitaliano

Il conte Attilio è il cugino di don Rodrigo nel romanzo di Alessandro Manzoni I Promessi Sposi, e lo aiuta nel suo infame obiettivo, ovvero quello di catturare Lucia Mondella.

Costui si presenta con le stesse caratteristiche del cugino. Con quest'ultimo scommette sul fatto che non sarebbe riuscito ad impossessarsi di Lucia, ed è proprio a causa di questa scommessa che inizia tutta la vicenda che si svilupperà nel corso del libro.

Il conte Attilio in seguito cercherà di aiutare don Rodrigo andando dal conte zio a Milano per fare in modo che padre Cristoforo non interferisca con la scommessa. Alla fine del romanzo il conte Attilio morirà di peste: proprio nell'occasione del suo funerale don Rodrigo contrarrà lo stesso morbo.

Luigi Russo lo definisce "un virtuoso della malizia e un manesco senza rimorsi". Durante il banchetto nel palazzotto di don Rodrigo (cap. V) si dimostra superiore, per intelligenza, a suo cugino. Vuole sistemare una questione di cavalleria bastonando il portatore di sfida (bastonabile, bastonabilissimo) e vorrebbe risolvere la carestia impiccando alcuni fornai[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Personaggi dei Promessi Sposi, pp. 239-240.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura