Conte zio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conte zio
I promessi sposi-362.jpg
il Conte zio in un'illustrazione dell' "edizione quarantana" dei Promessi sposi
Universo I promessi sposi
Autore Alessandro Manzoni
1ª app. in Fermo e Lucia
Ultima app. in I promessi sposi
Specie umano
Sesso Maschio
Etnia italiano

Conte zio è un personaggio dei Promessi Sposi e, nel romanzo, compare come lo zio di don Rodrigo e del conte Attilio. Compare per la prima volta nel capitolo XI, ma entra nell'azione della vicenda nel capitolo XVIII, proprio a metà libro, ed è presentato con metodo ribaltato rispetto al solito: prima vi è la sua descrizione diretta da parte del narratore onnisciente, poi la verifica di tali caratteristiche "sul campo", grazie al colloquio con il padre provinciale.

Scrisse Manzoni:

« Il conte zio, togato, e uno degli anziani del consiglio, vi godeva un certo credito; ma nel farlo valere, e nel farlo rendere con gli altri, non c'era il suo compagno »

Si capisce che il conte zio era un uomo di estremo prestigio, e questo era aumentato soprattutto dopo un viaggio a Madrid, nel palazzo reale, dal Re di Spagna; il suo volere era difficilmente contrastabile ed aveva in mano un grande potere. Nella storia, il conte Attilio gli chiede aiuto riguardo a Fra Cristoforo.

Il conte invita dunque il padre provinciale ad un incontro ben preparato, per far capire al religioso chi comanda (si è circondato, per l'occasione, delle più alte cariche politiche: parenti altolocati e sprezzanti, clienti ossequiosi o fidati ecc.). Il padre provinciale capisce e infatti, dopo mille tentennamenti, viene convinto ad allontanare da Pescarenico il Padre Cristoforo. Negli ultimi capitoli del romanzo il conte zio muore, ucciso dalla peste.

Eugenio Donadoni[1] scrive che quella del conte Zio è un'autorità "d'influenza", esercitata a fine malefico. È un anonimo, che ha la forza della sua nullità, la consapevolezza del suo niente divenuto una potenza, è ombroso del suo credito, del suo sangue, del suo nome, che son tutto per lui; la sua vanità si trasforma in ingiustizia e l'uomo ridicolo diventa cattivo. Nel colloquio con il padre provinciale appare esperto diplomatico; la sua prudenza (che è spesso viltà ed egoismo) è la sua virtù. È vacuo non men che cattivo, irriducibilmente testardo e puntiglioso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scritti e discorsi letterari, Firenze, Sansoni, 1921, p. 313 ss.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura