Luigi Russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando personaggi omonimi, vedi Luigi Russo (disambigua).
Luigi Russo

Luigi Russo (Delia, 29 novembre 1892Marina di Pietrasanta, 14 agosto 1961) è stato un critico letterario, accademico e rettore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequentato il liceo classico Ruggero Settimo a Caltanissetta, divenne allievo della Scuola normale superiore tra il 1910 e 1914. Successivamente prese parte alla prima guerra mondiale, verso la quale nutrì un "ingenuo entusiasmo" per i risvolti patriottici ai fini del completamento dell'unificazione territoriale italiana. Nell'immediato dopoguerra assume la cattedra di Italiano e Latino alla Scuola militare Nunziatella di Napoli. [1]

Giunge con grande celerità la pubblicazione della sua tesi di laurea su Metastasio nel 1915, ma l’incipit della sua carriera si ha nel 1920, anno in cui esce il Saggio su Verga. Lo scrittore verista resterà sempre tra gli interessi di Russo, tanto che nel 1960, nel suo ultimo volume laterziano Il tramonto del letterato, pag. 513, troviamo un intervento su Verga, il poeta della povera gente.

Comincia proprio nel 1920-1925 la prima e compiuta definizione del suo indirizzo critico-letterario: successivamente al saggio su Verga, nel quale attacca la letterarietà in nome della concezione del "poeta primitivo", emerge già matura la sua posizione verso Benedetto Croce, con il quale scambiò un nutrito carteggio, confermando la distinzione tra poesia e non-poesia, ma completandola con il contesto e il mondo dello scrittore, sia sociale che culturale. Dunque dà molta importanza alla storia, riferendosi chiaramente alla critica di Francesco De Sanctis e inaugurando il suo storicismo integrale. Ridefinisce la nozione di poetica come cerniera tra poesia e non-poesia e applicandola nei suoi studi sui principali autori italiani: Manzoni, Alfieri, Foscolo, Leopardi, raccolti in Ritratti e disegni storici. [2]

Nel 1925 ottiene la cattedra di letteratura italiana alla facoltà di magistero di Firenze e nel 1934 alla facoltà di Lettere di Pisa [3], dove avrà tra i suoi allievi tra gli altri Giovanni Getto, Walter Binni, Ettore Bonora. Dopo i notevoli studi metodologici si concentra su Alessandro Manzoni e I promessi sposi che vengono riabilitati nonostante le notevoli discriminazioni crociane.

Continua appassionato lo studio sulla cultura ottocentesca napoletana la quale veniva ad assumere un chiaro significato politico. Prende corpo il suo antifascismo "utile e indisturbato" condiviso con illustrissimi colleghi. Esso si consolida nel saggio su Niccolò Machiavelli, opponendosi alla moda del regime di rappresentare se stesso come il movimento che aveva da tempo attuato gli ideali machiavellici ed invece, sul piano letterario, conferma un Machiavelli "artista della politica".

Assume nel 1943 e dal 1944 al 1948 la direzione della Scuola normale di Pisa e si conferma uno dei più lucidi e arguti attori della cultura del tempo. Aveva collaborato alla rivista La nuova Italia (pubblicata dall'omonima casa editrice) e, dal 1925 al 1947, diresse Leonardo. Rassegna bibliografica mensile e infine volle fondare, nel 1946, una propria rivista, Belfagor che si occuperà di critica, storia, politica, filologia e arti figurative. Dalle sue colonne polemizzerà sagacemente e brillantemente coi personaggi di spicco della vita culturale e politica del Paese[4] e si ergerà sempre a difesa della cultura libera. La fase finale della sua attività di studioso sarà maggiormente rivolta alla dialettica. [5]

Soddisfatto della tranquillità della vita a Pisa, trascorrerà attivamente gli ultimi anni, anche in senso politico: fedele alla sua impostazione laica e liberale, non accettò mai il clima politico di monopolio democristiano, arrivando a candidarsi come indipendente nelle liste del PCI in Sicilia alle elezioni politiche del 1948. Proprio a tale scelta politica è da attribuirsi la successiva decisione dell'allora Ministro dell'istruzione on. Gonella (DC) di non confermarlo quale direttore della Scuola normale di Pisa.[6]

Alla sua morte, uno dei figli, Carlo Ferdinando Russo, formatosi anche lui alla Scuola normale e titolare per oltre un ventennio della cattedra di filologia greca all'Università di Bari, gli subentrò nella direzione di Belfagor.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Metastasio, Pisa, Nistri, 1915.
  • Giovanni Verga, Napoli, Ricciardi, 1919.
  • Salvatore Di Giacomo, Napoli, Ricciardi, 1921.
  • I Narratori, Roma, Fondazione Leonardo, 1923.
  • Francesco De Sanctis e la cultura napoletana, Venezia, La Nuova Italia, 1928.
  • Problemi di metodo critico, Bari, Laterza, 1929.
  • Elogio della polemica, Bari, Laterza, 1933.
  • Ritratti e disegni storici - Da Machiavelli a Carducci, Bari, Laterza, 1936.
  • Commedie fiorentine del '500, Firenze, Sansoni, 1939.
  • Gabriele D'Annunzio. Saggi tre, Firenze, Sansoni, 1939.
  • La critica letteraria contemporanea, tre volumi, Bari, Laterza, 1942-43.
  • Machiavelli, Bari, Laterza, 1945.
  • Personaggi dei Promessi sposi, Bari, Laterza, 1945.
  • Scrittori-poeti e scrittori-letterati, Salvatore Di Giacomo e Giuseppe Cesare Abba, Bari, Laterza, 1945.
  • Ritratti e disegni storici. Dall'Alfieri al Leopardi, Bari, Laterza, 1946.
  • Ritratti e disegni storici. Dal Manzoni al De Sanctis, Bari, Laterza, 1946.
  • Ritratti e disegni storici. Studi sul Due e Trecento, Bari, Laterza, 1946.
  • De vera religione, Torino, Einaudi, 1949.
  • Ritratti e disegni storici. Dal Carducci al Panzini , Bari, Laterza, 1953.
  • Dialogo dei popoli, Firenze, Parenti, 1953.
  • Letture del Decameron, Bari, Laterza, 1956.
  • Carducci senza retorica, Bari, Laterza, 1957.
  • Il tramonto del letterato, Bari, Laterza, 1960.
  • Compendio di storia della letteratura italiana, Messina, D'Anna, 1961.

Ai saggi sopraelencati sono da aggiungere i numerosi commenti, ad uso scolastico, di opere di alcuni tra gli scrittori italiani già indagati nei suoi studi critici, come Boccaccio, Dante, Machiavelli, Tasso, Alfieri, Foscolo, Manzoni, Leopardi, Nievo, Verga, De Sanctis.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riccardo Scrivano e Walter Binni, Luigi Russo, in Letteratura italiana - I Critici, volume terzo, Milano, Marzorati, 1970, p. 2169.
  2. ^ Sul crocianesimo del Russo, «accentuato nella direzione di un sempre più insistito e precisato storicismo», che alla fine il critico applicherà agli stessi principi estetici del marxismo, «ma senza mai un reale distacco dal crocianesimo di fondo», si veda Giorgio Barberi Squarotti, in Grande dizionario enciclopedico, volume undicesimo, Torino, UTET, 1961, alla voce Russo Luigi, p. 262.
  3. ^ Riccardo Scrivano e Walter Binni, Ibidem
  4. ^ "È probabilmente da imputarsi a questo suo esporsi in posizione di dissenso, la destituzione improvvisa e immotivata dall'incarico di Rettore della scuola Normale di Pisa": D'Angelo, Sabrina, La terza pagina dell'Unità (1946-1950), Critica letteraria : 152, 3, 2011 p. 543 (Napoli : Loffredo Editore, 2011).
  5. ^ Peraltro questo grande critico non ha mai dissimulato il suo interesse per la polemica (Elogio della polemica, 1933), da lui stesso praticata negli ultimi tempi con rissosa insistenza. Fonte: Enrico Maria Fusco, Russo, Luigi, in Scrittori e idee, Torino, Società editrice internazionale, 1956, p. 514.
  6. ^ Calamandrei, Piero., In difesa dell'onestà e della libertà della scuola : interpellanza del 16 dicembre 1948 alla Camera dei deputati sul caso Luigi Russo, Sellerio, 1994, ISBN 8838910553, OCLC 797663457.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Maria Fusco, Russo Luigi, in Scrittori e idee, Torino, Società editrice internazionale, 1956, pp. 513-514.
  • Autori vari, Scritti su Luigi Russo, in «Belfagor», XVI, 6, fascicolo speciale, 1961.
  • Giorgio Barberi Squarotti, Russo Luigi, in Grande dizionario enciclopedico, volume undicesimo, Torino, UTET, 1961, p. 262.
  • R. Lo Re, La figura e l'opera di Luigi Russo, in «Poesia e critica», IV, 1964.
  • Riccardo Scrivano e Walter Binni, Luigi Russo, in Letteratura italiana - I Critici, volume terzo, Milano, Marzorati, 1969, pp. 2123-2172.
  • Luigi Blasucci, Russo, Luigi, in Enciclopedia dantesca, Treccani, 1970 (URL consultato il 31/08/2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN94578083 · ISNI (EN0000 0001 2283 1057 · SBN IT\ICCU\CFIV\003748 · LCCN (ENn79093026 · GND (DE118791672 · BNF (FRcb120559512 (data)