Felice Casati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lapide dedicata a Felice Casati. Livorno, chiesa della SS. Trinità

Felice Casati (Milano, 1581Livorno, 1656) è stato un monaco cristiano italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cappuccino, fu maestro noviziale ad Orta e Vigevano dal 1621 al 1630. Uomo pio e caritatevole, durante l'epidemia di peste del 1630 fu alla direzione del celebre lazzaretto di Milano, affiancato dal fedele Michele Pozzobonelli, fino al 1632. Divenuto dunque padre guardiano a Cremona e in altri monasteri lombardi, fu eletto provinciale di Lombardia dal 1637 al 1640 e nuovamente dal 1648 al 1651.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ne I promessi sposi di Alessandro Manzoni viene descritto come un religioso instancabile[1], che basa la sua sicurezza sull'accettazione della volontà divina.

Tenne nel lazzaretto una predica sui motivi della carità e del perdono, riportata da Manzoni nei promessi sposi (cap.XXXVI).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie