Cladonia furcata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cladonia furcata
Cladonia.furcata.closeup.jpg
Cladonia furcata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Ascomycota
Classe Lecanoromycetes
Ordine Lecanorales
Famiglia Cladoniaceae
Genere Cladonia
Sottogenere Ascyphiferae
Specie C. furcata
Nomenclatura binomiale
Cladonia furcata
(Huds.) Schrad., 1794
Sinonimi

C. furcata f. polyphylla A.Massal.
C. furcata f. rigidula A.Massal.
C. furcata v. corymbosa (Ach.) Nyl.
C. furcata v. palamaea (Ach.) Nyl.
Cladonia racemosa Hoffm.

Cladonia furcata (Huds.) Schrad. (1794), è una specie di lichene appartenente al genere Cladonia, dell'ordine Lecanorales.

Il nome deriva dal latino tardo furcatus che significa simile ad un forcone, per la grande quantità di biforcazioni in cui si dirama.[1]

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

I podezi hanno molte varietà di forme e colori, sono in parte o totalmente ricoperti di squamule, privi completamente di calici, senza soredi e di colore variabile da verde a bruno scuro. I punti di attacco delle ramificazioni, dette anche ascelle, sono perforate. Per questa sua variabilità è facilmente confondibile con C. rangiformis.[2] Il fotobionte è principalmente un'alga verde delle Trentepohlia.[3]

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questo lichene preferisce climi che vanno dall'olartico, al temperato, al montano di tipo boreale. Rinvenuto prevalentemente su suolo, fra i muschi, raramente su legno, in aree dove la matrice rocciosa è sia silicea che calcarea. Predilige un pH del substrato con valori intermedi fra molto acido e subneutro, oppure con valori intermedi fra subneutro e basico. Il bisogno di umidità è mesofitico.[3]

Località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

La specie è da ritenersi cosmopolita ed è stata rinvenuta nelle seguenti località:

Cladonia furcata

In Italia è la specie più presente del genere Cladonia, con vario grado di diffusione, in tutto il territorio; in dettaglio:

  • Trentino-Alto Adige, da abbastanza rara nelle valli ad estremamente rara nei monti
  • Val d'Aosta, da abbastanza rara nelle valli ad estremamente rara nei monti
  • Piemonte, da estremamente rara a ridosso dell'arco alpino, a rara nel resto del territorio
  • Lombardia, veramente rara lungo l'arco alpino; rara nella fascia prealpina ed estremamente rara nella zona padana
  • Veneto, rara lungo in confine col Trentino; estremamente rara nella parte meridionale
  • Friuli, da abbastanza rara nella parte settentrionale ad estremamente rara nella parte meridionale.
Cladonia furcata, ascelle perforate
  • Emilia-Romagna, da estremamente rara lungo l'Adriatico e nelle zone padane a rara nelle zone appenniniche
  • Liguria, comune lungo l'arco orientale e piuttosto rara lungo l'arco occidentale
  • Toscana, comune in tutta la regione
  • Umbria, comune in tutta la regione
  • Marche, rara in tutta la regione
  • Lazio, da rara lungo le zone costiere a comune nelle zone interne
  • Abruzzi, da rara lungo la fascia orientale a piuttosto rara nelle zone appenniniche
  • Molise, alquanto rara in tutta la regione, non presente lungo le coste
  • Campania, alquanto rara nell'avellinese e nel beneventano, comune nel salernitano, poco comune nelle altre province
Cladonia furcata, dettaglio delle biforcazioni
  • Puglia, comune nel Gargano, non presente nelle zone costiere e nel leccese, veramente rara nelle province interne
  • Basilicata, da non presente nella fascia metapontina a piuttosto rara nel potentino
  • Calabria, da comune lungo l'arco tirrenico ad estremamente rara lungo l'arco ionico
  • Sicilia, comune nel messinese, catanese, palermitano e ragusano; rara nelle province interne; non presente nel resto delle zone costiere
  • Sardegna, da comune sul versante occidentale a piuttosto rara sul versante tirrenico.[3]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Cladonia furcata

Questa specie era ascritta fino a pochi anni fa in una sezione a parte, la Furcatae; recenti studi tassonomici hanno suggerito ai lichenologi di inserirla nella sezione Ascyphiferae[4]; a tutto il 2008 sono state identificate le seguenti forme, sottospecie e varietà:

  • Cladonia furcata f. adspersa (Flörke) Vain. (1887), (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata f. divulsa Klem. (1952).
  • Cladonia furcata f. farinacea (Vain.) Vain.
  • Cladonia furcata f. fissa (Flörke) Aigret (1901).
  • Cladonia furcata f. furcata (Huds.) Schrad. (1794).
  • Cladonia furcata f. furcatosubulata (Hoffm.) Sandst.
  • Cladonia furcata f. grandescens Nyl.
  • Cladonia furcata f. marmoladae (Sambo) Pišút (1961).
  • Cladonia furcata f. pinnata (Flörke) Vain.
  • Cladonia furcata f. prolifera A. Evans (1950).
  • Cladonia furcata f. pustarum (Szatala) Verseghy (1988).
  • Cladonia furcata f. regalis (Flörke) H. Olivier.
  • Cladonia furcata f. spinulosa (Delise) M. Choisy (1951).
  • Cladonia furcata f. squamulifera Sandst.
  • Cladonia furcata f. stricta (Ach.) H. Olivier.
Cladonia furcata
  • Cladonia furcata f. surrecta Flörke (1828).
  • Cladonia furcata f. truncata (Flörke) Vain.
  • Cladonia furcata f. turgida Scriba ex Sandst.
  • Cladonia furcata f. vagans (Tomin) Pišút (1975).
  • Cladonia furcata subsp. diffusa Stirt., (= Cladonia crispata var. cetrariiformis).
  • Cladonia furcata subsp. furcata (Huds.) Schrad. (1794).
  • Cladonia furcata subsp. subrangiformis (L. Scriba ex Sandst.) Pišút (1961).
  • Cladonia furcata var. adspersa (Flörke) F. Wilson (1893), (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata var. asperata Müll. Arg. (1882), (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata var. cancellata Müll. Arg. (1882), (= Cladonia furcata subsp. furcata).
  • Cladonia furcata var. circinnatocontorta Sambo (1934).
  • Cladonia furcata var. corymbosa (Ach.) Vain.
  • Cladonia furcata var. crispata (Ach.) Flörke, (= Cladonia crispata var. crispata).
  • Cladonia furcata var. farinacea Vain. (1887).
  • Cladonia furcata var. filiformis Müll. Arg. (1882), (= Cladonia pertricosa).
  • Cladonia furcata var. furcata (Huds.) Schrad. (1794).
  • Cladonia furcata var. furcata f. fissa (Flörke) Aigr.
  • Cladonia furcata var. furcata f. squamulifera Sandst.
Cladonia furcata
  • Cladonia furcata var. furcatosubulata (Hoffm.) M. Choisy (1951).
  • Cladonia furcata var. gracillima Müll. Arg. (1882), (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata var. hians Müll. Arg. (1882), (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata var. notabilis Müll. Arg. (1883), (= Cladonia ochrochlora).
  • Cladonia furcata var. palamaea (Ach.) Nyl. (1887), (= Cladonia furcata subsp. furcata).
  • Cladonia furcata var. pinnata (Flörke) Vain. (1887), (= Cladonia furcata subsp. furcata).
  • Cladonia furcata var. pinnata f. foliolosa (Duby) Vain.
  • Cladonia furcata var. pinnata f. recurva (Hoffm.) Sandst.
  • Cladonia furcata var. pinnata f. regalis (Flörke) H. Olivier
  • Cladonia furcata var. pinnata f. truncata (Flörke) Vain.
  • Cladonia furcata var. pinnata f. turgida Scriba ex Sandst.
  • Cladonia furcata var. polyphylla (Flörke) F. Wilson (1893).
  • Cladonia furcata var. pungens Ach., (= Cladonia scabriuscula).
Cladonia furcata
  • Cladonia furcata var. racemosa (Hoffm.) Flörke (1828).
  • Cladonia furcata var. racemosa f. corymbosa
  • Cladonia furcata var. racemosa f. fissa
  • Cladonia furcata var. recurva A.L. Sm., (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata var. rigidula A. Massal.
  • Cladonia furcata var. scabriuscula (Delise) Coem. (1887), (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata var. squamulosa (Dufour) Mont. (1845).
  • Cladonia furcata var. stricta (Ach.) Schaer. (1850).
  • Cladonia furcata var. subpungens Müll. Arg.
  • Cladonia furcata var. subrangiformis (L. Scriba ex Sandst.) Hennipman (1967), (= Cladonia furcata subsp. subrangiformis).
  • Cladonia furcata var. subsquamosa Müll. Arg. (1882), (= Cladonia scabriuscula).
  • Cladonia furcata var. surrecta
  • Cladonia furcata var. syrtica Ohlert.
  • Cladonia furcata var. tenuicaulis Müll. Arg. (1882), (= Cladonia furcata subsp. furcata).
  • Cladonia furcata var. virgulata Müll. Arg. (1883), (= Cladonia scabriuscula).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Etimologie di nomi botanici, su calflora.net.
  2. ^ Hans Martin Jahns, Felci, muschi e licheni d'Europa, collana scienze naturali, Franco Muzzio editore, 1992, p. 232, ISBN 88-7021-619-5.
  3. ^ a b c ITALIC, sito sui licheni italiani[collegamento interrotto]
  4. ^ Phylogeny of the Genus Cladonia s.lat. (Cladoniaceae, Ascomycetes) Inferred from Molecular, Morphological, and Chemical Data

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia