Civiglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Civiglio
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaComo Como
CittàComo-Stemma.png Como
Circoscrizione9
Superficie3,217 km²
Abitanti686 ab.
Densità213,24 ab./km²
PatronoSan Tommaso apostolo

Coordinate: 45°48′43″N 9°06′45″E / 45.811944°N 9.1125°E45.811944; 9.1125

Civiglio (Civij in dialetto comasco, AFI: [ʧivˈi:j]) è un quartiere[1] della città di Como, in Lombardia, situato a est del centro cittadino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere era un piccolo villaggio di antica origine della Pieve di Zezio, citato negli annessi agli Statuti di Como del 1335 con la denominazione "comune de Civelio".[2]

Il comune risultò inserito nella stessa pieve anche durante il Ducato di Milano.[2] Nel 1751 la denominazione comunale comprendeva anche la dicitura "San Tomaso" con cui era nota la parrocchia del paese.[2] Nello stesso anno, il territorio di Civiglio comprendeva anche i cassinaggi di Visigna e Pienone e non risultava soggetto a infeudazione alcuna. Per ottenere la redenzione, il comune era tuttavia ancora tenuto a un pagamento quindecennale alla Regia Camera del Ducato (tramite il comune di Como).[2]

Civiglio fu annesso per la prima volta a Como su ordine di Napoleone,[3] ma gli austriaci annullarono la decisione al loro ritorno nel 1815 con il Regno Lombardo-Veneto.[4][5]

Dopo l'unità d'Italia, il paese salì da meno di quattrocento a più di cinquecento abitanti. Fu il fascismo a decidere la soppressione del comune unendolo definitivamente a Como.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Tommaso,[7] costruita sulla base di una chiesa già attestata alla fine del XIII secolo e sede dell'omonima parrocchia almeno dalla fine del Cinquecento.[8]
  • Chiesetta di San NIcola da Tolentino,[7] citata negli atti della visita pastorale del vescovo Giambattista Mugiasca del 1768 e situata nella località un tempo detta "Campassio".[8] La chiesetta si trova mezzo a un bosco, al termine di una Via Crucis del XIX secolo curata da Antonio Rinaldi.[9]
  • Chiesetta di Sant'Antonio da Padova in località Scivei,[7] la cui esistenza è già attestata nel 1901.[8]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Demografia pre-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

  • 1751: 300 abitanti[2]
  • 1771: 285 abitanti[10]
  • 1799: 350 abitanti[3]
  • 1805: 377 abitanti[3]
  • 1853: 371 abitanti[5]

Demografia post-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

  • 1861: 376 abitanti[11]
  • 1871: 376 abitanti[11]
  • 1881: 429 abitanti[11]
  • 1901: 525 abitanti[11]
  • 1911: 572 abitanti[11]
  • 1921: 567 abitanti[11]
  • 1931: 531 abitanti[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Como - Statuto
  2. ^ a b c d e Comune di Civiglio, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  3. ^ a b c Comune di Civiglio, 1798 - 1809 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  4. ^ Como
  5. ^ a b Comune di Civiglio, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  6. ^ R.D. N. 664 del 22/06/1943
  7. ^ a b c ParrocchieMap.it, su www.pmap.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  8. ^ a b c Parrocchia di San Tommaso, sec. XVI - [1989] – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  9. ^ Civiglio, via crucis a pezzi L'appello: Adottiamola, su www.laprovinciadicomo.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  10. ^ Comune di Civiglio, 1757 - 1797 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 maggio 2020.
  11. ^ a b c d e f g Comune di Civiglio, 1859 - 1942 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 24 maggio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia