Tavernola (Como)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tavernola
Cernobbio al tramonto.jpg
Il quartiere Tavernola, al centro della foto, stretto tra la collina di Cardina (a sud-ovest) e il Breggia
StatoItalia Italia
Regione  Lombardia
Provincia  Como
CittàComo-Stemma.png Como
Circoscrizione8
Codice postale22100
Abitanti3 000 ab.
PatronoS.Bartolomeo
Giorno festivo24 agosto
Coordinate: 45°50′02″N 9°03′59″E / 45.833889°N 9.066389°E45.833889; 9.066389

Tavernola è un quartiere[1] di Como. Situato nella zona nord del comune, è il primo quartiere lacustre della sponda occidentale del ramo di Como dell'omonimo lago. Confina con i quartieri di Ponte Chiasso, Sagnino, Monte Olimpino e con i comuni di Cernobbio e Maslianico.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Tavernola ospita alcune ville, affacciate direttamente sul lago, realizzate tra metà del '700 e la metà del secolo successivo:

  • Villa Claudina Gonzales Cantaluppi[3]
  • Villa Durini[4]
  • Villa Sforni[5]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di Cristo Re.[6]
  • Campanile della Chiesa di San Bartolomeo delle Vigne a Folcino[7], già attestata ai tempi del vescovo Ninguarda e sede della parrocchia di Tavernola tra 1920 e il 1937[8].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti all'interno del comune di Como[9]:

  • 1981: 2440
  • 1991: 3144
  • 2001: 3118
  • 2008: 3011

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Zone e località[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere di Tavernola comprende le seguenti località:

  • Folcino inferiore
  • Folcino superiore
  • Gerenzana
  • Polano
  • San Bartolomeo alle Vigne (anche delle Vigne o nelle Vigne)
  • Müss
  • Vignascia

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere di Tavernola è servito dalle autolinee urbane per la città e extraurbane per i paesi della sponda occidentale del ramo di Como del Lario gestite da ASF Autolinee e dalla linea di trasporto lacuale Como-Colico/Colico-Como della Gestione governativa navigazione laghi.

Fra il 1910 e il 1938 la località ospitava una fermata della tranvia Como-Cernobbio-Maslianico, in seguito sostituita da una filovia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Como - Statuto
  2. ^ Villa Dozzio - complesso, Via per Cernobbio, 28,30(P) - Como (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 16 aprile 2021.
  3. ^ Villa Claudina Gonzales Cantaluppi - complesso, Via per Cernobbio, 20 - Como (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 16 aprile 2021.
  4. ^ Villa Durini - complesso, Via per Cernobbio, 24 - Como (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 16 aprile 2021.
  5. ^ Villa Sforni, Via Conciliazione, 1 - Como (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 16 aprile 2021.
  6. ^ Parrocchia di Cristo Re a Tavernola, su ...nel quartiere - Assemblea di Zona Como Nord. URL consultato il 7 marzo 2020.
  7. ^ Le Parrocchie del Vicariato di Monte Olimpino a Como, su ...nel quartiere - Assemblea di Zona Como Nord. URL consultato il 7 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2020).
  8. ^ Storia della parrocchia di Monteolimpino (PDF).
  9. ^ Domizia De Rocchi (a cura di), Comune di Como: Demografia in cifre (PDF).
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia