Cardina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cardina
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaComo Como
CittàComo
Circoscrizione8
Codice postale22100
Abitanti170 ab.
Patronosant'Abbondio
Giorno festivo31 agosto

Coordinate: 45°49′35.4″N 9°03′33.7″E / 45.8265°N 9.059361°E45.8265; 9.059361

Cardina è un rione[1] di Monte Olimpino, nella Circoscrizione nr. 8. Si trova di fronte alla collina di Cardano, con cui serrano il territorio comasco verso la Svizzera. Tra le due colline, che fanno da cardini, passa la via Bellinzona, che porta verso la dogana di Ponte Chiasso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È conosciuta anche come "La collina del cinema". In cima all'altura infatti Bruno Munari (Milano 1907-1998) e Marcello Piccardo (Genova 1914 - Mondovì 1999) per molti anni hanno abitato e lavorato alla realizzazione di pellicole di ricerca avanguardistiche. Il laboratorio con il nome di "Cineteca di Monteolimpino - Centro internazionale del film di ricerca" stava proprio alla fine della strada carrozzabile, in via Conconi, la continuazione della via Cardina, di fronte al ristorante "Crotto del Lupo".

L'esperienza di Munari e Piccardo con i suoi cinque figli, è raccontata nel libro scritto da quest'ultimo; "La collina del cinema", NodoLibri, Como, 1992. Da questo testo è stato successivamente realizzato l'omonimo film da parte del figlio di Piccardo, Andrea.

I boschi di Cardina, hanno fatto da ritiro estivo a Bruno Munari fino agli ultimi anni della sua vita. Un estratto del suo rapporto con la natura della collina è riassunto da lui stesso nel racconto "Alta tensione", del 1991.

Tra i suoi più celebri abitanti, la località può vantare anche il famoso scrittore scapigliato milanese Carlo Dossi che qui fece costruire la propria stravagante residenza, il proprio vittoriale, il Dosso appunto, dove morì nel 1910.

Da menzionare inoltre il celebre industriale della seta e mecenate dell'arte Guido Ravasi, le cui memorie sono raccontate nel suo libro "Sotto il faggio rosso di Cardina" (ed. Cavalleri, 1944 - Como), che aveva fatto della sua "Villa Ravasi", un luogo di incontri tra letterati ed artisti.

Sulla Collina, inoltre sono ben presenti le fortificazioni Frontiera Nord, il sistema difensivo italiano verso la Svizzera impropriamente noto come Linea Cadorna, realizzate nel corso della Prima Guerra Mondiale, con trincee, appostamenti di artiglieria e ricoveri sotterranei.

Per una tutela territoriale, artistica e culturale, nonché degli abitanti della Collina, il 30 novembre 2007 si è costituita l'Associazione Cardina, la cui mission è la valorizzazione e la sponsorizzazione con eventi per promuovere questi valori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il comune di Monte Olimpino 1818 - 1884, Primo Porta, Associazione Artistico-Culturale "Felice Spindler", Tipografia Editrice Cesare Nani, 1986
  • La collina del cinema, Marcello Piccardo, NodoLibri, 1992
  • Passeggiate lariane, Carlo Linati, Massimiliano Boni Editore, Bologna, 1999 (Garzanti Editore, 1939)
  • Il Dosso Pisani e Carlo Dossi, Alvise e Niccolò Reverdini, Associazione dimore storiche italiane, 1989
  • Primati e singolarità della provincia lariana vol. II, Enrico Lecci, Banca Amadeo, 1976
  • Sotto il faggio rosso di Cardina, Guido Ravasi, Cavalleri, 1944
  • Alta tensione, Bruno Munari, Edizione vismara arte, Milano, 1991
  • Per fare cinema (come l'abbiamo fatto noi), Andrea Piccardo, NodoLibri, 2014

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La collina del cinema, Andrea Piccardo, Promovideo Pisa, 1995

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia