Garzola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Garzola
Garzola (Como).png
Vista su Garzola da est. Sullo sfondo: le vette del Boletto e del Bolettone
StatoItalia Italia
Regione  Lombardia
Provincia  Como
CittàComo
Circoscrizione9
Codice postale22100
Coordinate: 45°48′32.8″N 9°06′05.5″E / 45.809111°N 9.101528°E45.809111; 9.101528

Garzola (Garzoeula[1] in lombardo) è un quartiere[2] della città di Como. Si sviluppa lungo la strada che, dalla convalle cittadina, risale l'omonima collina in direzione di Civiglio e del monte di Brunate. Confina a sud con Camnago Volta, quartiere di Como, a est con l'altro quartiere comense Civiglio, a ovest con il resto del comune di Como, a nord con Brunate.

Sino al 1855 apparteneva al comune censuario di Camerlata con il quale fu in tale data unita a Como.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Santuario di Nostra Signora del Prodigio e sacrario degli sport nautici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Santuario di Nostra Signora del Prodigio.

A Garzola Inferiore si trova il Santuario di Nostra Signora del Prodigio, comprensivo del Sacrario degli Sport nautici. La struttura, che ricorda la forma di una nave, è un Santuario della Diocesi di Como.[3] L'edificio si struttura su due piani: il livello superiore ospita uno spazio per le funzioni religiose,[4] nel quale trova posto un'icona mariana da cui il Santuario prende il nome.[3][5] Al livello inferiore si trova invece il cosiddetto Sacrario, al cui interno si trovano, tra i vari oggetti conservati, cimeli appartenuti a sportivi e/o professionisti che, nel corso della loro carriera, hanno rappresentato l'Italia in discipline legate all'acqua.[4]

Chiesetta della Santissima Trinità[modifica | modifica wikitesto]

Sempre a Garzola Inferiore, poco più a monte del Santuario si trova la chiesetta della Santissima Trinità,[6] risalente al 1670.[7] La chiesetta, che già nel 1904 era alle dipendenze della chiesa di Sant'Agata in Como[8], il 29 gennaio 1947 fu elevata al rango di parrocchiale[6]. La parrocchia fu retta da Don Maurizio Salvioni[9] fino al 1º giugno 2018, quando la stessa venne fusa con le parrocchie di Sant’Agata e di Sant’Orsola, così da formare una singola unità pastorale guidata da don Daniele Maola, coadiuvato dal vicario don Davide Pozzi e dai collaboratori don Fausto Sangiani e don Maurizio Mosconi[10].

Altre architetture[modifica | modifica wikitesto]

  • A Garzola Superiore: eremo di san Donato.
  • A Garzola Superiore: ex-oratorio dell'Immacolata, già attestato durante la visita del vescovo Giambattista Mugiasca nei borghi di Como, nel 1766[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Bassi, Vocabolario del dialètt de Còmm, Como, Famiglia Comasca, 2019.
  2. ^ Comune di Como - Statuto
  3. ^ a b Santuario di Nostra Signora del Prodigio – Tempio sacrario degli Sports Nautici – Como – Santuari Diocesani, su santuari.diocesidicomo.it. URL consultato il 9 marzo 2020.
  4. ^ a b Galleria fotografica del Santuario di Nostra Signora del prodigio – Santuari Diocesani, su santuari.diocesidicomo.it. URL consultato il 9 marzo 2020.
  5. ^ Tempio Sacrario degli Sport Nautici – Santuario Nostra Signora del Prodigio | Santuari Italiani, su santuaritaliani.it. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  6. ^ a b c SIUSA - Parrocchia della Santissima Trinità in Garzola, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 9 marzo 2020.
  7. ^ Chiesa della Ss. Trinità, Via per Brunate - Como (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 16 aprile 2021.
  8. ^ SIUSA - Parrocchia di S. Agata in Como, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 9 marzo 2020.
  9. ^ Sito web ufficiale della parrocchia Archiviato l'11 aprile 2014 in Internet Archive.
  10. ^ Parrocchie di Como, arrivano nuovi accorpamenti, su corrieredicomo.it. URL consultato il 1º dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2018).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Como e la sua storia IV. I borghi e le frazioni, Como: NodoLibri, 1994, pp 61–64.
  • La città di Como, Como: NodoLibri, 2003, p. 152.
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia