Chiesa di Sant'Efisio (Nora)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di Sant'Efisio martire
Sefisio nora2.jpg
Stato Italia Italia
Regione Sardegna
Località Pula
Religione Cattolicesimo
Diocesi arcidiocesi di Cagliari
Stile architettonico Romanico
Inizio costruzione post 1089

Coordinate: 38°59′23″N 9°00′46″E / 38.989722°N 9.012778°E38.989722; 9.012778

La chiesa di Sant'Efisio sorge poco fuori dal centro abitato di Pula. Prospetta con l'abside sulla spiaggia, a breve distanza dalle rovine della città di Nora, dove si svolge la processione che è culmine della festa di sant'Efisio.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale chiesa venne eretta in forme protoromaniche, di importazione franco - iberiche, posteriormente all'anno 1089, quando il titolo Sant'Efisio di Nora venne donato ai monaci vittorini (benedettini dell'abbazia di San Vittore di Marsiglia) dal giudice di Cagliari Costantino I Salusio II de Lacon-Gunale[1]. Il tempio venne probabilmente eretto sopra un antico santuario altomedievale, costruito sul luogo ritenuto per tradizione lo stesso dello svolgimento del martirio di sant'Efisio, luogo anche della sepoltura delle sue spoglie e dove esse rimasero, fin che non vennero traslate a Pisa (le reliquie vennero trafugate dai pisani nel 1098 e restituite alla Sardegna solo nel 1886[2]).

I resti dell'antico santuario, il martiryum, si ipotizza si possano riconoscere nel piccolo vano cupolato, oggi inglobato nella cripta dell'attuale chiesa romanica. Questa si presenta in linee semplici, dall'aspetto robusto e severo, costruita in blocchi di pietra arenaria e calcare, con materiali di spoglio provenienti da Nora. Il paramento esterno e privo di ornamenti, se si eccettua la stele funeraria punica murata sul lato sud. La facciata rivolta ad occidente, è preceduta da un atrio con portico, aggiunto tra in XVII e il XVIII secolo. L'interno, a pianta rettangolare, è a tre navate, tutte voltate a botte, divise da robusti pilastri che reggono archi a tutto sesto. La piccola abside è semicircolare. All'estremità della navata sinistra emerge dal pavimento la cupola emisferica dell'antico sacello inglobato nella cripta, a cui si accede tramite una scala posta al termine della navata destra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pula, Chiesa di Sant'Efisio di Nora, sardegnacultura.it. URL consultato il 3 maggio 2008.
  2. ^ Le reliquie, cagliariturismo.it. URL consultato il 3 maggio 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Coroneo. Architettura Romanica dalla metà del Mille al primo '300. Nuoro, Ilisso, 1993. ISBN 88-85098-24-X

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]