Chiesa della Santissima Trinità (Rovereto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa della Santissima Trinità
Borgo Sacco, chiesa della Santissima Trinità 04.jpg
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige
LocalitàRovereto
Coordinate45°53′00.7″N 11°01′15.2″E / 45.883528°N 11.020889°E45.883528; 11.020889
Religionecattolica di rito romano
TitolareSantissima Trinità
Arcidiocesi Trento
Inizio costruzioneXIII secolo

La chiesa della Santissima Trinità è una chiesa sussidiaria di Borgo Sacco, quartiere di Rovereto.[1][2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vista dall'alto della chiesa dal vicino edificio della ex Manifattura Tabacchi
Facciata della chiesa della Santissima Trinità e, davanti al suo sagrato, il monumento alla zigherana. In secondo piano la ex Manifattura di Rovereto.

Posizionata accanto alla chiesa di San Giovanni Battista ed alla ex Manifattura viene citata già dal XIII secolo. Venne eretta dalla famiglia Fedrigotti e dall'allora comune di Borgo Sacco in segno di devozione per aver protetto la popolazione nel corso di una guerra ed ultimata nel 1729. Divenne cappella privata della famiglia Fedrigotti nel 1801 e a metà del XX secolo ritornò bene comunale, con la sola esclusione di una cappella laterale dedicata alla Madonna di Caravaggio.[1][3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterni[modifica | modifica wikitesto]

La facciata è classicheggiante, timpanata. Il portale è architravato, su gradini e con lunetta superiore. Il campanile si trova a destra della costruzione, è a base quadrangolare con cella campanaria separata da motivo architettonico. La cuspide è a piramide con coppi, sormontata da una sfera e da una croce.[1][3]

Interni[modifica | modifica wikitesto]

L'interno è a navata unica senza separazione tra sala e presbiterio. La copertura è a botte. Sono presenti elementi decorativi in marmo e affreschi attribuiti a Gaspare Antonio Baroni Cavalcabò.[1][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Chiesa della Santissima Trinità - Sacco, Rovereto, su Le chiese delle diocesi italiane, Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 22 aprile 2022.
  2. ^ BeWeB.
  3. ^ a b c d Aldo Gorfer, p. 147.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]