Ceppich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ceppich
frazione
(HR) Čepić
(IT) Ceppich
Ceppich – Stemma
Ceppich – Veduta
Localizzazione
StatoCroazia Croazia
RegioneGrb Istarske županije.svg Istriana
ComunePortole
Amministrazione
Amministratore assemblea localeAleksandar Krt (sindaco di Portole)
Territorio
Coordinate45°25′N 13°49′E / 45.416667°N 13.816667°E45.416667; 13.816667 (Ceppich)Coordinate: 45°25′N 13°49′E / 45.416667°N 13.816667°E45.416667; 13.816667 (Ceppich)
Altitudine380 m s.l.m.
Abitanti59[1] (Censimento 2011)
Altre informazioni
Linguecroato, italiano
Cod. postale52428
Prefisso+385 052
Fuso orarioUTC+1
TargaPU
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Ceppich
Ceppich
Sito istituzionale

Ceppich (in croato Čepić) è un centro abitato istriano, frazione del comune di Portole.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

A Ceppich ci sono tre fonti di acqua potabile.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è di tipo subcontinentale, caratterizzato da estati calde e soleggiate ma abbastanza ventilate ed inverni complessivamente miti.

Ceppich[2] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 67,210,214,318,922,625,525,121,516,611,07,77,014,524,416,415,6
T. min. mediaC) 1,31,63,87,111,214,917,417,314,310,45,73,02,07,416,510,19,0
Precipitazioni (mm) 83788096899778971181141311022632652723631 163

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ceppich fece prima parte del patriarcato di Aquileia[3], poi (dal 1421) entrò a far parte della Serenissima. Dopo secoli di denominazione venezino Ceppich passò sotto l'impero austriaco. Ceppich fu annessa al Regno d'Italia napoleonico per un breve periodo, ma nel 1814 la cittadina tornò a far parte dell'impero austriaco[4].

In seguito al trattato di Rapallo il paesino entrò a far parte dell'Italia, periodo di massimo sviluppo demografico[5].

Dopo la seconda guerra mondiale la cittadina fu ceduta alla Jugoslavia, trovandosi quindi inglobata in un regime comunista, il quale promosse una politica di slavizzazione forzata[6], la quale condusse molti italiani sulla via dell'esodo per scappare ai massacri delle foibe. Nel 1991 Ceppich entra a far parte della Croazia.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Ceppichstemmait.png

Un primo stemma non ufficiale venne usato già dall'Ottocento, ma il primo e ultimo stemma ufficiale fu usato tra il 1920 e il 1945, periodo nel quale l'Istria faceva parte dell'Italia. Oggi non esiste più uno stemma ufficiale, ma tra la popolazione locale si usa lo stesso stemma (un occhio) usato sia durante il periodo di sovranità italiana che prima.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria della Neve[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu costruita nel 1492 in stile gotico. Al centro della navata si trova la statua della Beata Vergine. Il campanile è alto 15 metri.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

[7]

Il censimento austriaco del 1910 registrava nel comune catastale di Ceppich 245 abitanti, dei quali 199 italiani, 35 sloveni e 11 serbocroati.[8]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Censimento del 1991
Istriani
  
48,05%
Croati
  
32,46%
Italiani
  
19,58%


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 19 nuclei familiari
  2. ^ Clima: Ceppich - Grafico climatico, Grafico della temperatura, Tabella climatica - Climate-Data.org
  3. ^ Istria A-Z, Dal Patriarcato di Aquileia alla Serenissima, su istrapedia.hr.
  4. ^ Coordinamento Adriatico, L'Istria nel Regno d'Italia Napoleonico, su coordinamentoadriatico.it.
  5. ^ Enciclopedia Treccani, Istria, su treccani.it.
  6. ^ ASVGD, Così l'Istria subì la slavizzazione titina, su anvgd.it.
  7. ^ dsz.hr, publication (PDF), su dzs.hr.
  8. ^ Censimento del Litorale Austriaco-illirico del 31 dicembre 1910 (PDF), su kozina.com.