Gradigne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il centro abitato della Slovenia, vedi Gradigne di Sesana.
Gradigne
frazione
(HR) Gradinje
(IT) Gradigne
Gradigne – Veduta
Veduta dello stabilimento termale presso Santo Stefano Al Quieto
Localizzazione
StatoCroazia Croazia
RegioneGrb Istarske županije.svg Istriana
ComunePortole
Territorio
Coordinate45°22′23.16″N 13°51′42.84″E / 45.3731°N 13.8619°E45.3731; 13.8619 (Gradigne)Coordinate: 45°22′23.16″N 13°51′42.84″E / 45.3731°N 13.8619°E45.3731; 13.8619 (Gradigne)
Altitudine19 m s.l.m.
Abitanti116 (31-03-2011, Censimento 2011)
Altre informazioni
Linguecroato, italiano
Cod. postale57427
Prefisso385
Fuso orarioUTC+1
TargaPU
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Gradigne
Gradigne

Gradigne (Gradinje in croato) è un insediamento di 116 abitanti del comune di Portole, situata nella penisola istriana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

L'insediamento è formato da diversi piccoli abitati lievemente separati, tra i quali Gravist, Bartoli, Visintini e Zubini, che recano il nome delle famiglie che si erano ivi insediate. Il territorio di Gradigne, prevalentemente destinato ad uso agricolo, si estende su una breve valle, posta alla base dell'altopiano di Sterna, su cui scorre il torrente Crescenza.

Poco a est del centro di Gradigne, sono presenti le sorgenti termali di Istarske Toplice, situate in località Santo Stefano al Quieto, ai piedi di una rupe alta 81 m e rientrante ad angolo acuto. Questo massiccio calcareo, di origine eocenica, è anche detto Grotta di Santo Stefano, dal momento che la parete, rientrando alla base, forma una caverna profonda 20 m e alta circa 30 m in corrispondenza dell'ingresso.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Santo Stefano[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alle poche rovine di un castello romano, vicino alla Chiesa di Santo Stefano si trovano i resti di una fortezza medievale, che nel Trecento era denominata Gradaz dagli abitanti di origine slava, con muraglie, torri e castelletto di pianta quadrata. Si scorgono, inoltre, sulla vetta di Santo Stefano, le tracce di un fortilizio preistorico e di due castellieri.

Sorgente termale di Santo Stefano[modifica | modifica wikitesto]

La sorgente, posta sotto le Grotte di Santo Stefano, è citata nella Tavola Peutingeriana del XII-XIII secolo e nota per le caratteristiche terapeutiche dell'acqua sulfurea, che sgorga a una temperatura di 33÷35 °C fin dall'epoca romana. Dopo la caduta dell'impero romano, le terme rimasero inutilizzate, fino al 1817, quando i marchesi De Gravisi, che possedevano anche il territorio di Stridone (Žrenj), fecero costruire una baracca in legno con delle vasche. Nel 1925 i fratelli Facchini ristrutturarono le terme, potenziando gli impianti, che nel 1944 furono distrutti. Nel dopoguerra, sotto la Repubblica Federale di Jugoslavia sorsero nuovi impianti annessi ad un albergo, oggi dotato di piscina, palestra e di sale per i fanghi e per i massaggi. Nelle vicinanze delle terme vi è anche l'acquedotto istriano che, dalle sorgenti di San Giovanni di Pinguente porta le acque alle frazioni di Portole e Montona. Tale acquedotto venne distrutto nel 1944 e poi ricostruito nel dopoguerra e, di fianco ad esso, vi è un serbatoio sotterraneo da 2000 m3.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Sant'Antonio[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa sorge nel nucleo abitato più antico e presenta un porticato con otto colonne e travi di rovere che sorreggono il tetto. La pianta è rettangolare e il campanile è incorporato nell'edificio, attorniato da lodogni secolari. All'interno vi è un altare imponente dotato di tre pale, di cui la centrale raffigura sant'Antonio[non chiaro] e le due laterali due angeli, che si staglia su uno sfondo giallo chiaro.

Chiesa di Santo Stefano della Vena[modifica | modifica wikitesto]

Situata in cima alla rupe che domina la località di Santo Stefano al Quieto, ha pianta rettangolare, con l'abside semicircolare inscritta ed è attualmente in stato di abbandono. Il toponimo Vena significa, in celtico, "rupe", "sasso" o "masso sporgente".

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Sul letto del fiume Quieto c'era il vecchio mulino di Comargnacco, detto anche "il mulino di Mainardo di Sovignacco", che fu acquistato dai Portolesi nel 1377. Nell'abitato di Rusgnano, situato a est di Santo Stefano al Quieto, si trova il mulino di Layme.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Popolazione residente per anno[1]
1880 1890 1900 1910 1948 1953 1961 1971 1981 1991 2001 2011
250 263 248 267 287 286 230 175 174 165 142 116

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

[2]

Censimento del 1991
Croati
  
47,87%
Istriani
  
30,30%
Italiani
  
12,12%
Serbi
  
1,81%
Indecisi
  
1,21%


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DZS - Popolazione residente a Gradigne (Gradinje) nel periodo 1857-2011
  2. ^ (HR) Jakov Gelo, composizione etnica e religiosa della popolazione croata, 1880-1991: gli insediamenti (Narodnosni i vjerski sastav stanovništva Hrvatske, 1880-1991: po naseljima), Zagabria, Ufficio centrale di statistica croato, 1998, ISBN 978-953-6667-07-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Alberi, Istria, storia, arte, cultura, Lint Editoriale Trieste, 1997