Brawl Stars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brawl Stars
videogioco
PiattaformaiOS, Android
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 12 dicembre 2018
GenereAzione, Sparatutto a scorrimento, Picchiaduro a scorrimento
OrigineFinlandia
SviluppoSupercell
PubblicazioneSupercell
Modalità di giocoMultigiocatore
SupportoDownload
Fascia di etàPEGI: 7+

Brawl Stars è un videogioco d'azione[1][2][3] freemium multigiocatore pubblicato da Supercell nel 2018 per iOS e Android[4][5].

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

I giocatori combattono tra loro in un'arena tramite personaggi sbloccabili chiamati brawler, ognuno con abilità diverse. Sono presenti diverse modalità di gioco, che vanno dal collezionare il maggior numero di gemme con la propria squadra, alla modalità sopravvivenza in stile battle royale.[6]

  • Arraffagemme: modalità 3 vs 3 dove gli obiettivi sono conquistare e mantenere per un breve periodo di tempo almeno 10 gemme. Le gemme escono da una miniera posizionata al centro della mappa.[7]
  • Sopravvivenza: modalità con 10 partecipanti che è possibile giocare in 5 squadre da 2 giocatori oppure tutti contro tutti. All'interno della mappa sono presenti delle casse di energia che permettono di potenziare il proprio personaggio aumentando danni e salute. Con il passare del tempo all'interno della mappa compare una nebbia velenosa che ne delimita gradualmente l'area. Vince l'ultimo personaggio o squadra in vita.[7]
  • Rapina: in questa modalità 3 vs 3 l'obiettivo consiste nel distruggere la cassaforte nemica e al tempo stesso proteggere la propria. Le casseforti sono posizionate all'estremità della mappa (ovvero al punto di spawn delle rispettive squadre). La modalità ha un tempo limite e in caso in cui allo scadere del tempo nessuna cassaforte venga distrutta, vince la squadra che ha inflitto più danni alla cassaforte avversaria.[7]
  • Ricercati: modalità 3 vs 3 in cui l'obiettivo è sconfiggere gli avversari per ottenere stelle, ogni giocatore inizia il round con 2 stelle e quindi se si viene sconfitti la squadra avversaria guadagnerà le 2 stelle fino a un massimo di 7 per giocatore. Vince la squadra che totalizza il punteggio maggiore.[7]
  • FootBrawl: modalità 3 vs 3 in cui l'obiettivo è segnare nella porta avversaria con un pallone da calcio. La prima squadra che totalizza 2 punti vince e in caso di supplementari (una volta scaduto il tempo limite), gli ostacoli della mappa verranno eliminati rendendo più facile segnare, se nessuna squadra dovesse segnare neanche ai supplementari la partita finisce in parità. Un brawler non può colpire gli avversari mentre possiede la palla.[7]
  • Assedio: modalità 3 vs 3 il cui obiettivo è di assaltare e distruggere l'assemblatore meccanico "IKE" degli avversari. Anche la squadra del giocatore ne possiede e se viene rifornito di bulloni, creerà un robot che combatterà al proprio fianco. Occorre raccogliere i bulloni che appaiono vicino al centro della mappa e trattenerli per un po' per inviarli all'assemblatore. In ogni scontro ci sono fino a 3 assedi e la squadra che ha più bulloni all'inizio di ognuno costruirà un robot, la cui forza dipende dal numero di bulloni raccolti.
  • Roboassalto: modalità con i biglietti degli eventi dove 3 giocatori devono difendere una cassaforte assaltata da vari robot.[7]
  • Raid: modalità con i biglietti degli eventi dove tre giocatori devono sconfiggere un robot boss senza mai morire tutti, ha vari livelli di difficoltà.[7]
  • Pezzo grosso: modalità con i biglietti degli eventi dove cinque giocatori devono sconfiggere nel minor tempo possibile il giocatore boss con più vita, velocità e danno.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo è durato circa quattro anni, inclusa una fase di test pubblica, durante la quale il videogioco ha subìto diversi cambiamenti, come il passaggio dalla modalità verticale a quella orizzontale.[8] Brawl Stars è stato annunciato il 14 giugno 2017 tramite una diretta su YouTube[9] e il giorno successivo pubblicato in anteprima in Canada per iOS.[10] La disponibilità è stata successivamente estesa ad altri paesi e il 26 giugno 2018 è stata pubblicata la versione beta per Android.[11] Il gioco stato pubblicato il 12 dicembre 2018[12] e ha generato un profitto di 63 milioni di dollari a un mese dal debutto.[13]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 il gioco è stato candidato nelle categorie "Mobile Game" e "EE Mobile Game of the Year" dei British Academy Video Games Awards.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Motek Moyen, Supercell's 'Brawl Stars' Might Be Tencent's Next Billion-Dollar-Generating Game, in Seeking Alpha, 24 giugno 2017. URL consultato il 24 giugno 2019.
  2. ^ (EN) Adam Telfer, Brawl Stars vs Clash Royale : Designing a Strong Gacha, in Mobile Free to Play, 6 luglio 2017. URL consultato il 24 giugno 2019.
  3. ^ (EN) Frank Thompson, Supercell's Brawl Stars Soft Launches on Android, in Android Sloth, 26 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2018).
  4. ^ (EN) Dave Thier, 'Clash Royale' Developer's Next Game Is Called 'Brawl Stars', in Forbes, 14 giugno 2017. URL consultato il 24 giugno 2019.
  5. ^ Brawl Stars, su Everyeye.it. URL consultato il 24 giugno 2019.
  6. ^ Brawl Stars, la prossima mania del gaming mobile dai creatori di Clash Royale, su Wired, 19 giugno 2017. URL consultato il 25 giugno 2019.
  7. ^ a b c d e f g Brawl Stars, la recensione, su Multiplayer.it. URL consultato il 25 giugno 2019.
  8. ^ (EN) Andrew Webster, Supercell’s new game mixes Fortnite and Clash Royale, and it’s out soon, su The Verge, 14 novembre 2018. URL consultato il 25 giugno 2019.
  9. ^ (EN) Ric Cowley, Supercell teases new 3v3 shooter Brawl Stars - watch the livestream here, su pocketgamer.biz.
  10. ^ (EN) Craig Chapple, Supercell soft-launches Brawl Stars in Canada App Store, su pocketgamer.biz. URL consultato il 25 giugno 2019.
  11. ^ (EN) Craig Chapple, Supercell’s Brawl Stars arrives on Android, su pocketgamer.biz. URL consultato il 25 giugno 2019.
  12. ^ (EN) Dave Thier, Supercell's 'Brawl Stars' Releases On iOS And Android Today, su Forbes. URL consultato il 25 giugno 2019.
  13. ^ (EN) Brittany Vincent, Brittany Vincent, Supercell’s ‘Brawl Stars’ Clears Over $63 Million in One Month, su Variety, 16 gennaio 2019. URL consultato il 25 giugno 2019.
  14. ^ (EN) Stefanie Fogel, ‘God of War,’ ‘Red Dead 2’ Lead BAFTA Game Awards Nominations, in Variety, 14 marzo 2019. URL consultato il 24 giugno 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi