Brawl Stars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brawl Stars
videogioco
PiattaformaiOS, Android, BlueStacks App Player
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 12 dicembre 2018
GenereSparatutto a scorrimento, Picchiaduro a scorrimento
OrigineFinlandia
SviluppoSupercell
PubblicazioneSupercell
Modalità di giocoMultigiocatore
SupportoDownload
Fascia di etàPEGI: 8/15

Brawl Stars è un videogioco d'azione[1][2][3] freemium multigiocatore pubblicato da Supercell nel 2017 in Canada e nel 2018 in tutto il mondo.

Il videogioco è disponibile per dispositivi iOS ed Android[4][5].

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

I giocatori, che possono variare da sei a dieci in base al tipo di evento, combattono in squadre o in singolo tramite personaggi chiamati brawler, ognuno con una serie di caratteristiche e abilità di livello più o meno elevato che li contraddistinguono.

Sono disponibili diverse modalità di gioco, chiamate eventi, nella maggior parte delle quali i giocatori si presentano suddivisi in due squadre avversarie, ciascuna composta da tre giocatori.[6]


Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo è durato circa quattro anni, inclusa una fase di test pubblica, durante la quale il videogioco ha subìto diversi cambiamenti, come il passaggio dalla modalità verticale (Potrait) a quella orizzontale (Landscape).[7] Brawl Stars è stato annunciato il 14 giugno 2017 tramite una diretta su YouTube[8] e il giorno successivo pubblicato in anteprima in Canada per iOS.[9] La disponibilità è stata successivamente estesa ad altri Paesi e il 26 giugno 2018 è stata pubblicata la versione beta per Android.[10] Il gioco è stato reso disponibile in tutto il mondo il 12 dicembre 2018[11] e ha generato un profitto di 63 milioni di dollari a solo un mese dal debutto.[12]

ESport[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 2019 la Supercell annunciò un torneo incentrato sul gioco chiamato Brawl Stars World Championship, composto dalle qualificazioni e da una fase ad eliminazione diretta. Le qualificazioni sono iniziate il 12 agosto 2019, a cui hanno partecipato tutti i giocatori con età maggiore di sedici anni, in squadre da tre.

All'inizio del 2020 il torneo venne totalmente cambiato: le squadre si qualificavano tramite un evento speciale che si teneva nell'arco di 24 ore, dove bisognava vincere 15 partite. C'era anche un numero massimo di sconfitte, che passò da 3 a 4 dopo le numerose lamentele da parte dei giocatori. Le finali si tenevano online come il primo campionato, quindi con vari round in eventi diversi.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 Brawl Stars è stato candidato nelle categorie "Mobile Game" e "EE Mobile Game of the Year" dei British Academy Video Games Awards.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Motek Moyen, Supercell's 'Brawl Stars' Might Be Tencent's Next Billion-Dollar-Generating Game, in Seeking Alpha, 24 giugno 2017. URL consultato il 24 giugno 2019.
  2. ^ (EN) Adam Telfer, Brawl Stars vs Clash Royale : Designing a Strong Gacha, in Mobile Free to Play, 6 luglio 2017. URL consultato il 24 giugno 2019.
  3. ^ (EN) Frank Thompson, Supercell's Brawl Stars Soft Launches on Android, in Android Sloth, 26 giugno 2018. URL consultato il 24 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2018).
  4. ^ (EN) Dave Thier, 'Clash Royale' Developer's Next Game Is Called 'Brawl Stars', in Forbes, 14 giugno 2017. URL consultato il 24 giugno 2019.
  5. ^ Brawl Stars, su Everyeye.it. URL consultato il 24 giugno 2017.
  6. ^ Brawl Stars: tutte le novità e gli sviluppi, su ilbosone.com. URL consultato il 28 maggio 2020.
  7. ^ (EN) Andrew Webster, Supercell’s new game mixes Fortnite and Clash Royale, and it’s out soon, su The Verge, 14 novembre 2018. URL consultato il 25 giugno 2019.
  8. ^ (EN) Ric Cowley, Supercell teases new 3v3 shooter Brawl Stars - watch the livestream here, su pocketgamer.biz.
  9. ^ (EN) Craig Chapple, Supercell soft-launches Brawl Stars in Canada App Store, su pocketgamer.biz. URL consultato il 25 giugno 2019.
  10. ^ (EN) Craig Chapple, Supercell’s Brawl Stars arrives on Android, su pocketgamer.biz. URL consultato il 25 giugno 2019.
  11. ^ (EN) Dave Thier, Supercell's 'Brawl Stars' Releases On iOS And Android Today, su Forbes. URL consultato il 25 giugno 2019.
  12. ^ (EN) Brittany Vincent, Brittany Vincent, Supercell’s ‘Brawl Stars’ Clears Over $63 Million in One Month, su Variety, 16 gennaio 2019. URL consultato il 25 giugno 2019.
  13. ^ (EN) Stefanie Fogel, ‘God of War,’ ‘Red Dead 2’ Lead BAFTA Game Awards Nominations, in Variety, 14 marzo 2019. URL consultato il 24 giugno 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi