Boss in incognito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boss in incognito
Logo del programma
Anno 2014-2016
Genere Docu-reality
Edizioni 3
Puntate 22
Durata 90 min
Ideatore Stephen Lambert
Produttore Rai con Endemol
Presentatore Costantino della Gherardesca (st.1-2)
Flavio Insinna (st. 3)
Nicola Savino (st. 4)
Regia Giorgio Romano
Rete Rai 2
Sito web www.bossinincognito.rai.it

Boss in incognito è un programma televisivo di genere docu-reality in onda in prima serata su Rai 2 dal 2014, condotto da Costantino della Gherardesca nelle prime due stagioni, da Flavio Insinna nella terza e da Nicola Savino dalla quarta. È basato sul format di origine inglese Undercover Boss, in onda in Italia sulle reti Discovery, la cui introduzione delle puntate e i promo sono curati proprio da Della Gherardesca.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

In ogni puntata, un imprenditore a capo di un'azienda, assume in incognito le sembianze di un dipendente della propria società travestendosi e truccandosi da tale. Cercando di non farsi riconoscere, documenta le giornate di lavoro di un'intera settimana da lui svolte come dipendente, assieme alla troupe televisiva che lo riprenderà facendo credere ai dipendenti che si tratti di un documentario sul lavoro e sulla crisi. Ritornato alla fine nel suo ruolo, il boss tornerà alla sua scrivania e convocherà i dipendenti con cui ha interagito svelando loro la sua identità, facendo anche notare cose sia positive che negative durante il loro operato, venendo poi ricompensati con dei premi speciali, come un aumento di stipendio o di livello nell'azienda, un contratto a tempo indeterminato, la possibilità di trasferirsi in un'altra sede, un viaggio premio per la famiglia ecc. Dopo una prima stagione di 4 episodi, la Rai ne ha ordinato alla Endemol la produzione di una seconda, estesa a dieci episodi e trasmessa in due tranche da cinque episodi ciascuna: la prima viene trasmessa tra dicembre 2014 e gennaio 2015, mentre la seconda nella primavera 2015. Il programma è scritto da Cristiana Farina, Alessia Ciolfi, Yuri Grandone, Giona Peduzzi (prima edizione) e da Cristiana Farina, Yuri Grandone, Nicola Fuiano e Noa Palotto (seconda edizione).

A partire dalla terza edizione, Flavio Insinna sostituisce Costantino della Gherardesca nella conduzione del programma, inoltre, a tutti coloro che interagiranno col boss verrà fatto credere di partecipare ad un finto talent show dal titolo "Work in Progress" dove il premio finale sarà la vincita di un posto di lavoro e la compilazione di una scheda di valutazione con cui valutare le attività del boss infiltrato.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Inizio Fine Puntate Conduttore Telespettatori Share
27 gennaio 2014 17 febbraio 2014 4 Costantino Della Gherardesca 2.001.000 6,83%
22 dicembre 2014 2 marzo 2015 10 2.298.000 8,22%
21 dicembre 2015 8 febbraio 2016 8 Flavio Insinna 2.300.000 8,55%

Prima edizione[modifica | modifica wikitesto]

Puntata Messa in onda Imprenditore Azienda Settore Telespettatori Share
1 27 gennaio 2014 David Hassan 7 Camicie Tessile 1.930.000[1] 6,60%[1]
2 3 febbraio 2014 Giovanni Battista Pizzimbone Biancamano Ecologico 1.979.000[2] 6,77%[2]
3 10 febbraio 2014 Paolo Penati QVC Televendita commerciale 1.969.000[3] 6,60%[3]
4 17 febbraio 2014 Massimo Santini Gruppo Corpo Vigili Giurati Sicurezza 2.128.000[4] 7,34%[4]
Media Auditel 2.001.000 6,83%

Seconda edizione[modifica | modifica wikitesto]

Puntata Messa in onda Imprenditore Azienda Settore Telespettatori Share
1 22 dicembre 2014 Fabrizio Piantoni Blu Hotels Alberghiero 2.470.000 9,58%[5]
2 29 dicembre 2014 Carmine Martire Cerealitalia Dolciario-alimentare 2.594.000 9,42%[6]
3 5 gennaio 2015 Chiara Nasi CIR Food Ristorazione collettiva 2.877.000 10,50%[7]
4 12 gennaio 2015 Sandro Ferrone Ferrone S.p.a. Abbigliamento 2.193.000 7,60%[8]
5 19 gennaio 2015 Franca Semplici Magnani Sposa Abbigliamento matrimoniale 2.321.000 8,29%[9]
6 26 gennaio 2015 Alessandro Onorato Moby Lines Trasporti marittimi 2.527.000 8,66%[10]
7 2 febbraio 2015 Angelo Rinaldi LogiMed Distribuzione merci 2.108.000 7,31%[11]
8 16 febbraio 2015 Nenella Impiglia Curzi Linea Marche Calzaturiero 2.167.000 7,97%[12]
9 23 febbraio 2015 Fabio Colucci BH Salon Acconciaturiero 1.880.000 6,49%[13]
10 2 marzo 2015 Gianluca Mech Decottopia Alimentare 1.843.000 6,37%[14]
Media Auditel 2.298.000 8,22%

Terza edizione[modifica | modifica wikitesto]

Puntata Messa in onda Imprenditore Azienda Settore Telespettatori Share
1 21 dicembre 2015 Paolo Aruta Fratelli La Bufala Ristorazione 2.321.000 9,15%[15]
2 28 dicembre 2015 Federico Lombardo di Monte Iato Firriato Vitivinicolo 2.567.000 9,97%[16]
3 4 gennaio 2016 Eugenio Preatoni Domina Vacanze Alberghiero 2.590.000 9,58%[17]
4 11 gennaio 2016 Francesco Biasion Bifrangi Stampaggio acciai 2.405.000 8,71%[18]
5 18 gennaio 2016 Leonardo Massa MSC Crociere Crociere 2.140.000 7,58%[19]
6 25 gennaio 2016 Giuseppe Di Martino Pastificio G. Di Martino Alimentare 2.349.000 8,43%[20]
7 1 febbraio 2016 Bachisio Ledda Mail Express Poste private 1.934.000 7,28%[21]
8 8 febbraio 2016 Paolo Scudieri Adler Group Componenti per industria di trasporto 2.097.000 7,68%
Media Auditel 2.300.000 8,55%

Il format nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Il format Undercover Boss, ideato da Stephen Lambert, è nato nel Regno Unito e viene trasmesso dal 2009 su Channel 4. Riscontrato un forte successo del format, esso viene esportato negli Stati Uniti e trasmesso dal 2010 sulla CBS, per poi essere venduto anche in altri paesi del mondo, tra cui l'Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ascolti tv di lunedì 27 gennaio 2014, in Davidemaggio.it, 28 gennaio 2014.
  2. ^ a b Ascolti tv di lunedì 3 febbraio 2014, in Davidemaggio.it, 4 febbraio 2014.
  3. ^ a b Ascolti tv di lunedì 10 febbraio 2014, in Davidemaggio.it, 11 febbraio 2014.
  4. ^ a b Ascolti tv di lunedì 17 febbraio 2014, in Tvblog.it, 18 febbraio 2014.
  5. ^ Ascolti tv di lunedì 22 dicembre 2014, in Davidemaggio.it, 23 dicembre 2014.
  6. ^ Ascolti tv di lunedì 29 dicembre 2014, Davidemaggio.it.
  7. ^ Ascolti tv di lunedì 5 gennaio 2015, Davidemaggio.it.
  8. ^ Ascolti tv di lunedì 12 gennaio 2015, Davidemaggio.it.
  9. ^ Ascolti tv di lunedì 19 gennaio 2015, Davidemaggio.it.
  10. ^ Ascolti tv di lunedì 26 gennaio 2015, Davidemaggio.it.
  11. ^ Ascolti tv di lunedì 2 febbraio 2015, Davidemaggio.it.
  12. ^ Ascoltit tv di lunedì 16 febbraio 2015, Davidemaggio.it.
  13. ^ Ascoltit tv di lunedì 23 febbraio 2015, Davidemaggio.it.
  14. ^ Ascoltit tv di lunedì 2 marzo 2015, Davidemaggio.it.
  15. ^ Ascolti tv di lunedì 21 dicembre 2015, su ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  16. ^ Ascolti tv di lunedì 28 dicembre 2015, su ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 7 gennaio 2016.
  17. ^ Ascolti tv di lunedì 4 gennaio 2016, su ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 7 gennaio 2016.
  18. ^ Ascolti tv di lunedì 11 gennaio 2016, su ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  19. ^ Ascolti tv di lunedì 18 gennaio 2016, su ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 19 gennaio 2016.
  20. ^ Ufficio Stampa - RAI: ASCOLTI TV LUNEDI' 25 GENNAIO, su www.ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  21. ^ Ufficio Stampa - RAI: ASCOLTI TV LUNEDI' 1 FEBBRAIO, su www.ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 02 febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione