Blood Story (film 2010)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blood Story
Let Me In.jpg
Una scena del film.
Titolo originaleLet Me In
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti, Regno Unito
Anno2011
Durata115 min
Rapporto2,35 : 1
Genereorrore, drammatico
RegiaMatt Reeves
SoggettoJohn Ajvide Lindqvist
SceneggiaturaMatt Reeves
ProduttoreDonna Gigliotti, Alex Brunner, Simon Oakes, Tobin Armbrust, Guy East, John Nordling, Carl Molinder, Vicki Dee Rock (co-produttore)
Produttore esecutivoNigel Sinclair, John Ptak, Philip Elway, Fredrik Malmberg
Casa di produzioneHammer Film Productions
Distribuzione (Italia)Filmauro
FotografiaGreig Fraser
MontaggioStan Salfas
MusicheMichael Giacchino
ScenografiaFord Wheeler
CostumiMelissa Bruning
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Blood Story (Let Me In) è un film del 2010 scritto e diretto da Matt Reeves, rifacimento del film svedese Lasciami entrare, entrambi basati sull'omonimo romanzo di John Ajvide Lindqvist.

Il film racconta l'amicizia tra un dodicenne e una bambina vampiro, in una cittadina del Nuovo Messico nei primi anni ottanta.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Owen è un timido e solitario dodicenne, vessato dai suoi compagni di scuola. Una notte conosce una strana ragazza di nome Abby, da poco trasferitasi nell'appartamento accanto al suo. È accompagnata da un uomo di mezza età, che lei dichiara essere suo padre. Man mano che approfondisce la conoscenza con la nuova e altrettanto solitaria amica, Owen si rende conto di un lato inquietante della personalità di Abby: la ragazza esce di casa solo di notte, è scalza ed affamata. Quando nella piccola comunità dove abitano iniziano a verificarsi macabri omicidi, Owen arriva a comprendere che l'amica è un vampiro ed è responsabile di quelle morti, ma invece di esserne spaventato, rimane sempre più affascinato dalla ragazza, fino a convincersi che nella loro amicizia potrebbe risiedere persino una soluzione drastica alla sua solitudine ed ai suoi problemi con gli altri coetanei.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la distribuzione di Lasciami entrare negli Stati Uniti, il regista di Cloverfield Matt Reeves si è accordato con Overture Films e Hammer Films per scrivere e dirigere un remake in lingua inglese, che sarebbe stato realizzato tra il 2009 e il 2010.[1] Hammer Films ha acquisito i diritti durante il Tribeca Film Festival. Tomas Alfredson, regista di Lasciami entrare, si è dimostrato poco felice della realizzazione del remake statunitense, dichiarandosi preoccupato che il risultato finale potesse essere troppo mainstream.[2] Al contrario, John Ajvide Lindqvist si è dichiarato molto soddisfatto della scelta di Reeves di realizzare il film partendo da zero, basandosi esclusivamente sul romanzo e non di realizzare una copia del film di Alfredson.[3]

Nell'ottobre 2009 è stato annunciato il cast di Let Me In, i protagonisti scelti sono Kodi Smit-McPhee e Chloë Moretz, con l'aggiunta di Richard Jenkins nel ruolo del guardiano di Abby. Le riprese sono iniziate ad ottobre nel Nuovo Messico, con l'uscita nelle sale prevista per l'autunno 2010.[4]

Nell'adattamento del film sono stati apportati diversi cambiamenti, come ad esempio di nomi dei protagonisti che da Oskar ed Eli sono diventati Owen e Abby, inoltre è stata cambiata l'ambientazione, da Blackeberg sobborgo di Stoccolma a Los Alamos nella Contea di Los Alamos, Nuovo Messico.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita nelle sale cinematografiche statunitensi è avvenuta il 1º ottobre 2010. Il primo trailer del film è stato distribuito nel luglio 2010[5].

In Italia il film è stato presentato fuori concorso al Festival Internazionale del Film di Roma 2010. Il film è stato distribuito dalla Filmauro il 30 settembre 2011. Inizialmente la casa di distribuzione aveva scelto il titolo Amami, sono un vampiro, successivamente cambiato in Blood Story.[6]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nella sala giochi dove il protagonista va spesso a spendere in caramelle e videogame i soldi sgraffignati alla mamma, si intravede il logo della Slusho, bevanda immaginaria inventata da J.J. Abrams e presente in alcune delle sue creazioni come le serie televisive Alias, Heroes e i film Cloverfield e il più recente Super 8.

Fumetto[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 2010 è stato annunciato che Hammer Film Productions e Dark Horse Comics pubblicheranno una graphic novel intitolata Let Me In: Crossroads, prequel a fumetti basata sul film. Il fumetto è scritto da Marc Andreyko e disegnato da Patric Reynolds.[7]

John Ajvide Lindqvist riguardo all'eventuale fumetto, ha dichiarato:[8]

« Nessuno mi ha chiesto nulla in proposito e penso che il progetto faccia schifo. Sto esaminando la questione e mi auguro che non abbiano alcun diritto di farlo. »

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è interamente curata dal premio Oscar Michael Giacchino.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Matt Reeves bites into 'Right One', variety.com. URL consultato il 17-07-2010.
  2. ^ (EN) Moriarty Sits Down With Tomas Alfredson, aintitcool.com. URL consultato il 17-07-2010.
  3. ^ (EN) The Northlander Sits Down With The Writer, aintitcool.com. URL consultato il 17-07-2010.
  4. ^ Ecco il cast del remake di Lasciami entrare, badtaste.it. URL consultato il 17-07-2010.
  5. ^ L'inquietante trailer di Let Me In, Filmissimo.it, 09 settembre 2010. URL consultato il 09-09-2010.
  6. ^ Giornate Professionali: Let Me In cambia ancora titolo, badtaste.it. URL consultato il 09-07-2011.
  7. ^ Let Me In: ecco la graphic novel e il viral marketing, badtaste.it. URL consultato il 17-07-2010.
  8. ^ (EN) Let The Right One In author furious about comic book adaptation, coventrytelegraph.net. URL consultato il 17-07-2010 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]