The War - Il pianeta delle scimmie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The War - Il pianeta delle scimmie
War for the Planet of the Apes.jpg
Una scena del film
Titolo originale War for the Planet of the Apes
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2017
Durata 142 min
Rapporto 2,35 : 1
Genere azione, fantascienza, avventura, drammatico
Regia Matt Reeves
Soggetto Pierre Boulle (romanzo)
Sceneggiatura Mark Bomback, Matt Reeves
Produttore Peter Chernin, Dylan Clark, Rick Jaffa, Amanda Silver
Produttore esecutivo Mark Bomback, Mary McLaglen
Casa di produzione Chernin Entertainment
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Michael Seresin
Montaggio William Hoy
Effetti speciali Tyler Bilodeau, James Kozier, David Loveday, Albert F. Seibert
Musiche Michael Giacchino
Scenografia James Chinlund
Costumi Melissa Bruning
Trucco Naomi Bakstad
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The War - Il pianeta delle scimmie (War for the Planet of the Apes) è un film del 2017 diretto e cosceneggiato da Matt Reeves. Si tratta del nono film della serie de Il pianeta delle scimmie iniziata nel 1968 e terzo della serie reboot avviata nel 2011.

La pellicola è il seguito di Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie del 2014.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono trascorsi due anni dagli eventi accaduti nel film precedente, la guerra tra le scimmie, guidate dallo scimpanzé Cesare, e gli umani sopravvissuti, aiutati da alcune scimmie rimaste fedeli agli ideali di Koba contro Cesare, continua a infuriare. A seguito di una feroce battaglia nella foresta, Cesare sceglie di liberare i soldati umani catturati e di rimandarli dal loro leader, il Colonnello, con il messaggio che se gli umani lasceranno in pace le scimmie, non ci saranno più scontri.

Cesare e i suoi fanno ritorno nella loro nuova colonia costruita in una grande grotta nascosta dietro una cascata, dove il figlio di Cesare, Occhi Blu, dopo essere tornato da un lungo viaggio, riferisce di aver trovato un posto oltre il deserto dove le scimmie potranno costruire una nuova casa al sicuro dagli umani. Winter, gorilla albino al servizio di Cesare, insiste nel voler partire quella notte stessa, proposito impossibile e che Cesare si vede costretto a rimandare.

Di notte, la colonia viene attaccata da un gruppo di soldati, tra i quali c'è anche il Colonnello che uccide la moglie di Cesare e il figlio Occhi Blu. Il mattino dopo, terminato l'attacco, Cesare manda il suo branco verso la nuova terra da colonizzare e affida il suo unico figlio sopravvissuto, Cornelius, a Lake, la compagna di Occhi Blu; dopodiché, parte da solo alla ricerca del Colonnello, infiammato dal desiderio di vendicare la sua famiglia. Viene presto raggiunto dai suoi compagni, l'ex-maschio alfa Rocket, l'orangotango Maurice e il gorilla Luca, che riescono a convincerlo a portarli con lui.

Durante il viaggio trovano un villaggio di umani quasi del tutto abbandonato, dove incontrano per caso un uomo che, spaventato, cerca di difendersi ma viene ucciso da Cesare. In una delle case trovano anche una bambina, Nova, figlia dell'uomo ucciso, incapace di parlare. Prendendola a cuore, Maurice convince Cesare a non abbandonarla e a portarla con loro.

Proseguendo, Cesare, Maurice, Rocket, Luca e Nova osservano in lontananza un campo militare, dal quale provengono degli spari. Una volta entrati nel campo abbandonato, notano 3 cadaveri umani, tra i quali però vi è un sopravvissuto che, essendo gravemente ferito ed incapace di parlare, viene infine ucciso da Cesare. Mentre i tre primati osservano in che direzione possa trovarsi il confine di cui aveva parlato Winter, Luca nota quello che sembra essere un uomo mentre sta rubando uno dei loro cavalli. Una volta messo alle corde, si scopre che l'uomo in realtà è un'anziano scimpanzé, che si fa chiamare "Scimmia cattiva", che guida i tre fino all'accampamento degli umani.

Mentre Cesare cerca di osservare l'accampamento con un binocolo, viene aggredito da due uomini, che vengono facilmente uccisi da Rocket e Luca. Quest'ultimo, colpito da un colpo di fucile, muore poco dopo. Adirato per la morte del compagno, Cesare intima a Maurice e Rocket di lasciarlo proseguire da solo. Una volta arrivato nei pressi dell'accampamento, Cesare nota alcune scimmie guerriere del suo branco "crocifisse", tra le quali una, ancora in vita, informa Cesare del fatto che gli umani avevano incrociato il suo branco lungo il cammino. Inoltre la scimmia gli dice che i soldati, in procinto di trucidare tutte le scimmie, vengono fermati dal Colonnello, che sostiene che possano essere utilizzate come forza lavoro. Dopo che la scimmia muore tra le braccia di Cesare, quest'ultimo viene stordito da Asino, uno dei gorilla alleati con gli umani.

Cesare viene quindi fatto prigioniero insieme al resto del suo branco e costretto anch'esso ai lavori forzati al fine di costruire un muro. Durante i lavori, alcune scimmie fanno crollare un palo, suddette scimmie vengono quindi frustate da Asino, ma d'un tratto Cesare urla ad egli di fermarsi, di colpo tutte le scimmie smettono di lavorare ed acclamano il loro capo, che riceve le frustate al posto della scimmia che le stava ricevendo, la quale viene invece uccisa dal Colonnello.

Successivamente Cesare viene convocato dal Colonnello nel suo ufficio, qui si viene a scoprire che il muro che sta facendo costruire gli servirà per difendersi dai militari provenienti da nord, che non tollerano i metodi tirannici del colonnello, il quale spiega che stava cominciando ad uccidere tutti gli umani che avevano contratto una nuova forma del virus che aveva già decimato la razza umana. La nuova forma del virus causa negli uomini infetti una graduale perdita della loro umanità, rendendole a tutti gli effetti dei veri e propri animali.

Nel frattempo, Maurice e Rocket stanno cercando un piano per poter permettere alle scimmie intrappolate di poter fuggire, quando all'improvviso Scimmia Cattiva cade in una fossa, dando così a Maurice l'idea di poter utilizzare le fogne come via di fuga per l'evasione.

A questo punto Rocket si fa catturare volontariamente per poter informare Cesare del piano. Mentre tutte le scimmie sono riuscite a fuggire, i militari del nord cominciano ad attaccare l'accampamento. Cesare sfrutta il caos generatosi per infiltrarsi nell'ufficio del Colonello per poterlo uccidere. Qui si scopre che anche egli è stato contagiato dalla nuova forma del virus, che pertanto implora Cesare di ucciderlo, che, impietositosi, si rifiuta. Allora il Colonnello si suicida.

Nel bel mezzo della battaglia, Asino si rende conto che le scimmie stanno scappando e comincia ad ucciderne quante più possibile, quando, voltandosi per prendere un lanciagranate, vede Cesare che tenta di lanciare una granata vicino ad un container di benzina, ma viene colpito da una freccia. Il tiratore si appresta ad uccidere Cesare, ma viene fatto saltare in aria da una granata lanciata da Asino, che da quindi a Cesare la possibilità di distruggere l'accampamento. Dopo che l'intero accampamento è stato distrutto, l'esplosione provoca una slavina, che si avventa su tutta la zona, la quale stermina l'esercito dei militari provenienti dal nord, mentre tutte le scimmie, compreso Cesare, si salvano arrampicandosi sugli alberi più alti.

Una volta arrivate alla loro nuova casa, Cesare comincia a risentire della ferita subita, morendo poi tra le braccia di Maurice, non prima di avergli detto che le scimmie, se unite tutte insieme, saranno sempre forti, con o senza di lui.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 gennaio 2014 la Chernin Entertainment annuncia l'avvio del progetto confermando Matt Reeves alla regia e come co-sceneggiatore assieme a Mark Bomback, sotto la produzione di Peter Chernin, Rick Jaffa e Amanda Silver.[1]

Il budget del film è stato di 150 milioni di dollari.[2]

Titolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2015 viene annunciato il titolo: War of the Planet of the Apes,[3] ma nell'ottobre dello stesso anno il progetto viene reintitolato War for the Planet of the Apes.[4]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film iniziano il 14 ottobre 2015 nelle Lower Mainland, nei pressi di Vancouver, sotto il titolo di lavorazione Hidden Fortress[5][6] e terminano nel marzo 2016.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film viene mostrato al pubblico del New York Comic Con il 6 ottobre 2016 e poi pubblicato sul canale della 20th Century Fox lo stesso giorno.[7]

Oltre al trailer, al New York Comic Con vengono mostrate alcune scene del film, alla presenza di Matt Reeves, Andy Serkis e del produttore Dylan Clark.[8][9]

Il primo full trailer viene diffuso il 9 dicembre[10] e successivamente nei cinema statunitensi allegato alla pellicola Rogue One: A Star Wars Story a partire dal 16 dicembre.[11]

Il 29 marzo un teaser annuncia l'arrivo di un nuovo trailer,[12] diffuso a livello internazionale il giorno seguente[13].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola, inizialmente programmata per il luglio 2016, è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 14 luglio 2017[14] ed in quelle italiane dal 13 luglio.[15]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film, nel suo primo weekend di programmazione nei cinema statunitensi, si piazza al primo posto degli incassi con 56,5 milioni di dollari, mentre al botteghino mondiale arriva ad un totale di 102,5 milioni;[2] in Italia la pellicola si piazza al secondo posto con un incasso di 4,4 milioni di Euro.[16]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata accolta molto positivamente dalla critica.[17] Sul sito Rotten Tomatoes il film riceve il 94% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 8,1 su 10 basandosi su 213 critiche,[18] mentre sul sito Metacritic ottiene un punteggio di 83 su 100, basato su 48 recensioni.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Matt Reeves To Helm ‘Planet Of The Apes 3’, deadline.com, 7 gennaio 2014. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  2. ^ a b Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: The War – il Pianeta delle Scimmie batte Spider-Man e vince il weekend!, badtaste.it, 17 luglio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  3. ^ (EN) Matt Goldberg, Exclusive: New PLANET OF THE APES Movie Title Revealed, collider.com, 14 maggio 2015. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  4. ^ (EN) Thom Geier, Steve Zahn to Play New Ape in Next ‘Planet of the Apes’ Movie, thewrap.com, 12 ottobre 2014. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  5. ^ (EN) War for the Planet of the Apes filming has started, superherohype.com, 17 ottobre 2015. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  6. ^ (EN) Scott Brown, Hollywood North: Bruce Lee biopic begins filming in Vancouver next month, calgaryherald.com, 11 maggio 2015. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  7. ^ Filmato audio 20th Century Fox, War for the Planet of the Apes, su YouTube, 6 ottobre 2016. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  8. ^ (EN) War for the Planet of the Apes Footage Coming to New York Comic Con, comingsoon.net, 30 settembre 2016. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  9. ^ Emanuele Biotti, War for the Planet of the Apes: dettagli e aspettative sul film di Matt Reeves dal panel del New York Comic-Con, badtaste.it, 10 ottobre 2016. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  10. ^ Filmato audio 20th Century Fox, War for the Planet of the Apes - Official Trailer [HD] - 20th Century FOX, su YouTube, 9 dicembre 2016. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  11. ^ Andrea Bedeschi, War for the Planet of the Apes: il primo trailer è stato classificato, sarà nei cinema insieme a Rogue One!, badtaste.it, 5 dicembre 2016. URL consultato il 6 dicembre 2016.
  12. ^ Emiliano Cecere, The War - Il Pianeta delle Scimmie: annunciato il nuovo trailer con un teaser distruttivo!, in Cinematographe - FilmIsNow, 29 marzo 2017. URL consultato il 30 marzo 2017.
  13. ^ Emiliano Cecere, The War - Il Pianeta delle Scimmie - Trailer: Cesare riunisce le scimmie per la guerra, in Cinematographe - FilmIsNow, 30 marzo 2017. URL consultato il 31 marzo 2017.
  14. ^ (EN) Erik Pedersen, Fox Pushes ‘Apes’ Sequel By A Year; ‘X-Men’ Spinoff, ‘Assassin’s Creed’ Set For 2016, deadline.com, 5 gennaio 2015. URL consultato il 9 ottobre 2016.
  15. ^ The War - Il pianeta delle scimmie, MYmovies. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  16. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office Italia: Spider-Man: Homecoming batte The War – il Pianeta delle Scimmie e vince il weekend, badtaste.it, 17 luglio 2017. URL consultato il 17 luglio 2017.
  17. ^ Mirko D'Alessio, The War: Il Pianeta delle Scimmie, le prime stellari recensioni promuovono il film a pieni voti, badtaste.it, 27 giugno 2017. URL consultato il 27 giugno 2017.
  18. ^ (EN) WAR FOR THE PLANET OF THE APES (2017), Rotten Tomatoes. URL consultato il 27 giugno 2017.
  19. ^ (EN) War for the Planet of the Apes 2017, Metacritic. URL consultato il 27 giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]