Battaglia di Arbedo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia presso Arbedo
Bellinzona Tschachtlan.jpg
Riproduzione della Battaglia di Arbedo dal libro di cronache Tschachtlanchronik
Data30 giugno 1422
LuogoArbedo
EsitoVittoria del Ducato di Milano
Modifiche territorialiI Confederati perdono tutti i territori a sud delle Alpi acquisiti negli anni precedenti, tranne l'alta valle Leventina
Schieramenti
Blason famille it Sforza.svg Ducato di MilanoWappen Uri matt.svg Uri
Wappen Unterwalden alt.svg Unterwalden
Wappen Luzern matt.svg Lucerna
Wappen Zug matt.svg Zugo
Leventina-coat of arms.svg Leventina
Comandanti
Carmagnola

Angelo della Pergola

Brandolino III Brandolini
Ulrich Welker
Roth von Uri †
Kälin von Zug †
Zelger von Obwalden †
Effettivi
16.0002.500
Perdite
1.000 morti1.330 morti
300 prigionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Arbedo ebbe luogo a ridosso della città fortificata di Bellinzona il 30 giugno del 1422, tra le truppe del Carmagnola, inviate da Filippo Maria Visconti a riconquistare Bellinzona, e i Confederati.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Con una accorta politica diplomatica e militare iniziata con l'ottenimento del controllo su Leventina e Riviera nel 1403 e nel 1411 con l'ottenimento del controllo sulla Valle Maggia, culminata con l'acquisto dai signori de Sacco della città fortificata di Bellinzona e l'approvazione da parte dell'Imperatore Sigismondo, i cantoni svizzeri a ridosso delle Alpi intendevano controllare maggiormente i passi Alpini della regione e mettere tra loro e il Ducato di Milano una zona cuscinetto.

Filippo Maria Visconti, che con l'entrata in possesso da parte confederata di Bellinzona, si sentiva direttamente minacciato, cercò da prima di riacquistare la città, ma, non trovando un accordo con gli Svizzeri, si decise a riprendersela con la forza. Nella primavera del 1422 il Carmagnola, forte di un esercito di 16 000 uomini, riprese Bellinzona e le valli. A questa aggressione i Confederati, dopo varie discussioni in sede federale e senza il sostegno di Berna, reagirono inviando un contingente di circa 2 500 soldati arruolati in Leventina, Nidvaldo, Lucerna e Zurigo.

Tentarono l'assedio di Bellinzona ma vennero respinti. Allora le truppe elvetiche si accamparono nei pressi di Arbedo, in attesa di rinforzi. Le truppe elvetiche erano mal condotte e poco disciplinate, un gruppo di oltre seicento uomini abbandonò il campo per darsi a saccheggi nella vicina valle Mesolcina.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 giugno il comandante Carmagnola, accortosi dell'assottigliarsi delle file nemiche, decise il contrattacco. Le truppe elvetiche investite dalla cavalleria riuscirono per alcune ore a tenere l'urto abbattendo molti cavalli; a quel punto il Carmagnola, resosi conto della grande abilità dei fanti Svizzeri nel contrastare la cavalleria, diede ordine di far scendere i cavalieri da cavallo e di affrontare il nemico a piedi: con questo stratagemma mise gli Svizzeri alle strette.

Nel frattempo la fanteria lombarda si era mossa a tenaglia per accerchiare il nemico. Per sfuggire a questa manovra i Confederati si portarono sui contrafforti del monte Arpino, probabilmente rafforzati dal rientro nei ranghi dei saccheggiatori, e riuscirono, con una manovra disperata e con pesanti perdite, a rompere l'accerchiamento e a fuggire verso il passo del San Gottardo inseguiti dal Carmagnola che si fermò nei pressi della gola del Piottino.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

La battaglia fece registrare pesanti perdite in entrambi gli schieramenti. I cantoni di Uri e di Obvaldo persero il controllo sui territori situati a sud della gola del Piottino. Con il trattato di pace del 1426 i Confederati riottennero comunque la franchigia doganale nel Ducato. Molte furono le rimostranze dei Cantoni Primitivi a seguito del mancato sostengo da parte di Berna e dal limitato appoggio che altri cantoni, come Zurigo, avevano dato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]