Attilio Pierelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Attilio Pierelli (San Quirico, 1924Roma, 2 gennaio 2013) è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ancora bambino, si trasferisce con la famiglia a Roma e lavora come apprendista in diverse botteghe artigiane, frequentando corsi serali presso un liceo classico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Mostra di Attilio Pierelli Roma piazza Margana 1973

Negli anni cinquanta inizia l'attività artistica nella visualizzazione del concetto di spazio relativo alla quarta dimensione geometrica e alle geometrie curve (non euclidee). In seguito affianca la sua attività di scultore a quella di orafo, realizzando gioielli prevalentemente ispirati a forme geometriche.

Fondatore[senza fonte] a Roma nel 1987 del "Movimento Artistico Internazionale Dimensionalista" (mostre: Dimensionalismo, Arte avanzata interdisciplinare, Casino dell'Aurora Pallavicini, Roma, 9 - 10 ottobre 1987; Dimensionalismo, Arte avanzata interdisciplinare, Chiesa della Manna d'Oro, Spoleto (Perugia), 26 marzo - 26 aprile 1988), cui aderirono anche matematici e storici dell'arte, oltre che artisti, Pierelli pubblica libri di poesie ed articoli su riviste inerenti all'iperspazio, tiene conferenze sul tema arte e scienza, arte e psicologia, arte e società.

L'artista negli ultimi decenni ha vissuto e lavorato a Roma, Oriolo Romano e Bomarzo, dove ancora esiste, pur se prossimo allo smantellamento, uno spazio che ospita una mostra permanente delle sue sculture.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Una delle sue opere più famose è l'"Ipercubo",[senza fonte]una sua interpretazione dell'ipercubo geometrico. In acciaio inox, è composto da un cubo interno e da un cubo esterno. Il gioco di specchi tra le facce del cubo esterno rende il cubo interno sempre visibile, da qualsiasi punto lo si osservi, come se fosse sospeso nello spazio.

Museo Nazionale d'Abruzzo (L'Aquila)[modifica | modifica wikitesto]

  • Icaro, 1968
  • Coni di luce, 1982,
  • TEST - Trascinamento di Eventi Spazio Temporali, 1985

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emilio Villa, Planches aluminium, presentazione della mostra alla Galleria San Marco, Roma,1963
  • C.Refice, Mostre Romane, La Fiera Letteraria, 16 ottobre, 1963
  • G. Marotta, Attilio Pierelli, presentazione della mostra alla Galleria Antares, Roma, 1964
  • G.C. Argan, G. Gatt, L. Vinca Masini, G.Tempesti, I. Tomassoni, Strutture visive, presentazione della mostra alla Galleria d'Arte Il Bilico, Roma, 1965
  • J.Dumesnil, F.Masson, L'Oeil, novembre, 1965
  • Concert in Stainless Steel, Rome Daily American, 3 dicembre 1965
  • M.Fagiolo dell'Arco, Rapporto 60, Le arti oggi in Italia, Bulzoni Editore, Roma, 1966
  • G. Dorfles, Jeu et rigeur dans l'avant-garde italienne, L'Oeil, gennaio 1966
  • Filiberto Menna, C. Vivaldi, G. Gatt, Monumenti Inox, Galleria L'Obelisco, Roma, 1966
  • M.Venturoli, Op Art, Le Ore, 24 febbraio 1966
  • I.Brin, Michiko ha ripudiato Butterfly, L'Europeo, 14 luglio 1966
  • Filiberto Menna, Attilio Pierelli, Galleria del Naviglio, Milano, 1967
  • A Calabri, Basta guardarla e canta, Panorama, 29 giugno 1967
  • U.Kulterman, Nuove dimensioni della scultura, Feltrinelli editore, Milano 1967
  • VI Biennale romana. Rassegna delle Arti Figurative di Roma e del Lazio, Palazzo delle Esposizioni Roma, De Luca, 1968
  • H.Kramer, Art, The New York Times, 26 ottobre 1968
  • G.Glueck, Spacenick, The New York Times, 3 novembre 1968
  • S.Rogers, It's Time to Separate the Sound from the Noise, New York Post, 27 ottobre 1969
  • Giulio Carlo Argan, L'Arte Moderna 1770 - 1970, Sansoni Editore, Firenze 1970
  • I. Tomassoni, Arte dopo il 1945, Cappelli Editore, Bologna 1971
  • F.C.Crispolti, Videobelisco Art Video Recording, Panorama delle Arti, 25 giugno 1971
  • G. Marchiori, Dizionario Bolaffi degli Scultori Italiani Moderni, Giulio Bolaffi Editore, Torino, 1972
  • X Quadriennale Nazionale d'Arte. Situazione dell'arte non figurativa, Palazzo delle Esposizioni, De Luca Editore, 1972
  • A. Bovi, Omaggio a Pierelli, Le Arti, luglio-agosto 1975
  • G. Dorfles, Ultime tendenze nell'arte d'oggi dall'informale al concettuale, Feltrinelli editore, Milano 1976
  • Giuòlio Carlo Argan, Presentazione della mostra Venti scultori in Udine, Udine, 1977
  • G. Arcidiacono, Presentazione della mostra Venti scultori in Udine, Udine, 1977
  • G.C. Argan, Presentazione della mostra II biennale Internazionale Piccola Scultura, Padova, 1977
  • M.Fagiolo, Catalogo Bolaffi della scultura italiana, Giorgio Mondadori e Associati, Milano 1981
  • F. Bellonzi, È conciliabile l'arte con la scienza? Il Tempo, Roma 21 giugno 1982
  • I.Zanghi, A.Pierelli, Galleria Editalia, Flash Art, 109, estate 1982
  • F.Ghione, XVII Triennale d'Arte città di Milano. Il luogo del lavoro, la casa della topologia, Milano, Edizioni Electa, 1986
  • AA.VV., Attilio Pierelli, Roma, Edizioni Le parole gelate, 1986
  • P. Santini, Arte quadrimensionale, Critica d'Arte, n. 9, 1986
  • S. Severi, Attilio Pierelli, Next, n. 27, 1992
  • A. Canali, Nuova visualità internazionale, Edizioni Arte Struktura, Milano, 1997
  • S. Zanin, S. Lux, H. Rottgen Attilio Pierelli. Extremalia, Associazione Culturale Bha Art, Roma 1998

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN121936267 · ISNI (EN0000 0000 8190 356X · SBN IT\ICCU\SBLV\054834 · LCCN (ENn84066111 · GND (DE118742477 · ULAN (EN500072052