Arduino Bertoldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arduino Bertoldo
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo di Foligno
Nato 30 dicembre 1932 a Castelnovo di Isola Vicentina
Ordinato presbitero 22 marzo 1958
Consacrato vescovo 21 novembre 1992 dal vescovo Divo Zadi
Deceduto 3 aprile 2012 a Vicenza

Arduino Bertoldo (Castelnovo di Isola Vicentina, 30 dicembre 1932Vicenza, 3 aprile 2012) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 marzo 1958 fu ordinato sacerdote per la diocesi di Civita Castellana.

Vicario generale della diocesi di Civita Castellana, il 10 ottobre 1992 fu nominato vescovo di Foligno.

Ricevette l'ordinazione episcopale il 21 novembre 1992 nella cattedrale di Civita Castellana dal vescovo Divo Zadi, coconsacranti i vescovi Giovanni Benedetti e Decio Lucio Grandoni.

Il 3 luglio 2008 giunse l'accettazione pontificia della sua rinuncia al governo della diocesi per raggiunti limiti di età, con la contestuale investitura a vescovo emerito; resse la stessa diocesi come amministratore apostolico fino all'insediamento del suo successore, avvenuto il 5 ottobre 2008.

È morto il 3 aprile 2012 all'ospedale di Vicenza all'età di 79 anni.[1]

Polemiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2011 rilasciò un'intervista che generò polemiche nel mondo omosessuale: riferendosi agli scandali di natura sessuale e giudiziaria che dall'agosto 2010 vedevano coinvolto il presidente del consiglio Silvio Berlusconi e alle critiche a quest'ultimo rivolte dal presidente della regione Puglia Nichi Vendola, omosessuale dichiarato, sostenne: «[Vendola] si è guardato? Almeno Berlusconi nel peccato non offende la regola naturale, segue la natura. Vendola offende sia il peccato che la natura e dunque sta messo molto, ma molto peggio e taccia».[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Foligno Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni Benedetti 21 novembre 1992 - 3 luglio 2008 Gualtiero Sigismondi