Antonio Maxia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Maxia
Antonio Maxia.jpg

Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
Durata mandato 25 marzo 1960 –
26 luglio 1960
Presidente Fernando Tambroni
Predecessore Giuseppe Spataro
Successore Lorenzo Spallino

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
Durata mandato 1º luglio 1958 –
15 febbraio 1959
Presidente Antonio Segni
Predecessore Lorenzo Spallino
Successore Carlo Russo

Sottosegretario di Stato del Ministero del tesoro
Durata mandato 10 febbraio 1954 –
1º luglio 1958
Presidente Mario Scelba
Antonio Segni
Adone Zoli
Predecessore Giustino Valmarana
Successore Angelo Salizzoni

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'interno
Durata mandato 18 gennaio 1954 –
10 febbraio 1954
Presidente Amintore Fanfani
Predecessore Guido Bisori
Successore Carlo Russo

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III (fino al 15 aprile 1962)
Gruppo
parlamentare
Democratico cristiano
Collegio Cagliari
Incarichi parlamentari
  • I
    • segretario della giunta per i trattati di commercio e la legislazione doganale (14 luglio 1948 - 1º luglio 1949)
    • membro della giunta delle elezioni (6 agosto 1951 - 24 giugno 1953)
    • membro della III commissione giustizia (1º luglio 1949 - 24 giugno 1953)
    • membro della IX commissione agricoltura e alimentazione (15 giugno 1948 - 1º luglio 1949)
    • membro della commissione speciale per l'esame della proposta di legge Fadda ed altri n. 1513
"Sistemazione in Sardegna della sovrappopolazione di altre regioni mediante valorizzazione delle risorse agricole ed industriali dell'isola. Istituzione dell'opera per la valorizzazione della Sardegna" (16 marzo 1951 - 24 giugno 1953)
    • membro della giunta per i trattati di commercio e la legislazione doganale (14 luglio 1948 - 24 giugno 1953)
  • II
    • membro della VIII commissione trasporti (1º luglio 1953 - 11 febbraio 1954)
  • III
    • membro della VI commissione finanze e tesoro (1º luglio 1961 - 15 aprile 1962)
    • membro della IX commissione lavori pubblici (1º luglio 1959 - 30 giugno 1961)
    • membro della X commissione trasporti (12 giugno 1958 - 30 giugno 1960)
    • membro della XI commissione agricoltura e foreste (1º luglio 1960 - 30 giugno 1961)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Antonio Maxia (Roma, 4 marzo 1904Roma, 15 aprile 1962) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, avvocato, fu dirigente del FUCI ed aderì al Partito Popolare Italiano. Dopo l'avvento del fascismo si allontanò dalla politica e durante la dittatura mussoliniana esercitò la professione forense. Nel 1945 si iscrisse alla Democrazia Cristiana ed entrò nella Consulta Regionale della Sardegna.

Eletto deputato una prima volta nel 1948, confermò il seggio alla Camera nel 1953. Nel 1954 fu dapprima sottosegretario agli Interni nel governo Fanfani I mentre successivamente venne nominato sottosegretario al Tesoro nel governo Scelba. Occupò il ruolo di Ministro delle poste e delle telecomunicazioni durante il governo Tambroni ed anche dopo tale esperienza continuò a collaborare con i vari dicasteri.

Morì prematuramente a causa di un improvviso malore poco prima di recarsi ad una riunione insieme ai ministri Ugo La Malfa e Giulio Pastore, con i quali avrebbe dovuto discutere del suo "Piano di Rinascita".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]