Anime Night

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anime Night
MTV AnimeNight Logo.jpg
Paese Italia
Anno 1999 - 2010
Genere contenitore
Durata 90 min
Lingua originale italiano
Crediti
Rete televisiva MTV Italia

Anime Night (letteralmente "notte degli anime") era il nome dell'appuntamento settimanale in prima serata, della durata di un'ora e mezza (dalle 21:00 alle 22:30), che l'emittente MTV Italia riservava alle serie dell'animazione giapponese, spesso in prima visione televisiva.

Storia e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo spazio dell'Anime Night vede per la prima volta la luce, senza una denominazione specifica, giovedì 21 ottobre 1999 con la trasmissione dell'anime Cowboy Bebop alle 21:00 e Golden Boy alle 21:30. Dopo un primo anno sperimentale, in cui oltre alle due serie citate vengono trasmessi anche Alexander e Master Mosquiton, e dopo una pausa estiva, a partire dal 3 ottobre 2000 l'appuntamento con l'animazione giapponese riprende nella nuova collocazione della prima serata del martedì (giornata rimasta invariata fino alla fine) e diventa un appuntamento settimanale fisso nel palinsesto della rete, senza interruzioni (salvo alcune limitate ed isolate eccezioni) neppure durante il periodo estivo, almeno fino alla stagione 2007/2008 dopo la quale la programmazione è interrotta a giugno per riprendere poi ad ottobre.

A partire dall'autunno del 2002 lo spazio assume ufficialmente il nome di Anime Night, mentre rimane invariata la formula strutturata su tre slot della durata di circa 25 minuti ciascuno, il primo con inizio alle 21:00, il secondo alle 21:30 e il terzo alle 22:00, separati l'un l'altro da circa 5 minuti di pubblicità. Ciascuno slot è utilizzato per trasmettere un singolo episodio di un anime, per un totale quindi di tre serie animate trasmesse contemporaneamente e solo in occasioni particolari due o tutti e tre gli slot sono stati occupati da più episodi della stessa serie oppure accorpati per trasmettere film animati oppure OAV di durata superiore ai tradizionali 25 minuti per episodio. La serata dell'Anime Night, di solito limitatamente ai soli anime trasmessi in prima visione, è poi riproposta in replica in un altro giorno della stessa settimana, tipicamente il sabato nella fascia oraria del primo pomeriggio.

Le tre serie scelte per occupare lo spazio dell'Anime Night sono in genere prime visioni televisive di anime i cui diritti sono di recente acquisizione in Italia oppure serie (come ad esempio Ranma ½) che pur essendo già state trasmesse da altre emittenti italiane hanno avuto una programmazione non filologica o integrale oppure una scarsa visibilità a livello nazionale perché trasmesse solo su televisioni locali. Nel corso degli anni non si è avuta sempre la programmazione in prima visione di tre nuovi anime alla volta, ma uno slot (o due nel caso di alcuni periodi estivi) è stato utilizzato per replicare delle serie già trasmesse in precedenza dalla rete, sempre all'interno dell'Anime Night. L'unica eccezione si è avuta nella stagione 2009/2010 durante la quale è stato trasmesso un solo anime in prima visione ed i rimanenti slot sono stati utilizzati per delle repliche. È da segnalare, inoltre, nell'estate 2007 la trasmissione all'interno dell'Anime Night anche di una serie, Garo, che pur essendo giapponese non è in realtà un cartone animato ma un telefilm.

Ultime stagioni e chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Lunedì 9 giugno 2008, dopo otto anni di presenza ininterrotta nel palinsesto televisivo di MTV Italia, l'emittente, con un comunicato pubblicato nello spazio del suo sito web usualmente dedicato alle comunicazioni riguardanti la programmazione dei cartoni animati, ha annunciato che

« quella di martedì 17 giugno sarà una data davvero cruciale anche per un altro motivo: sarà l'ultima sera dell'Anime Night. Proprio così... l'appuntamento settimanale del martedì sera con l'Anime Night di MTV giunge al termine. »

Inaspettatamente, invece, a distanza di poco più di un mese da un annuncio che pareva mettere la parola fine alla programmazione di anime su MTV, se non completamente quanto meno secondo la formula ormai consolidata di uno spazio dedicato in prima serata, in occasione delle consuete anticipazioni estive per la prossima stagione televisiva, un comunicato con le novità del palinsesto autunnale di MTV non solo conferma, come se nulla fosse stato detto, la presenza dell'Anime Night tra i programmi della rete ma annuncia anche i due nuovi anime che, a partire da ottobre 2008, ne faranno parte: Full Metal Panic! The Second Raid e Death Note. La notizia, diffusa in anteprima il 23 luglio 2008 dal sito Digital Sat Magazine[1], è poi confermata ufficialmente il giorno seguente dalla stessa emittente, con la pubblicazione del comunicato nel proprio sito web[2]. Dopo una pausa di quattro mesi, il 28 ottobre 2008 l'appuntamento settimanale con l'animazione giapponese ricomincia, nella medesima collocazione del martedì sera dalle 21:00 alle 22:30, con la trasmissione dei tre nuovi anime: Nabari, Full Metal Panic! The Second Raid e Death Note.

Il 13 ottobre 2009, al termine della pausa estiva, ha inizio l'undicesima stagione dell'Anime Night che, se da una parte sembra voler scongiurare definitivamente l'ipotesi di chiusura circolata un anno prima, nei fatti si configura come una stagione differente dalle precedenti. Nonostante lo spazio dedicato all'animazione si allunghi inizialmente di mezz'ora, terminando alle 23:00 invece che alle consuete 22:30, la serata vede le presenza di un solo anime inedito, Fullmetal Alchemist: Brotherhood, mentre la restante ora e mezza è occupata da repliche di serie trasmesse nelle precedenti due stagioni. A metà stagione si verifica, inoltre, un ulteriore cambiamento con la drastica riduzione dell'orario a due soli slot di mezz'ora ciascuno inizialmente occupati da un episodio dell'anime inedito e da uno dell'anime in replica e successivamente occupati entrambi con due episodi della serie inedita.

Ad ottobre 2010, senza particolari annunci ufficiali, l'appuntamento con l'Anime Night non viene rinnovato per la stagione 2010-2011, sancendo la sua definitiva conclusione dopo una presenza più che decennale nel palinsesto della rete. MTV ha trasmesso Inuyasha The Final Act, l'ultima stagione della serie, a partire dal 13 novembre 2010 nella nuova collocazione del sabato pomeriggio con due episodi dalle 15:00 alle 16:00.

Contenuti e censure[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla sua nascita questo spazio si è subito contraddistinto, nel panorama dell'offerta di cartoni animati delle emittenti televisive nazionali e locali italiane, per il fatto di essere rivolto ad un pubblico più consapevole e maturo, non necessariamente infantile o adolescente, e per una maggiore attenzione al rispetto dell'integrità dell'opera, compatibilmente con i vincoli richiesti dalla trasmissione in fascia protetta. Per evitare ogni possibile fraintendimento la rete fa precedere ogni episodio da un disclaimer che indica se lo stesso sia o meno adatto a un certo pubblico.

La scelta di puntare ad un pubblico più adulto o comunque più maturo si è concretizzata con la trasmissione di molti anime dai contenuti forti e scabrosi, dalle trame complesse e con più livelli di lettura e che fanno molto spesso uso di un linguaggio crudo e diretto, contribuendo in tal modo a sfatare l'opinione comune che considera i cartoni animati come un prodotto destinato esclusivamente ai bambini e non come una forma d'espressione, che, analogamente al cinema tradizionale, può realizzare opere per qualunque tipo di pubblico e fascia d'età.

La decisione di un maggior rispetto dell'integrità dell'opera, a differenza di quanto fatto da altre emittenti televisive italiane nei confronti dei cartoni animati, si è tradotto in un numero decisamente più limitato, se non nullo, di censure e nella riproposizione in forma integrale a tarda notte, in un orario al di fuori della fascia protetta, ogni qual volta le regole a tutela dei minori rendevano necessari tagli di alcune scene. Completamente opposto, invece, il comportamento adottato per la replica settimanale della serata dell'Anime Night, che, collocandosi in genere nelle prime ore del pomeriggio, vede la presenza di numerose censure, molte volte anche con tagli di scene che erano state regolarmente trasmesse durante la visione in prima serata.

Queste scelte editoriali così differenti rispetto alla concorrenza (prodotti per un pubblico più maturo e minori o nulli adattamenti, con edizioni spesso derivate direttamente da quelle home video) hanno fatto sì che durante il periodo di esistenza del contenitore l'emittente divenisse un punto di riferimento dell'etere italiano per quello che riguarda l'animazione giapponese[3].

Se dal punto di vista dei tagli video la scelta della doppia trasmissione ha consentito di conciliare il rispetto dei vincoli per la trasmissione in fascia protetta con il rispetto dell'opera originale, più controverso risulta il comportamento adottato nelle scelte di doppiaggio nel caso delle seguenti serie animate: Aquarion[4], Black Lagoon, Death Note[5], Great Teacher Onizuka[6], Last Exile[7], Michiko e Hatchin, Nana e Wolf's Rain[7]. Per questi anime, infatti, è stato realizzato un doppiaggio apposito per la trasmissione televisiva in modo da consentirne la trasmissione in fascia protetta, edulcorando un linguaggio ritenuto eccessivamente volgare oppure modificando determinati elementi (come ad esempio la minore età dei personaggi), e cancellando da alcune frasi i riferimenti a tematiche ritenute inappropriate (come, ad esempio, quella religiosa), cambiandone però il senso. Vi sono però dei casi (come per esempio Full Metal Alchemist: Brotherhood) in cui l'unica traccia audio disponibile è quella televisiva, per cui non esistono alternative alla versione censurata.

Anime presentati[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: MTV (Italia) § Anime.

All'interno dell'Anime Night vedono la loro prima programmazione la maggior parte dei cartoni animati giapponesi trasmessi dalla rete.

Tema musicale[modifica | modifica wikitesto]

Gli spot pubblicitari e gli intermezzi di Anime Night (e Anime Week) sono accompagnati dal brano Technopolis del gruppo giapponese Yellow Magic Orchestra, prodotto nell'anno 1979.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicato pubblicato in anteprima dal sito Digital Sat Magazine, con le novità del palinsesto di MTV per l'autunno 2008
  2. ^ Comunicato ufficiale di MTV del 24 luglio 2008, recuperato tramite Archive.org, con le novità del palinsesto per l'autunno 2008
  3. ^ Aldo Grasso (a cura di), Enciclopedia della televisione, 4ª ed., Milano, Garzanti, 2008, ISBN 88-11-50526-7., voce Anime, pag 34
  4. ^ Intervista rilasciata a febbraio 2006 al sito nippofan-magazine.it da Tommaso Tabarelli di Mediafilm, società curatrice del doppiaggio italiano di Aquarion, recuperata tramite Archive.org
  5. ^ Sulle copertine dei DVD, pubblicati da Panini Video poco dopo l'inizio della programmazione su MTV, è presente la dicitura Uncut Edition.
  6. ^ Sulle copertine dei DVD, pubblicati da Dynamic Italia poco dopo l'inizio della programmazione su MTV, è presente la dicitura Edizione integrale.
  7. ^ a b Nell'edizione in DVD realizzata da Shin Vision è presente, come extra, oltre all'audio in lingua originale e al doppiaggio italiano, anche l'ulteriore traccia audio italiana utilizzata per la trasmissione in TV.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]