Nabari (manga)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nabari
隠の王
(Nabari no ō)
Nabari1.jpg
Copertina del primo volume dell'edizione italiana, raffigurante il protagonista Miharu Rokujou
Generefantasy[1]
Manga
AutoreYūki Kamatani
EditoreSquare Enix
RivistaMonthly GFantasy
Targetshōnen
1ª edizione2004 – 2010
Tankōbon14 (completa)
Editore it.Edizioni BD - J-Pop
1ª edizione it.17 ottobre 2010 – 19 novembre 2011
Periodicità it.mensile
Volumi it.14 (completa)
Testi it.Sandro Cecchi
Serie TV anime
RegiaKunihisa Sugishima
Composizione serieMichiko Yokote
Char. designKazunori Iwakura
MusicheMichiru Ōshima
StudioJ.C.Staff
ReteTV Tokyo
1ª TV6 aprile – 28 settembre 2008
Episodi26 (completa)
Aspect ratio16:9
Durata ep.24 min
Rete it.MTV Italia
1ª TV it.28 ottobre 2008 – 5 maggio 2009
Episodi it.26 (completa)
Durata ep. it.24 min
Studio dopp. it.CD Cine Dubbing
Dir. dopp. it.Fabrizio Mazzotta

Nabari (隠の王 Nabari no ō?, lett. "Il re di Nabari") è un manga scritto e disegnato da Yūki Kamatani. La serie ha debuttato in Giappone su Monthly GFantasy dell'editore Square Enix nel 2004, ed è terminata nel 2010[2]. È composta in totale di 14 tankōbon. In Italia il manga è pubblicato dalla Edizioni BD sotto l'etichetta J-Pop[3].

Lo J.C.Staff ha creato un anime di 26 episodi tratto liberamente dal manga. Diretta da Kunihisa Sugishima, la serie ha debuttato in Giappone su TV Tokyo il 6 aprile 2008, concludendosi il 28 settembre. In Italia l'anime è stato distribuito da Dynit e trasmesso da MTV.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientata ai giorni nostri, la storia parla di Miharu Rokujou, uno studente apatico che desidera soltanto vivere una normale vita ed ereditare il ristorante di Okonomiyaki di sua nonna. All'inizio il suo più grande problema è la costante e pressante richiesta del compagno Kouichi Aizawa e del professore Durandal Tohbari Kumohira di entrare come membro del club di Nindō (lett. "Via del Ninja"). Miharu non vuole avere nulla a che fare coi presunti "ninja" ed evita i due ogni volta.

Ben presto però viene attaccato da un gruppo di veri ninja, in sua protezione intervengono Kouichi e Kumohira, a loro volta veri shinobi. In questa situazione Miharu apprende dell'esistenza del mondo nascosto dei ninja, Nabari, e il ruolo del suo compagno di scuola e del suo professore in quel mondo, e dell'Arte segreta che è dentro il suo corpo, lo Shinrabanshō. Quest'arte, che consiste nella conoscenza di tutte le cose del mondo, è la più ambita nel mondo di Nabari. Sarà questo motivo a non permettere a Miharu di ritornare alla sua vita normale e costringerlo a trovare un ruolo nel mondo di Nabari per sopravvivere.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

I protagonisti dell'anime

Villaggio di Banten[modifica | modifica wikitesto]

Villaggio nato da una costola del villaggio di Iga, vicino all'orlo dell'estinzione. Attualmente è infatti ridotto ad un semplice club scolastico di Nindo nel mondo reale.

Miharu Rokujou (六条 壬晴 Rokujō Miharu?)
Il protagonista della serie, Miharu è uno studente di 14 anni. Malgrado possieda il più potente potere di Nabari, l'Arte segreta Shinrabanshō, ambita da tutti i ninja, Miharu non ne è interessato se non nel trovare un modo per estrarla dal suo corpo e tornare alla normale vita di sempre. Tende a mostrarsi indifferente a tutto ciò che gli succede intorno e a non esprimere dei sentimenti veri e forti.
Tobari Kumohira Durandal (雲平・帷・デュランダル Kumohira Tobari Dyurandaru?)
Professore di Rokujo e Kouichi, ha 25 anni. Nato in Irlanda Kumohira è attualmente il ninja a capo del villaggio di Banten nel mondo di Nabari, specializzato nello sciogliere sigilli. È del tutto consacrato alla protezione di Rokujo. Ha un'innata fobia a viaggiare con i mezzi di trasporto moderni, come treni e autobus.
Kouichi Aizawa (相澤 虹一 Aizawa Kōichi?)
Koichi è uno studente di 14 anni, compagno di Miharu e sottoposto di Kumohira. Sebbene normalmente abbia un atteggiamento energico e vitale davanti alle persone, diventa serio e inflessibile davanti ai suoi doveri da ninja. La sua natura non è umana, egli è un probabilmente frutto di un esperimento fatto dal precedente detentore dello Shinrabanshō, che aveva dopo numerosi tentativi falliti, è riuscito a donare l'immortalità a diversi animali e uomini. Il più grande desiderio di Kouichi è quello di morire, è molto affascinato dalla morte e vede lo Shinrabansho come uno strumento che potrebbe aiutarlo

Villaggio di Fuhma[modifica | modifica wikitesto]

Principale villaggio che si oppone all'uso del Shinrabanshō.

Kotarō Fūma (風魔 小太郎 Fūma Kotarō?)
Il capo del villaggio di Fuma, che ha scritto diversi libri riguardanti il ninjutsu e lo Shinrabanshō. Conosce tutte le tecniche ninja esistenti nel mondo di Nabari, ad eccezione delle tecniche proibite (kinjutsu) degli altri villaggi, ed è specialista della tecnica tenpenka che gli permette di trasformarsi in animali e persone. Ama le donne e infatti afferma che se avesse il potere del Shinrabanshō farebbe in modo che il villaggio di Fuma diventi un paradiso dove tutte le donne sarebbero innamorate di lui. In ogni caso, secondo Raimei, quel che dice Kotaro è per il 90% bugia.
Raimei Shimizu (清水 雷鳴 Shimizu Raimei?)
Raimei è una ragazza di 14 anni a guardia del mondo di Nabari, a capo del clan Shimizu. È inoltre una ninja di Fuma che predilige il combattimento con la spada piuttosto che l'uso dei ninjutsu, affermando di essere un samurai. Ha la tendenza a confondere le persone.
Saraba (サラバ Saraba?)
È la seconda in comando di Kotaro. A volte si allena con Raimei finendo anche col litigare perché viene considerata dalla ragazza una vecchia. Usa un martello di legno per combattere.
Jūji Minami (南 十字 Minami Jūji?)
Piccola ninja di appena 12 anni del villaggio di Fuma che ricopre il ruolo di medico.

Kairoshu[modifica | modifica wikitesto]

I Kairoshu sono una squadra d'élite di ninja che servono il villaggio di Iga, guidata da Hattori Tōjūrō.

Yoite (宵風 Yōite?)
Yoite è un ninja di 16 anni nel Kairōshū che utilizza la tecnica proibita detta Kira. Questa tecnica catapulta il "Ki" del praticante nel corpo di un obiettivo, permettendogli di controllarlo dall'interno, per esempio rompendogli le ossa o facendolo esplodere completamente. Il costo dell'utilizzo di questa tecnica è la graduale perdita di vita delle persone che la utilizzano, le quali perdono man mano i loro cinque sensi fino alla morte. Difatti, secondo il 4° volume, a Yoite rimangono circa due mesi di vita. Ha dimostrato inoltre di essere molto irascibile, infatti usa il "Kira" su di un fattorino per il semplice fatto che quest'ultimo lo ha chiamato "ragazzo carino". Yoite chiede a Miharu di esaudire un suo desiderio, ossia quello di essere cancellato dalla faccia della terra, minacciandolo di uccidere i suoi amici con il "Kira", che avrebbe presumibilmente inserito all'interno dei loro corpi.
Kazuhiko Yukimi (雪見 和彦 Yukimi Kazuhiko?)
Yukimi è il capo della squadra operativa, di cui fa parte anche Yoite, che si occupa del recupero dei rotoli delle tecniche proibite. Preferisce usare la pistola come arma e si comporta spesso in modo protettivo con Yoite, considerandolo un ragazzino che combina solo guai. Ha una sorella minore di nome Amatatsu.
Raikō Shimizu (清水 雷光 Shimizu Raikō?)
Raiko Shimizu è il fratello maggiore di Raimei. Sterminò la sua famiglia, risparmiando solo la sorella, per dimostrare la propria lealtà ai Kairoshu. Come si scoprirà in seguito in realtà uccise solo suo zio, che aveva a sua volta ucciso i suoi genitori scatenando così una guerra interna. Per non svelare la triste verità preferì far credere alla sorella di essere solo lui il colpevole della strage.
Gau Meguro (目黒 俄雨 Meguro Gau?)
Ragazzo sedicenne che venne salvato da Raiko, il quale lo introdusse al mondo di Nabari come suo assistente.

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Il manga è stato scritto e disegnato da Yūki Kamatani. È stato una delle serie della rivista shōnen Monthly GFantasy, ed è terminato il 18 agosto 2010 con la pubblicazione del capitolo 72 sul numero 9 della rivista stessa. La Square Enix ha raccolto i capitoli in tankōbon ed ha pubblicato 14 volumetti. I diritti per l'Italia sono stati acquistati dalla J-Pop, divisione della casa editrice Edizioni BD. I volumi sono usciti in Italia mensilmente dal 17 ottobre 2010[4][5] al 19 novembre 2011[6], tradotti da Sandro Cecchi.

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
127 novembre 2004[7]ISBN 978-4-7575-1327-3 17 ottobre 2010[5]ISBN 978-88-6123-908-1
227 aprile 2005[7]ISBN 978-4-7575-1422-5 12 dicembre 2010[8]ISBN 978-88-6123-934-0
318 ottobre 2005[7]ISBN 978-4-7575-1561-1 16 gennaio 2011[9]ISBN 978-88-6123-846-6
427 aprile 2006[7]ISBN 978-4-7575-1677-9 20 febbraio 2011[10]ISBN 978-88-6123-852-7
527 ottobre 2006[7]ISBN 978-4-7575-1768-4 27 febbraio 2011[11]ISBN 978-88-6123-952-4
627 aprile 2007[7]ISBN 978-4-7575-2007-3 31 marzo 2011[12]ISBN 978-88-6123-962-3
727 ottobre 2007[7]ISBN 978-4-7575-2128-5 21 maggio 2011[13]ISBN 978-88-6123-988-3
827 marzo 2008[7]ISBN 978-4-7575-2248-0 25 giugno 2011[14]ISBN 978-88-6634-038-6
918 agosto 2008[7]ISBN 978-4-7575-2366-1 24 luglio 2011[15]ISBN 978-88-6634-061-4
1027 dicembre 2008[7]ISBN 978-4-7575-2453-8 27 agosto 2011[16]ISBN 978-88-6634-087-4
1127 giugno 2009[7]ISBN 978-4-7575-2600-6 24 settembre 2011[17]ISBN 978-88-6634-104-8
1226 dicembre 2009[7]ISBN 978-4-7575-2767-6 15 ottobre 2011[18]ISBN 978-88-6634-129-1
1326 giugno 2010[7]ISBN 978-4-7575-2919-9 12 novembre 2011[19]ISBN 978-88-6634-144-4
1427 gennaio 2011[7]ISBN 978-4-7575-2919-9 19 novembre 2011[6]ISBN 978-88-6634-145-1

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Nabari.
Copertina dell'edizione italiana dell'anime distribuita da Dynit

L'anime, ispirato al manga, fu creato dal J.C.Staff con la regia di Kunihisa Sugishima e i 26 episodi sono stati trasmessi su TV Tokyo dal 6 aprile al 28 settembre 2008.

La serie è stata doppiata in italiano dalla società di doppiaggio CD Cine Dubbing, con direzione del doppiaggio affidata a Fabrizio Mazzotta, e pubblicata in 7 DVD dalla Dynit. Dal 28 ottobre 2008 al 5 maggio 2009 è stata trasmessa da MTV Italia, dapprima in prima visione nel contenitore Anime Night del martedì sera alle ore 21, poi dall'episodio 9 trasmesso il 27 dicembre 2008 la prima visione si è spostata al sabato pomeriggio e nell'Anime Night veniva trasmessa la replica[20]. Dal 19 luglio 2011 l'anime è stato pubblicato per la visione in streaming sul sito Popcorn TV[21], ed era visibile su tale sito finché non è stato rimosso nel 2012.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Miharu Rokujou Rie Kugimiya Maura Cenciarelli
Tobari Kumohira Daisuke Namikawa Giuliano Bonetto
Koichi Aizawa Satoshi Hino Davide Perino
Raimei Shimizu Ayumi Fujimura Letizia Ciampa
Fata Shinrabansho Yukari Tamura Alessia Amendola
Yoite Mitsuki Saiga Emiliano Coltorti
Kotaro Fuma Ryōtarō Okiayu Christian Iansante
Saraba Akeno Watanabe Alessandra Chiari
Juji Minami Kimiko Koyama Monica Volpe
Hattori Tojuro Jouji Nakata Michele Kalamera
Ichiki Yuri Amano Francesca Manicone
Yukimi Kenjirō Tsuda Alessandro Quarta
Naoko Kumiko Takizawa Lorenza Biella
Masami Yamase Tohru Kusano Stefano Mondini
Korin Shimizu Shōko Tsuda Cristina Poccardi
Raiko Shimizu Junichi Suwabe Stefano Crescentini
Gao Meguro Nobuhiko Okamoto Gabriele Patriarca
Yae Oda Satsuki Yukino Antonella Baldini
Kato Soro Tetsuya Kakihara Luigi Morville
Nowake Hideo Takumi Yamazaki Mauro Gravina
Eugene Frosty Takehiko Kano Leslie James La Penna

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha una sola sigla iniziale:

Ce ne sono invece due finali:

  • Hikari, ep. 1-15, scritta ed interpretata dalla cantante giapponese Elisa con testo di Emi Nishida
  • Aru ga Mama (あるがまま?), ep. 17-26, di Anamu & Maki

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nabari No Ou, Vol. 1, Yen Press. URL consultato il 4 novembre 2018.
  2. ^ In Giappone volge al termine anche il manga Nabari no Ou, in AnimeClick.it, 10 luglio 2010. URL consultato il 5 novembre 2018.
  3. ^ Marco Schiavone, J-Pop News, J-Pop. URL consultato il 5 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2010).
  4. ^ Francesca Guarracino, Recensione Nabari vol. 1 – J-Pop, in MangaForever, 3 novembre 2010. URL consultato il 5 novembre 2018.
  5. ^ a b Nabari 1, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  6. ^ a b Nabari 14, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n (JA) 作家名別出版物一覧「か」, Square Enix. URL consultato il 5 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2012).
  8. ^ Nabari 2, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  9. ^ Nabari 3, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  10. ^ Nabari 4, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  11. ^ Nabari 5, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  12. ^ Nabari 6, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  13. ^ Nabari 7, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  14. ^ Nabari 8, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  15. ^ Nabari 9, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  16. ^ Nabari 10, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  17. ^ Nabari 11, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  18. ^ Nabari 12, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  19. ^ Nabari 13, AnimeClick.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  20. ^ Modifica palinsesto Anime di MTV per le festività, in AnimeClick.it, 17 dicembre 2008. URL consultato il 5 novembre 2018.
  21. ^ Popcorn TV: nuove serie anime, anche per bambini (Chi's Sweet Home), in AnimeClick.it, 23 luglio 2011. URL consultato il 5 novembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga