Blue submarine no. 6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ao no Roku-go
manga
No immagini.png
Titolo originale Ao no Roku-go
Autore Satoru Ozawa
Editore Shogakukan
1ª edizione 8 gennaio 1967 – 5 novembre 1967
Collana 1ª ed. Shōnen Sunday
Periodicità Settimanale
Tankobon 3 (completa)
Genere
Blue Submarine No. 6
OAV anime
Blue sub.jpg
Titolo originale Ao no Roku-go
Regia
Soggetto Hiroshi Yamaguchi
Sceneggiatura Mahiro Maeda
Character design
Mecha design
Direzione artistica Masanori Kikuchi
Studio GONZO
1ª edizione 25 ottobre 1998 – 25 marzo 2000
Episodi 4 (completa)
Durata ep. 25 min
Rete italiana MTV Italia
1ª edizione it. ottobre 2001
Episodi it. 4 (completa)
Durata ep. it. 25'
Dialoghi it.
Doppiaggio it.
Genere

Blue Submarine No. 6 (青の6号 Ao no Roku-go?) è un OAV creato dallo studio Gonzo tra il 1998 ed il 1999.

La storia è ambientata in un futuristico scenario terrestre, dove il livello degli oceani è notevolmente aumentato. In questo anime la Gonzo fa utilizzo di computer grafica per la creazione dei mecha, che in questo caso sono sottomarini, flotte e mezzi da combattimento, come poi è stato per tutte le serie create in seguito da questo studio.

In Italia è stato trasmesso sul canale MTV nell'ottobre del 2001 grazie al doppiaggio della Dynamic Italia, con successive repliche negli anni successivi.

Il soggetto dell'anime è stato tratto dall'omonimo manga di Satoru Ozawa, serializzato dalla Shogakukan sulla rivista Shonen Sunday nel 1967.

Trama[modifica | modifica sorgente]

In un futuro non ben precisato il famoso ed un tempo rispettato scienziato Jung Zorndyke, ex membro di un gruppo di ricercatori facenti parte del progetto "blue" (che voleva realizzare un mondo migliore, più verde, partendo dalla trasformazione del circolo polare antartico in un paradiso terrestre) ha creato una moltitudine di specie nuove. Probabilmente sono un ibrido umano-animale di cui la maggior parte umano-pesce, ma vi sono anche animali con "armi" o ibridi come la nave fantasma che è metà una corazzata in stile Yamato e sotto una sorta di grande balena o pesce come suo scafo. Buona parte di queste creature ha l'intelligenza ed uno spiccato senso di sopravvivenza, nonché un profondo odio per gli uomini che per primi li hanno attaccati ed uccisi. Il protagonista è un membro di una spedizione di pace organizzata anni prima per parlamentare con Zorndyke (che nel frattempo ha sommerso buona parte della superficie terrestre, non viene mai specificato come), ma arrivati molto vicino alla loro meta ed al poter ammirare il "paradiso" da esso costruito, lui ed il suo compagno (che tornerà nella storia come ibrido umano-pesce per "fare da guida" e che scatena i flashback del protagonista sulla spedizione) sono attaccati senza motivo dalla nave fantasma. Nel frattempo la Blue Fleet (un'organizzazione nata dall'unione di tutte le forze armate rimaste) deve impedire il realizzarsi del nuovo piano "finale" di Zorndyke, che si scoprirà essere un meccanismo che invertirà i poli magnetici distruggendo la vita umana sulla terra definitivamente. Ha calcolato tutto per fare in modo che, nel caso in cui gli umani scaglino un attacco all'antartico, che ora egli considera la propria casa, tramite i missili atomici, il meccanismo che è collegato al suo cuore (nel petto ne ha uno artificiale) scateni il "pole shift". Hayami (il protagonista) ed in particolare il sottomarino Blu n. 6 (il pezzo migliore della flotta non a caso) dovranno riuscire a salvare il mondo.

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Il doppiaggio italiano è stato effettuato da Dynamic Italia nel 2001.[1]

Personaggio Seiyū giapponese Doppiatore italiano
Tetsu Hayami Hozumi Gōda Massimo de Ambrosis
Mayumi Kino Yukana Nogami Ilaria Latini
Tokuhiro Iga Kinryū Arimoto Francesco Pannofino
Cydra Deadsun Unshō Ishizuka Alessandro Rossi
Yuri Hayakocski Hirotaka Suzuoki Vittorio De Angelis
Melin Hoan Ayaka Saitō Letizia Ciampa
Yung Zorndyke Takeshi Wakamatsu Dario Penne
Berg Shōtarō Morikubo Simone Mori
Makio Yamada Tsutomu Taruki Roberto Gammino
Freeda Velasco Yōko Sōmi Rossella Acerbo
Nonaka Katsuma Toshihiko Seki Antonio Sanna
Koichi Nakamura Kōsei Yagi Sandro Sardone
Alessandro David Hōchū Ōtsuka David Chevalier
Novo Shinji Ogawa Nino D'Agata
Akahage / Marco Mete
Heihachi Marunami / Giorgio Lopez
Narushio / Simone Mori
Toko Gusk / Tiziana Avarista
Hyoken Yu / Fabrizio Manfredi
Gilford / Cristina Boraschi

Episodi[modifica | modifica sorgente]

La serie OAV è composta da 4 episodi:

Titolo italiano In onda
Giappone
1 Blues 25 ottobre 1998
2 Pilots 25 febbraio 1999
3 Hearts 25 agosto 1999
4 Minasoko 25 marzo 2000

Musiche[modifica | modifica sorgente]

Le musiche della serie sono a cura di "The Thrill". La sigla iniziale invece, "Mina soko ni Nemure", è cantata da "The Thrill" assieme a "Yukarie".

Giochi[modifica | modifica sorgente]

Dalla serie ne sono stati tratti due videogiochi, prodotti nel 2000, e realizzati dalla Bandai Visual e dalla SEGA.

  1. 青の6号 アンタクティカ (Blue submarine no. 6 Antakutika?)
  2. 青の6号 歳月不待人 TIME AND TIDE (Blue submarine no. 6 Saigetsu fumachibito?)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tutte le notizie sono prese dalla pagina del Mondo dei Doppiatori. URL consultato il 04-03-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]